Home / COMUNI / PRAIA A MARE / Una storia di disagio sociale

Una storia di disagio sociale


La burocrazia che rende inumana l’assistenza sanitaria
Senza indennità  d’accompagnamento anche per 1 anno  

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

di Andrea Polizzo

PRAIA A MARE ” Spesso alla base delle storie di disagio sociale troviamo elementi costitutivi dello stato sociale stesso. Legislazione assistenziale, sanità , burocrazia sono gli elementi portanti della storia raccontataci dalla signora Rosaria Mandato.
Rosaria è madre di una bambina di 15 anni affetta dalla nascita da deficit cognitivo di grado grave con disturbi del comportamento, come le hanno certificato regolarmente gli specialisti che l’hanno visitata. Per questo motivo la famiglia ha chiesto ed ottenuto che alla piccola venisse riconosciuta un indennità  di accompagnamento per poche centinaia di euro mensili. Poche ma indispensabili per le sue cure dal momento che i suoi genitori sono disoccupati.
Qui viene fuori l’assurdo alla base del disagio. Il regime assistenziale prevede la rivedibilità  triennale del contributo. Ovvero, ogni tre anni la signora Rosaria è costretta da una legge generica a confermare agli enti sanitari la malattia di sua figlia. Come se ne potesse guarire. Nel frattempo che la burocrazia muova i suoi lenti passi il contributo viene sospeso. Per la sua riattivazione possono passare mesi.
“Dopo una prima visita a Cetraro ” racconta Rosaria ” bisogna recarsi a Cosenza per una nuova visita ed avere quindi il parere della commissione invalidi. A Cetraro siamo andati lo scorso 5 maggio e, ad oggi, ancora non abbiamo ricevuto convocazione da Cosenza. Ci rispondono che dovrebbe giungere in questo mese, al pi๠tardi nel prossimo. Facendo una previsione il contributo potrebbe essere riattivato intorno a maggio o giugno prossimi.
Praticamente un anno senza aiuti economici. Rosaria ci racconta che è già  qualcosa visto che la sospensione precedente è andata avanti per un anno e mezzo con in pi๠storie di documenti smarriti per ben tre volte. Il cumulo degli arretrati verranno poi rimborsati per intero ma nel frattempo le difficoltà  economiche, per le necessarie cure alla bambina, sono facilmente immaginabili. Come in questo momento in cui le 50 euro per l’acquisto di un farmaco spray che la aiuti a respirare diventano una montagna insormontabile, praticamente un lusso.
Chiediamo se esiste un modo per evitare la sospensione. “Si ” risponde la signora Mandato “. Il rinnovo si puಠchiedere in anticipo sulla data di scadenza triennale. Ma a me è successo di fare domanda tre mesi prima ma di essere convocata solo a due settimane dalla scadenza.
 Una storia difficile quella raccontataci. Aggravata dalla confidenza che la burocrazia colpisce tutti noi, ma ci sono casi in cui il rinnovo non è soggetto a sospensione. È anche nella scarsa umanità  di questi trattamenti, di queste storie, che si leggono i segni del disfacimento della nostra società .


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

amare praia inaugurazione sede candidati anna maiorana sindaco consulenza bilancio

Amare Praia: “Solidarietà all’assessore Faviere”

Amare Praia condanna il gesto: ignoti hanno forato le gomme dell’auto dell’assessore al commercio di …