Home / IN PRIMO PIANO / Lettera aperta di un turista

Lettera aperta di un turista


promo_insideTORTORA – La Calabria fa parte di una geografia romantica. E’ una terra ricca di storia e di cultura che spesso raccontiamo a chi viene a visitare questo lembo di terra che è un Paradiso.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

Mi chiamo Pinuccio Vizzi e sono portavoce dell’ Associazione culturale “II Cittadino” nonché ex esponente del Partito Democratico. Oggi c’è un bagno di folla di turisti e villeggianti a Tortora Marina.
Tortora. Il suo lungomare rappresenta un gioiello che andrebbe meglio curato ed il suo litorale e’ una macchia mediterranea di colori multiforme di ombrelloni che si estendono fino a Praia a Mare senza discontinuità.
Il mare è pulito ed i lidi sono ben attrezzati. Uno solo mi ha colpito più di tutti ed è il lido “La Lampara” gestito dal titolare Sig. Claudio e dalla sua Signora, sempre sobria ed elegante, cura le relazioni con la clientela. Al Bar c’è il Sig. Biagio che è molto “gettonato” dai clienti.

“La Lampara” e’ una sosta obbligata perché l’ambiente è signorile, l’accoglienza è straordinaria, l’aria che si respira sul terrazzo è frizzante ed è un belvedere che si affaccia sulle acque, di colore azzurro, del Tirreno.
Tanta è la simpatia e la cordialità dei villeggianti che frequentano questo Lido che sembra di essere a Portofino o a Porto Cervo. I servizi ci sono tutti compreso quello dell’aperitivo sulla spiaggia che i bagnini espletano con professionalità  e signorilità. Il Lido è composto da una clientela selezionata sempre esigente ed elegante che ricorda quella ricca e opulenta del compianto Conte Rivetti a Maratea.
Questo e’ il turismo di qualità  che va nella direzione giusta per risollevare dal degrado il territorio. E una speranza che non deve morire.

Pinuccio Vizzi


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Diamante, pusher di eroina condannato a 2 anni e 8 mesi

Dopo la convalida dell’arresto, l’uomo ha scelto il rito abbreviato. Immediata definizione del processo a …

8 comments

  1. Ha proprio ragione sig. Vizzi è un esempio che si deve seguire

  2. Next time, whenever you do write an open letter or an article, please, “Think twice before you leap” and do try to double-check your “Facts and Figures”… So, you will convey the information right, eventually !!!

    Qualche piccola precisazione!!!

    Ci dispiace per Portofino e Porto Cervo. Ci fa piacere per Tortora… Non è che il Signor Pinuccio Vizzi sia troppo interessato!!! A dir poco, la lettera risulta altresì contraddittoria e molto soggettiva, perché non si può parlare di lidi ben attrezzati e poi menzionarne soltanto uno in particolare…

    Tanti altri lidi annoverano Clienti Civili!!!

    A titolo informativo, ci terrei a precisare che c’è un Lido, dove si fa la selezione. Ci sono ben tre generazioni. E’ stato il pioniere ed è operativo da 24 anni con una clientela eccezionale e vi sono anche i cosiddetti “FEDELISSIMI”.

    Inoltre, i clienti vengono tutti schedati ed il Titolare mira piu’ alla qualità che la quantità e s’è necessario fa pure il terzo grado e richiede un Documento di riconoscimento. È onnipresente, cortese, professionale, altruista e non materialista, offre una miriade di servizi ed accetta ben volentieri critiche costruttive, nonché consigli utili. Fa consulenza, da consigli e forse è l’unico a possedere un Sito WEB… a livello internazionale ed a tenerci veramente per la crescita del Paese.

    La “Lampara” indubbiamente è una solida struttura. Non per niente, risale agli anni 70. Bisogna “ringraziare” gli Amministratori Comunali che non hanno saputo apprezzare tutti i progetti che negli anni, tanti volenterosi hanno presentato nell’intento di veramente valorizzare il Lungomare.

    Resta il fatto, che la maggior parte degli amministratori non vogliono che Tortora progredisca, bensì resti abbandonata a se stessa.

    Spesso e volentieri si parla di “RIPASCIMENTO”… ed intanto ogni anno la spiaggia si ritira di qualche metro…

    Se si vuole crescere nell’era tecnologica ci si deve adeguare, creando delle strutture ricettive e provvedere a formare un personale altamente qualificato e specializzato.

    A mio avviso, ci vorrebbero piu’ controlli: Bisognerebbe fare un censimento, far pagare la tassa di soggiorno, far pagare delle tasse a tutti coloro che affittano le proprie abitazioni e dichiararne l’agibilità.

    Ci dovrebbe essere la presenza della Polizia Municipale sul Lungomare, divenuto ormai una “Pista Ciclabile”. Visto e considerato che si pagano un sacco di tasse, si dovrebbe provvedere anche allo smaltimento della spazzatura.

    Infine, anziché d’intervenire inutilmente e fare dei servizi fotografici, i Vigili, dovrebbero occuparsi di faccende più serie… Potrei dilungarmi, “ but I will let your imagination work”!!!

  3. E chi è questo proprietario del lido cosi bravo?

  4. Logicamente, non sono al corrente se “Giuseppe” sia propretario di uno Stabilimento Balneare e può darsi che non faccia parte di questo “Nostro Pianeta”, altrimenti si sarebbe accorto che la mia lettera è firmata con nome e cognome e con tanto di indirizzo elettronico, nonchè “Sito Web”!!!

    Quindi, anzichè di fare dell’ironia…, avrei preferito una sua opinione personale sui vari problemi da me menzionati precedentemente…

    Cerchiamo, altresì di essere costruttivi e di non pensare solo agli interessi delle varie “Associazioni” di cui si parte…

  5. Infatti… ho avuto anche io l’impressione che il post di questo “ex esponente del partito democratico” sia stato un jingle pubblicitario piu’ che una lettera aperta.
    Come dire “se ve lo dico io che sono un politico ci potete credere”…
    ma per piacere…

  6. da: Gianluca Tedesco

    Salve,

    sono un turista che viene a Tortora da ormai 30 anni considerandola come una seconda casa.
    Devo a malincuore mettere in risalto che la città ha subito in questi anni un degrado continuo, infatti, le amministrazioni locali non offrono nulla.
    Vi faccio qualche esempio di disservizi ricevuti:
    1. Mi reco in Pronto soccorso all’Ospedale di Praja con un bambino di 9 anni che ha subito un colpo alla spalla e mi chiedono il pagamento di un ticket per un codice rosso e dopo la visita pediatrica mi mandano all’Ospedale di Lagonegro dicendomi di non poter effettuare né Radiografia né visita ortopedica.
    A Lagonegro invece mi fanno presente che la procedura non era quella eseguita (a Praja avrebbero dovuto provvedere a fare Rx e visita ortopedica), comunque a Lagonegro provvedono a tutte le cure del caso. In poche parole…abbiamo pagato un ticket per un servizio non ricevuto!!!
    2. Si fanno tanti Km con la speranza di trovare un mare pulito ma ogni mattino dobbiamo correre in spiaggia entro le 11.30 perché sistematicamente il mare da cristallino si trasforma in un raccoglitore di liquame. Questa sistematicità non è sicuramente casuale quindi mi chiedo perché le Amministrazioni Comunali non provvedano ai controlli del caso!??!
    3. Rifacendomi alla lettera aperta di un turista ed al commento di Tony Mammì, ci terrei a precisare che concordo pienamente quanto messo in evidenza da quest’ultimo e mi auguro che vengano veramente presi dei provvedimenti in proposito.
    4. Infine, vorrei aggiungere che, la qualità del turista peggiora anno dopo anno ed occorrerebbe che le Amministrazioni effettuassero una selezione a monte e non a VALLE come è COSTRETTO A FARE Tony Mammì… e controllando a chi vengono affittati gli appartamenti.
    5. Anch’ io potrei dilungarmi, ma spero solo che le cose migliorino, altrimenti prima o poi le persone per bene tenderanno a non venire più ed ad andare a trascorrere le vacanze estive altrove…

    E’ QUESTO QUELLO CHE VOLETE?….

    Gianluca Tedesco

  7. grazie signor Tedesco per la sua testimonianza. Ciò che è successo all’ospedale è disdicevole. il Gestore

  8. Ciao a tutti, non era mia intenzione far pubblicare l’intervento del Sig . Vizzi, effettivamente poteva essere di parte e chi mi conosce sa come fuggo da queste manifestazioni. Cerco soltanto di fare il mio lavoro nel miglior modo possibile, sperando che in noi tortoresi si incrementi l’amore per il territorio e la passione per il turismo…che in molti casi manca. Un saluto a tutti e….rilassatevi un attimo
    claudio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright