Home / COMUNI / TORTORA / Tortora, 40mila euro di danni ai lidi

Tortora, 40mila euro di danni ai lidi


La mareggiata del solstizio d’estate fa 40mila euro di danni
Biagio Praino: “Presto incontro in regione con Pino Gentile”


DI ANDREA POLIZZO

TORTORA – “I danni prodotti dalla mareggiata del 21 giugno, tra quelli materiali alle strutture e quelli derivanti dai mancati incassi, ammontano a circa 40mila euro”.

Lo sostiene in una nota l’assessore al Demanio del Comune di Tortora, Biagio Praino (foto).

“Anche nella giornata di martedì 22 – si legge nella nota – si sono registrati mancati incassi perché tutte le strutture balneari tortoresi erano in fase di riallestimento e non hanno potuto ospitare i turisti presenti”.

Molti imprenditori balneari colpiti dalle onde di lunedì si sono espressi in maniera critica verso gli interventi fin qui effettuati a protezione del litorale tortorese. I recenti lavori di ripascimento, infatti, sono stati definiti “Soldi gettati in mare”.

“Se avessimo avuto delle protezioni rigide – ha dichiarato Praino – di certo non avremmo avuto questi disagi in piena stagione turistica. Ora la Regione Calabria finanzi al più presto il progetto per le barriere soffolte in mare, altrimenti a Tortora non sarà solo l’economia dei lidi a scomparire, ma quella dell’intero Comune”.

L’attuale amministrazione comunale ha recentemente chiarito di voler puntare su strutture rigide poste in mare di fronte a pochi metri dalla costa tortorese.

“Non si tratta di un accantonamento del progetto di ripascimento artificiale dell’arenile – ha infatti dichiarato tempo fa il sindaco Pasquale Lamboglia – ma di una sua integrazione con opere rigide di protezione. Saranno i progettisti ad indicare il tipo di protezione da adottare ma – ha aggiunto – credo si tratterà di opere rigide come barriere soffolte o pennelli. Il progetto risale al 2000 ed è quindi il caso di aggiornarlo effettuando anche nuove prove”.

Nella progettazione verrà coinvolto nuovamente il professor Franco dell’Università di Roma, oltre agli imprenditori balneari.

“Già prima della fine dell’estate – conclude la nota dell’assessore Praino – il sindaco Pasquale Lamboglia sarà in Regione per incontrare l’assessore ai Lavori pubblici, Pino Gentile”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

tortora incidente cavalcavia

Tortora, automobile sbanda sul Cavalcavia e finisce contro la ringhiera: automobilista ferito

Ennesimo incidente sul Cavalcavia di Tortora. Il veicolo è finito contro la protezione metallica e …

2 comments

  1. Tanti danni hanno subito negli anni i vari parchi California, Portomarina e Canarie ma non interessava mai a nessuno tanto non eravamo cittadini di Tortora, tanti tortoresi avrebbero preferito che un pò alla volta il mare se li portasse via ma noi siamo affezionati alle nostre case come siamo affezionati a Tortora, anche se sembra che i “non tortoresi” diano quasi fastidio. Non auguro le stesse cose cose che abbiamo subito noi, ai lidi e alle abitazioni dei tortoresi ma vorrei che fossimo considerati tortoresi anche noi e guardando quel tratto di strada, che è una strada comunale e non privata, da via Fratelli Bandiera a Via Giovanni XXXIII non mi sembra che sia così. Le case continuiamo a sistemarle noi ma lasciare la strada in quelle codizioni è vergognoso. Per quanto riguarda le mareggiate speriamo che gli amministratori comunali decidano quanto prima per una soluzione definitiva.

  2. speriamo che si intraprende per la nostra spiaggia ma anche per tutto il territorio un cammino definitivo senza speculazioni e ruberie varie per come è stato fin ora.
    La Politica si deve rendere conto che è la Sopravvivenza della Cittadina e sopratutto dei Cittadini di Tortora Marina che non si possono tollerare ulteriori “Esperimenti” sulla spiaggia, ma diamo atto alle parole del Sindaco chiare e definite su questa questione.
    La cittadinanza sia vigile – In bocca al Lupo!