Home / COMUNI / TORTORA / Scuola, in difesa dell’autonomia

Scuola, in difesa dell’autonomia



Maggioranza e minoranza unite verso un’unico obiettivo
L’assessore Cozza soddisfatto per l’Istituto comprensivo

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

 

DI MATTEO CAVA

 

TORTORA – L’amministrazione comunale di Tortora ha cercato di evitare la scomparsa delle realtà scolastiche come quelle del centro storico.

 

L’assessore al ramo Michele Cozza ha espresso soddisfazione per aver “disegnato” un percorso che ha poi garantito i risultati sperati.

 

Qualcuno definisce il risultato ottenuto come il frutto della politica dell’ascolto. Alla  redazione del Piano provinciale sul dimensionamento scolastico si è giunti avendo

sentito le esigenze dei territori con qualche riserva che affiora proprio in seguito

alle decisioni degli organi superiori.

 

“Le deliberazioni dei comuni – sostengono a Tortora – documenti fondanti nell’ottica posta in essere dall’assessorato provinciale, ovviamente hanno cercato di mettere al riparo,

prima di tutto, l’esistente, vitale ad esempio nei piccoli centri collinari e montani dove il mantenimento in vita della scuola, di ogni ordine e grado, diventa motivo anche di sopravvivenza dell’intera comunità”.

 

Era necessario, insomma, per una comunità come quella di Tortora lasciare in vita la realtà del centro storico che, a cinque chilometri dalla Marina, raccoglie anche la popolazione scolastica delle numerose contrade, alcune popolose, che si estendono

in un raggio molto ampio del territorio fino a toccare i confini con la Basilicata.

 

Su questo aspetto c’è stata anche l’unità di intenti fra maggioranza e opposizione nel consiglio comunale. L’assessore Michele Cozza, che ha esperienza nel settore, ha coinvolto e sensibilizzato tutte le componenti presenti in Consiglio in modo da raccogliere

l’importante supporto, necessario per raggiungere obiettivi che mirano al bene della comunità.

 

“L’attuale circolo didattico – ricordano dall’amministrazione comunale – è stato trasformato in istituto comprensivo ed ha incorporato la scuola Media e le scuole dell’Infanzia e

Primaria esistenti a Tortora.

 

Il tutto è stato possibile perché la popolazione scolastica rispetta i parametri numerici previsti dalla legge. Nell’ampio e articolato dibattito in consiglio comunale – si legge ancora in una nota – è scaturita la volontà unanime di promuovere una nuova scuola,

quella dell’autonomia e della comunità”.

 

Alla seduta ha partecipato un gran numero di cittadini e anche gli esponenti della minoranza hanno offerto spunti importanti alla discussione. L’assessore Michele Cozza

ha sottolineato come debba essere necessario, “Difendere ora e anche in futuro la presenza sul suolo comunale di una scuola di qualità, con la direzione didattica di Tortora, che andrà considerata come un autentico centro di apprendimento polifunzionale accessibile a tutti gli alunni”.

 

Arriveranno anche finanziamenti, ha confermato l’assessore Cozza, per la ristrutturazione degli edifici scolastici esistenti.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

San Sago, Iorio: “Incontro positivo. Soddisfatti a metà”

Il primo cittadino di Tortora spiega cosa è emerso dal meeting in Regione Basilicata con …