Home / COMUNI / TORTORA / Un libro sulla mafia stasera a Tortora

Un libro sulla mafia stasera a Tortora



L’autore è Marcello Cozzi responsabile Formazione di Libera
L’opera getta luce sulla mala lucana cresciuta in questi anni

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

di MATTEO CAVA

TORTORA ” “Quando la mafia non esiste. Malaffare e affari della mala in Basilicata” è il titolo del volume che sarà  presentato domani alle 21,30 presso l’atrio del Museo di Casapesenna nel centro storico di Tortora.
La serata è stata promossa dall’Amministrazione comunale di Tortora e dalla libreria Victoria di Praia a Mare.
Sarà  presente l’autore Marcello Cozzi, prete dal 1990 e responsabile Formazione di Libera ” associazioni, nomi e numeri contro le mafie, creata da don Luigi Ciotti tredici anni fa. Apriranno la manifestazione, moderata da Giovanna Marchionna, i saluti del sindaco Giuseppe Silvestri e dell’assessore alla cultura Michele Cozza.
Gli interventi sono affidati a Sabrina Bernardo, Laura Luongo, Gerardo Melchionda e Giuseppe Serio. Nel volume Marcello Cozzi raccoglie storie di omicidi, casi di usura, la scomparsa nel nulla di persone, piccoli e grandi fatti di sangue, tutti avvenuti in Basilicata negli ultimi anni, in una terra che fino a poco tempo fa era considerata “un’isola felice”, lontana anni luce dai fatti criminosi che accadevano in Calabria o in Campania ad opera di ‘ndrangheta e camorra. Il libro, quindi, mette di fronte ad una verità  per molto tempo sottaciuta, costringe a confrontarsi con fatti documentati e persone realmente esistite, a prendere coscienza di una realtà  che non è quella che si credeva.
I dubbi, tanti, restano, dopo aver letto il volume, ma anche le certezze che sono i nomi, i fatti ed i luoghi raccontati, i documenti e gli atti d’inchiesta. E questi non si possono dimenticare.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Personale positivo ma in servizio? Sindaco sporge querela

Il particolare nello sfogo del dipendente di una Rsa in quarantena obbligatoria dopo il primo …

2 comments

  1. Questa interessante iniziativa ci aiuterá ancora una volta a credere ed essere fiduciosi che soltanto denunciando i fatti di mafia é possibile sconfiggere la criminalitá….sono contento che questa iniziativa sia patrocinata dall’ammistrazione tortorese e spero che molti giovani siano presenti all’evento. Combattere la criminalitá significa anche dare risposte nuove ai giovani a cominciare dal lavoro…ma non soltanto bisogna pulire il territorio dai soprusi siano essi di sperpero del denaro pubblico che da processi di arrichimenti personali e da fatti criminali. C’é bisogno di innescare un processo di solidarietá attraverso la creazione di nuove opportunitá lavorativve e comprendere con serietá i fabbisogni veri della gente.
    Auguri per l’incontro di questa sera
    da Gipo Petrucci

  2. Mai tema e dibattito piiù azzeccato poteva proporre l’amministrazione comunale di Tortora…..prendiamone atto…r

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright