Home / Senza categoria / Taglio dell’Ici è polemica

Taglio dell’Ici è polemica



Per abolire la tassa comunale sarebbero stati utilizzati i fondi destinati alle infrastrutture del Sud
«Fondi sottratti a Calabria e Sicilia» i politici insorgono contro il governo


CATANZARO ” Scoppia la polemica sull’Ici. I fondi che l’attuale governo ha previsto per il taglio della tassa comunale, ben 1.600 milioni di euro, sono quelli che il precedente governo aveva destinato per le infrastrutture di Calabria e Sicilia.
Cioè quei soldi che l’esecutivo Prodi, dopo aver detto no al Ponte sullo Stretto, aveva deciso di destinare alle opere urgenti delle due regioni. Questo, almeno, quello che è trapelato. E le proteste fioccano. «Quello che temevamo è avvenuto – l’ex sottosegretario alle Infrastrutture, Luigi Meduri – dopo le roboanti dichiarazioni in favore del Mezzogiorno e dopo avere scippato i voti ai calabresi e ai siciliani, il primo provvedimento del governo Berlusconi azzera totalmente gli accordi firmati tra le Regioni Calabria, presidente Loiero, e Sicilia, presidente Cuffaro, ed il governo Prodi per interventi infrastrutturali sui due territori che utilizzavano i fondi ex Fintecna per il ponte sullo Stretto di Messina.
La cosa ” aggiunge Meduri ” se non fosse drammatica sarebbe ridicola. Come si fa a disimpegnare 1.600 milioni di euro il cui riutilizzo definito in lunghi e laboriosi incontri tra Regioni e Ministero avrebbe risolto numerosi problemi di infrastrutture primarie nelle due regioni? A ulteriore disdoro per le popolazioni calabresi e siciliani i fondi non vengono disimpegnati a favore della costruzione del ponte, ma per risolvere il problema dell’Ici».
La capogruppo del Pd al Senato Anna Finocchiaro, che è stata anche candidata alla presidenza della regione Sicilia, parla di «scippo nei confronti della Sicilia e della Calabria. I soldi ex-Fintecna erano stati destinati dal governo Prodi alla realizzazione di una serie di opere infrastrutturali da realizzare in Sicilia ed in Calabria. Se corrispondesse al vero la notizia che il taglio dell’Ici annunciato dal governo Berlusconi è coperto da questi fondi ci troveremmo di fronte ad una scelta molto grave. Da una parte ” osserva Anna Finocchiaro “si riannuncia in pompa magna che di qui a poco si poserà  la prima pietra per il Ponte sullo Stretto e dall’altra si tagliano risorse importanti destinate alla crescita e alla modernizzazione della Sicilia. Se il buon giorno si vede dal mattino ci troviamo davvero di fronte al primo grande successo dell’alleanza tra Pdl e l’Mpa».
Il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero, parla di «follia». «Da un governo che fin dai primi atti ha mostrato di ignorare la Calabria ” ha aggiunto Loiero ” non ci si poteva perಠattendere altro. Prevedo tempi duri per il Mezzogiorno. Contro tale decisione ci batteremo con tutte le nostre forze. Non si puಠabbattere l’Ici a spese dei calabresi. Non si possono sottrarre fondi già  assegnati a una regione come la nostra che si sta impegnando a colmare il divario storico con le regioni del Nord e non puà², per tale motivo, rinunciare a un euro di quanto le è dovuto». «Chiederಠconto al governo ” ha concluso Loiero ” ma soprattutto lo chiederanno i calabresi. Mi sono personalmente impegnato in una trattativa difficile con il governo Prodi che pure ha mostrato sempre grande attenzione alla Calabria. E mi domando che ne sarà  delle opere che avevamo individuato e già  programmate».
Per il vice presidente della Commissione Finanze della Camera Sergio D’Antoni (Pd) «se dovesse essere confermata la notizia di una copertura dell’Ici con i fondi già  assegnati per le opere infrastrutturali in Sicilia e in Calabria saremmo in presenza di una misura anti-meridionale che dimostrerebbe in concreto l’impostazione nordista di questo governo».
il deputato Nicodemo Oliverio, capogruppo del Pd in Commissione Agricoltura, sulla vicenda annuncia un’interrogazione parlamentare. «Nel giro di pochi giorni il Governo Berlusconi ha confezionato un doppio pacco regalo per la Calabria: dopo la mancata nomina di ministri, sottosegretari o presidenti di commissione calabresi arriva lo scippo dei fondi ex Fintecna, di cui una parte era stata destinata dal Governo Prodi per la realizzazione di infrastrutture in Calabria.
Certo è che se il buongiorno si vede dal mattino, il Sud dal Governo Berlusconi non puಠaspettarsi altro che prese in giro e parole».


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Mercato azionario: come investire ai tempi del Coronavirus secondo Tradingcenter.it

Con ogni probabilità il 2020 verrà ricordato soprattutto come l’anno del Coronavirus. La pandemia da …

3 comments

  1. … comuni senza ICI ? ahia ahia ahiaiii !!!!

  2. il commento di rassegnato e quello successivo di Zlatan sono stati spostati in post più attinente all’argomento emergenza spazzatura. Il Post in cui detti commenti sono stati spostati è “Ovattato Silenzio” dello scorso 22 Maggio. Mentre l’ultimo di zlatan è stato spostato nel post “Ecco i ministri del…” I prossimi commenti ‘OT’ verranno cancellati. il Gestore

  3. Vivo a pochi kilometri dalla guerriglia. La mia vita prosegue come al solito ma una angoscia, latente per la maggior parte del tempo, ogni tanto mi assale e mi costringe a riflettere: Cosa sta succedendo?
    La polizia carica la gente indiscriminatamente, sta facendo quello che gli pare… botte negli stinchi, donne anziane malmenate, bambini feriti, orologi e braccialetti strappati. E i manifestanti hanno ragione? non costruendo le nuove discariche di chi si farebbero gli interessi? e costruendole quali sarebbero le conseguenze sanitarie? e gli inceneritori cittadini sono davvero totalmente innocui? Ma soprattutto come si e’ arrivati a tutto questo? Con chi prendersela? Bassolino, jervolino, berlusconi, la camorra…
    Manifestando si finisce processati per direttissima e si va in galera (gia’ e’ successo a due persone): di fatto questo accade nei regimi totalitaristi e adesso arrivera’ anche l’esercito a presidiare i siti… si prospetta una guerra civile… L’altra mattina aprendo la finestra ho sentito nell’aria uno strano tanfo di uova marce e di roba bruciata… ho avuto molta paura… napoli sara’ la prima citta’ ad essere una degna rappresentate del mondo nuovo: simile a quello descritto da William Gibson o in altri romanzi cyberpunk, in cui il cielo e’ perennemente grigio e non esiste piu’ vegetazione. Ho paura, ho molta paura…
    Il governo fa gli interessi dei suoi singoli componenti e autorizza le maniere forti… Almeno il fascismo aveva un suo sogno utopico. L’utopia del nostro regime invece è il sogno di un signore ultra settantenne che ne dimostra 50 e che vuole vivere in eterno, il cui potere ora e’ davvero sconfinato e totale.
    Sono frastornato e impaurito.
    Oltre che rassegnato.

error: Materiale protetto da copyright