Home / COMUNI / TORTORA / Tortora, Raffaele Papa nuovo commissario provinciale dell’Mpa

Tortora, Raffaele Papa nuovo commissario provinciale dell’Mpa


Papa leader Tnc commissario provinciale Mpa di Cosenza
Lettera aperta per ringraziare ed esprimere il suo impegno

green multiservice disinfezione

DI GESTIONE

TORTORA – Raffaele Papa, segretario cittadino del Movimento per le autonomie e capogruppo nel Consiglio comunale di Tortora nel cuore, è il nuovo commissario provinciale di Cosenza dell’Mpa.

A darne notizia è lo stesso Papa tramite uno scritto dal titolo “Per amore, solo per amore di questa terra” nel quale innanzitutto ringrazia il vicesegretario nazionale, Orlandino Greco, ed il commissario regionale, Aurelio Misiti, per la fiducia manifestata. Segue il testo integrale.

“Spero di esserne all’altezza e l’accolgo quale sfida delicata, gravosa ed insieme entusiasmante che richiede determinazione e ferma volontà nel portare avanti le aspettative della nostra gente che da tanto, troppo tempo sono rimaste ai margini di una

volontà politica che spesso ha guardato se stessa anziché le necessità, bisogni, difficoltà, negligenze, inefficienze ed emergenze dei nostri territori.

La nostra è Terra di abbandoni, umiliazioni, derisioni e diventa sempre più, per coloro che mai l’han vissuta, origine e causa di ogni male che inibisce la crescita e lo sviluppo dell’intera Nazione: mafia, ndrangheta, assistenzialismo, sfruttamento, lavoro nero ed in ultimo sentite, sentite, Sud grande evasore! Ma non è finita, da oggi  anche la cialtroneria abita qui!

Questo è ciò che dicono gli altri, i lontani, coloro che non conoscono l’arte dell’arrangiarsi, che non han mai visto occhi di padri lucidi di lacrime, che non distinguono tra Napoli, Bari, Cosenza, Palermo o Africa, tanto siamo tutti uguali, tutti appartenenti a quel Sud arretrato e sprecone e categorie di persone di basso livello.

E noi cosa pensiamo e diciamo di noi stessi? Ben sappiamo che tante sono le bugie, dobbiamo però riconoscere che anche tante sono le nostre colpe. Se l’ingiustizia è la madre di ogni illegalità, la rassegnazione la perpetua. Sembriamo un popolo fatalmente condannato. Pare non esserci in noi  spazio alcuno o spiraglio per far posto al ricordo, alle origini, all’appartenenza.

Non ci sentiamo di questa terra, e forse non apparteniamo più neanche a noi stessi. E allora l’orgoglio, di che? di cosa? La voglia di riscatto? Da chi? Da cosa? Ma, se l’orgoglio non diventa il distintivo di ogni calabrese, e fino a che la voglia di riscatto non si faccia  insopprimibile, nulla potrà cambiare.

Sono fermamente convinto che in ogni cittadino di questa terra tutto ciò è presente, ed è forte il desiderio di affermare una identità mai perduta. Ma tutto è soffocato, tutto ci appare inutile, perché qualcosa davvero l’abbiamo perduta: la speranza! Troppe le attese, tante le delusioni, ma non possiamo fermarci qui!

E allora, riprendiamo a guardare il nostro mare, le nostre coste, i nostri fiumi, i monti, le vallate, i tramonti, lo splendore di un cielo che si confonde con l’azzurro del mare e con il verde delle nostre pinete, le modeste case degli innumerevoli borghi, le piazze, i vicoli che ci parlano della nostra storia. E tutto potrà rinascere.

Incrociamo lo sguardo dei nostri anziani, ammiriamo le loro mani e le spalle curve, proviamo a leggere nei loro occhi le aspettative mai raggiunte, osserviamo i giovani rivolgendo un pensiero al loro futuro. E così la vita ricomincia.

Perché questo è amore, è amore per questa terra e per i suoi figli, e solo l’amore apre le porte alla speranza. Di ciò ha bisogno la Calabria e l’intero Sud.

Se questo sarà il nostro “sentire”, troveremo la forza per confutare le accuse, per vincere i pregiudizi, per combattere le ingiustizie e i soprusi perpetrati a nostro danno. Cosa importante ed indispensabile, ci chiederemo se la nostra classe politica e dirigenziale “sente”  le stesse cose, se “vive” gli stessi drammi, se porta con sé i desideri ed aspettative della propria gente e soprattutto se “ama” questa Terra.

Questo sarà il mio impegno, auguri Calabria, se saremo in tanti, la rinascita è già qui”.

Cosenza,  03 luglio 2010                                                                                    Raffaele Papa



About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Tortora, un progetto per la creazione di Cantieri culturali

Bando Borghi Mibact: Tortora partecipa con un progetto per creare uno spazio a disposizione dei …

One comment

  1. Cristian Volpe

    Proprio stamattina pensavo all’impegno che Raffaele sta dedicando per la nostra terra ed ora questa notizia…! I migliori auguri di buon lavoro e crescita a questa seria, onesta e responsabile figura tortorese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright