Home / COMUNI / PRAIA A MARE / Depuratore assassino: parola alla piazza

Depuratore assassino: parola alla piazza



Alcuni giorni di tregua e torna la puzza. I cittadini all’azione
Vicenda irrisolta e controversa. Le autorità  non rispondono

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

di Andrea Polizzo

TORTORA ” Il “depuratore assassino” di via Falconara di Tortora continua a creare problemi. Chi di dovere non risolve il problema e i cittadini esausti decidono di passare all’azione.
Alle 18 di oggi pomeriggio la cittadinanza è chiamata a raccolta in Piazza Rivetti, località  Laccata, dal Comitato diritti dei cittadini che raccoglie una rappresentanza dei soggetti colpiti in prima persona dal disagio provocato dall’impianto tortorese mal funzionante. Tra essi semplici cittadini dei quartieri di Tortora prossimi al depuratore, abitanti della località  del comune di Praia a Mare denominata Laccata e i commercianti di corso Aldo Moro. Nel corso dell’incontro oltre a decidere eventuali manifestazioni di protesta verrà  valutata la possibilità  di adire a vie legali e chiedere il risarcimento dei danni.
Recentemente da queste pagine era stato denunciato lo stato indecente in cui questi soggetti si ritrovavano, per l’ennesimo anno consecutivo, a vivere o a lavorare a causa dei miasmi provenienti dall’impianto gestito dalla società  Smeco.
A seguito dell’attenzione mediatica si sono tenuti degli incontri tra i cittadini e i sindaci dei due comuni confinanti interessati dal problema. Il Sindaco di Tortora, Giuseppe Silvestri, annunciಠl’utilizzo di particolari prodotti nelle vasche del depuratore e nelle pompe di sollevamento. Si era poco oltre la metà  di Luglio ed effettivamente ne derivಠun miglioramento. Ma nei primi giorni di agosto, in corrispondenza di un aumento consistente di presenze turistiche, per queste persone è ricominciato il calvario.
Mentre ancora non è dato sapere il perché del mancato utilizzo di questi prodotti in precedenza si apprendono particolari che rendono la vicenda ancora pi๠incresciosa. L’impianto è ancora gestito dalla Smeco ma i recenti interventi sono a carico del comune e quindi dei contribuenti. Inoltre dai rappresentanti del comitato cittadino si apprende che a seguito di un incontro avvenuto nel novembre scorso la Smeco aveva deciso di disimpegnarsi dalla gestione del depuratore a causa delle ben note vicende che l’hanno accompagnata. Ma l’amministrazione Silvestri si è opposta a questa decisione. Infine nei mesi scorsi si era registrata una perdita dalla vasca appena realizzata nell’ambito dei lavori di ampliamento dell’impianto. Tutti elementi che confermano lo scetticismo che ruota attorno alla gestione e alla scelta di affidamento a privati del depuratore.
Ma a guardare bene l’aspetto peggiore della vicenda consiste nelle risposte inutili o inesistenti che le varie autorità  competenti hanno deciso di riservare alle domande di questi cittadini. La lista degli enti investiti del problema, documentata dai rappresentanti dei cittadini con tanto di ricevute di ritorno, è lunghissima. I sindaci dei due comuni e i rispettivi assessori all’igiene ed all’ambiente; Prefettura di Cosenza; presidente della regione Calabria; ufficio del Commissario straordinario per l’emergenza ambientale della Calabria; dirigente dell’Asl; Carabinieri della stazione di Praia a Mare; Procura; Ufficio marittimo; Nucleo operativo ecologico. Il tutto a cominciare dall’agosto dell’anno scorso: circa un anno senza venire a capo del problema.
Per questi motivi i cittadini hanno deciso di passare all’azione. Tra chi, come l’amministrazione comunale, propone le solite risposte senza risultati e chi, come il dirigente Asl che sull’argomento cade dalle nuvole nonostante le notifiche e gli articoli usciti sui giornali, i cittadini hanno deciso di rimboccarsi le maniche e di impegnarsi in prima persona.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Primo caso di Covid-19 nel Comune di Tortora

Una persona residente e impiegata presso una struttura sanitaria della costa positiva al tampone effettuato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright