Home / IN PRIMO PIANO / Tortora, botta e risposta su viabilità e rifiuti

Tortora, botta e risposta su viabilità e rifiuti


Nmt attacca denunciando ritardi su strade e raccolta rifiuti
Dall’amministrazione: “Motivi tecnici i lavori riprenderanno”


DI ANDREA POLIZZO

TORTORA – “L’amministrazione tarda nei lavori pubblici e nella differenziata”. “I ritardi sono dovuti a motivi tecnici”.

Botta e risposta tra minoranza e amministrazione comunale a Tortora. A scatenarlo, un comunicato stampa diffuso dal gruppo politico NuovaMente Tortora presente tra i banchi dell’opposizione.

“Denunciamo – è scritto nella nota – l’inoperosità dell’amministrazione comunale di Tortora sul mancato completamento delle opere di rifacimento del manto in diverse strade”.

Si tratta di una serie di lavori stradali già appaltati dalla precedente amministrazione Silvestri e dotati di copertura finanziaria tramite mutuo acceso con la cassa depositi e prestiti.

“I lavori – prosegue il comunicato di Nmt – ancora oggi, a circa un anno dall’insediamento della nuova amministrazione, tardano a partire provocando danni e disagi all’intera collettività. In alcuni punti, come in viale Marconi, si può notare il disagio dovuto alla chiusura di una carreggiata con conseguente pericolo per automobilisti e pedoni”.

Non è mancata la risposta da parte del sindaco di Tortora, Pasquale Lamboglia, dettosi sorpreso dalle dichiarazioni di Nmt.

“Bastava chiedere all’ufficio tecnico – ha replicato il primo cittadino – per conoscere i motivi dei ritardi. Il rallentamento nei lavori di aggiustamento delle strade – ha proseguito Lamboglia – sono dovuti a motivi tecnici in conseguenza ad una variante del progetto che la legge prevede. La variante – ha anche affermato Lamboglia – è stata approvata in giunta e i lavori riprenderanno tra pochi giorni”.

Nel comunicato stampa di NuovaMente Tortora viene sollevata anche la questione del servizio di gestione dei rifiuti. Il settore, pochi giorni fa, ha subito una rivoluzione con l’assegnazione definitiva in favore della ProgettAmbiente e la conseguente revoca del mandato all’Alto Tirreno cosentino Spa la cui offerta è stata ritenuta inaffidabile.

“Ancora non si può parlare di affidamento definitivo – scrive Nmt nel comunicato – perché

Il  nuovo affidatario, entro 30 giorni, deve presentare tutta la documentazione necessaria che andrà nuovamente verificata. Inoltre, sono ipotizzabili ricorsi sulla decisione dell’amministrazione comunale. È facile – prosegue la nota – che dovremo ancora registrare ritardi nella raccolta differenziata e per il porta a porta.  L’unica certezza – conclude NuovaMente Tortora – è che i tortoresi subiscono un doppio danno:  economico, per l’arrivo degli aumenti sulla Tarsu, e ambientale per i ritardi nel servizio”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Santa Maria del Cedro, si ferisce con un flex ma manca l’ambulanza: la polizia municipale lo scorta in Pronto soccorso

Brutta dIsavventura per un 39enne. I vigili hanno interagito con la sala operativa del 118. …

17 comments

  1. Al nik Rosy e non solo:
    Gli ultimi fatti riportati su Quotidiani Nazionali e Locali ci devono far capire e prendere coscienza che è a rischio la nostra stessa esistenza,circoscritta tra Maratea, Tortora, Praja a Mare, San Nicola Arcella, ma di facile estensione sull’intera costa, e che non possiamo far carico alle Amministrazioni di turno, anche se queste devono fornire le giuste informazioni ma il cittadino si deve rendere conto che è a rischio la sua stessa salute e la sopravvivenza di un territorio che per interessi privati e senza scrupoli di gente che vive anche qui, viene distrutto ogni giorno da elementi che non appartengono allo stesso a sfregio e senza Rispetto delle stesse popolazioni.
    C’è da prendere atto che l’Amministrazione di Tortora ha preso insieme al Gruppo di Minoranza una buona posizione per l’impianto di San Sago, ma senza l’apporto dei CITTADINI coscienti tutti gli interventi di carattere Istituzionale con i tempi burocratici lunghi le decisioni saranno tardive ad arrivare a soluzioni che nell’immediato ci devono salvare da tutta questa MELMA che hanno fatto della costa Tirrenica Cosentina un luogo da terzo mondo.
    Mi chiedo ; ci stiamo rendendo conto che siamo abbandonati a NOI stessi, Ospedale e servizi sanitari nulli o scadenti!, Lavoro, solo quello autonomo! nella sua totale povertà, Ferrovia, chissà se si fermeranno i treni l’anno venturo!Fabbriche, meglio non averle! visto cosa ci hanno lasciato, Tumori, morte, famiglie distrutte, è menomale era il benessere!!
    Non siamo nemmeno capaci ad eleggere un Rappresentante Locale nelle sedi Istuzionali.Ecc ecc.
    Petanto tutte queste problemmatiche si possono affrontare se i cittadini dimostrano coesione senza colore politico e mostrano attenzioni e generano discussioni. In questo momento sembra vivere in un luogo non abitato, apatia pura, perdita di speranza,dissociazione, ecc
    Gli Amministratori dovrebebro proporre una raccolta di firme nei Comuni dell’Alto Tirreno e non solo, oppure iniziative di proteste di carattere civile e portarli all’attenzione degli Organi Preposti con la massima urgenza, prima che sia troppo tardi!!!
    Facendo capire che qui qualcosa bisogna pur fare…..per preservare e non danneggiare il futuro di tutti Noi.
    Scusate se è Troppo!!

  2. Per i commenti inerenti alla vicenda del percolato campano diretto anche a Tortora vi suggerisco di inserire i vostri commenti a questo link: http://www.blogtortora.it/?p=4098.
    il Gestore, Andrea Polizzo

  3. ho appena finito di leggere l’articolo pubblicato dal quotidiano il mattino noto quotidiano campano, viene citato il comune di tortora nell’inchesta: “smaltimento percolato dei rifiuti campani”,considerando che viene letto da circa il 70%della popolazione campana, considerando anche, che buona parte di quei lettori da anni frequenta tortora per il solo periodo estivo,bè non cè da stare tranquilli, come sempre accade,le notizie diffamatorie vengono rese pubbliche sempre a ridosso della stagione estiva,ora bisogna dare tranquillità a tutti,a noi come cittadini che viviamo 12 mesi l’anno a tortora,a chi da anni sceglie tortora come località turistica, dare subito una risposta chiara e trasparente sulle condizioni dell’impianto regolarmente autorizzato da chi di competenza,il percolato è bisness bastava segiure RAI 3 domenica 6 febbraio 2011, per capire cosa accade in campania.

  4. dovete dare l’opportunità all’attuale amministrazione di mantenere le sue promesse, arrivata la fine del mandato sarà il popolo tortorese a decidere se continuare con lamboglia & co. o, provare a cambiare qualcosa con un altra amministrazione.
    se si dice che il buongiorno si vede dal mattino allora stamu frischi però diamogli fiducia

  5. abbiamo il diritto di essere informati su tutto….non ci nascondete le cose perfavore

  6. aspettiamo con ansia rassicurazioni dagli amministartori e mi rivolgo al sindaco ed al vicesindaco….ancora aspetto grazie

  7. risorto benvenuto

    caro gestore,forse avrai ragione,ma il mio intervento è rivolto sopratutto all'” AMICO ” risorto,poichè sono certo che chi conosce la mia persona di certo non l’associa a ” lui “,non ha bisogno di avere le mie smentite o altro,tutto questo era solo per sollecitare l'” AMICO ” ad aggiungere una qualsiasi particolarità al suo nome affinchè lo stesso non riporti alla mia persona,ripetendomi nel dire che quelli che portano il mio nome a tortora sono veramente pochi,e qualcuno potrebbe non aver letto l’altra sollecitazione .grazie ancora per l’opportunità datami ….

  8. Secondo me noi tutti invece di dire di continuo DIMETTETEVI dovremmo dire coraggio un anno è passato vi siete ora mai assestati vediamo cosa siete in grado di fare!!!!!! l’estate è quasi alle porte date un volto nuovo a Tortora ce ne ha bisogno

  9. risorto benvenuto

    io vorrei solo rinnovare all’ ” AMICO ” che si firma col nome ” RISORTO ” cortesemente di qualificarsi anche con il cognome,visto che molti attribuiscono gli interventi fatti su questo blog alla mia persona,cosa “sgradevole “per me,visto che il linguaggio usato non si avvicina di certo al mio,e poi a me non piace il modo in cui fai le critiche alle persone ( tra l’altro molti di questi sono amici la cui nutro stima e rispetto per loro ).aggiungo anche che le persone che portano il nome “RISORTO ” li conosco molto bene,visto che siamo in pochi (11),e di sicuro non riesco ad attribuire il tuo modo infantile di esprimerti a nessuno di loro .mi viene il dubbio che usi questo nome per mascherare il tuo ” vero “,se così fosse non saresti altro che un vigliacco e ****,perchè se hai qualcosa da criticare o apprezzare potresti usare il tuo vero nome,siamo in democrazia. concludo pregandoti almeno di pubblicare che io e te non siamo la stessa persona,e smettila di offendere le persone firmandoti con un nome che di certo non lo si trova sul tuo documento !!!!!!grazie…………….

    NOTA DEL GESTORE: PARTE DEL COMMENTO **** E’ STATA TOLTA. RIPETO PER L’ENNESIMA VOLTA CHE L’ANONIMATO E/O L’UTILIZZO DI UN NICKNAME O NOME DI FANTASIA è UN DIRITTO INVOLABILE DELL’UTENTE INTERNET IN TUTTO IL MONDO. AL DI LA’ DELLA QUALITA’ O MENO DEI CONTENUTI DEI COMMENTI DELL’UTENTE CHE SI FIRMA ‘RISORTO’ E’ UN SUO DIRITTO CHIAMARSI IN QUESTO MODO E NON E’ CERTO COLPA SUA SE CI SONO PERSONE CHE, NONOSTANTE LE RIPETUTER SMENTITE DA PARTE SUA, CONTINUANO A CREDERE CHE ‘QUEL’ RISORTO SIA LEI. UNA RIFLESSIONE: SE SONO PERSONE CHE LEGGONO I COMMENTI DI RISORTO VUOL DIRE CHE SONO ANCHE LETTORI DEL BLOG. ERGO AVRANNO DOVUTO NECESSARIAMENTE LEGGERE ANCHE LE SUE SMENTITE E PRESE DI DISTANZA. OPINIONE MIA.

  10. un anno è passato e i pochi lavori visti sono frutto della vecchia amministrazione, si vedono e prevedono aumenti delle tasse ma il rispetto dei cittadini è diminuito, le strade sono rimaste uguali e i rifiuti anche, dimettersi è un atto di umiltà e interesse collettivo per cercare persone che risolvino i problemi comuni. dimettetevi ora che siamo ancora in tempo.

  11. forza lambroglia, forza lido mio, forza stazione di servizio di carburante che dovrai venire, forza autoscuola, forza hotel mio che napoleone non ti manda via, forza mamma mia la strada l’ho già pulita io… manco li cani, forza ammiccante mia perchè la cultura non vada via, forza chiappi..a di un ambiente mio che ti rovino io… forza comune mio che l’impegno è per l’interesse mio….

    con speranza qualunquemente vostro

  12. io mi voglio rivolgo all’avv Dulcetti nonchè vicesindaco ,come uomo di legge e soprattutto di chiesa con figli come mè, faccia un esame di coscienza ed intervenga a me non interessano le strade la crisi economica di tortora ma quello a cui tengo di piu’ e sulla salute ,in questi anni che sono quì molte persone scomparse con mali altri sono molto gravi ma cosa stà succedendo cerchi di fare almeno lei qualcosa.
    Non voglio credere a quello che si dice che va solo a scaldare la sedia oppure solo x prendere lo stipendio o essere chiamato vicesindaco ci aiuti a capire cosa stà succedendo all’impianto al fiume altrimenti penso sia la fine…..lei e la sua famiglia stimata ci aiuti altrimenti saremo costretti a malincuore ad andare via x salvare i nostri figli.Voglio solo dirvi che io sono andata via da quelle zone per sfuggire a tutto questo schifo ma sapete cos’è almeno il percolato…..
    comunque ringrazio il gestore di questo sito per la possibilità che ci dà di esprimere i nostri pensieri e preoccupazioni anche a cittadini comuni come mè.

  13. La tua invidia è la mia forza

  14. grande fratello

    Dopo la nave dei veleni dopo la zona Ex marlane dopo la questione ospedale adesso anche la situazione San Sago alla ribalta negativa sul nostro territorio che potrà avere effetti negativi dal punto di vista economico aoltre che sulla salute…ed i nostri amministratori stanno a guardare…voglio dirvi che i tempi sono cambiati adesso c è bisogno di capacità diregenziali Tortora ad oggi rispecchia il film Qualunquemente..
    Se a Tortora volete bene Dimettetevi il buon giorno si vede dal mattino non vi ostinate…..
    oppure siete enche voi attaccati all’indennità????????
    Il grande fratello vi osserva.

  15. Per risolvere problemi di ordinaria manutenzione tempi di reazione 0/12 mesi pensate per problemi piu’ Gravi dopo la presunzione anche l’incapacità amministrativa sta venendo fuori….penso che a questo punto è meglio il commissario almeno paghiamo un solo stipendio salvando i Tortoresi dalle brutte figuraccie che ci state facendo fare…..dopo un anno forse e meglio che vi facciate da parte per il bene economico e sociale del nostro territorio tortorese.
    Con stima Eleonora

  16. in seguito a molte segnalazioni a 1/2 tel giunte dalla campania da vacanzieri Tortoresi e proprietari di seconde case molto preoccupati, oggi 09/02/2011 articolo sul “Mattino” in seconda pagina riporto quanto pubblicato (una parte) :
    Proprio dopo l’inchiesta di Napoli, ho sollecitato uno screeng dettagliato provincia per provincia-spiega l’assessore regionale dell’ambiente, Giovanni Romano- Il compito di smaltire il percolato spetta alle discariche gestite da soc. provinciali o da concessionari privati. Sono migliaia le tonnellate di quella melassa, accumulata nelle vasche delle discariche. E lo smaltimento impiega mesi, a volte anni. Dalla discarica di Savignano, in irpinia, il percolato viene spedito a Pescara, Camporeale in provincia di palermo, “Tortora” in provincia di cs e anche al depuratore di Nola. La discarica di Campagna in provincia di salerno, oramai chiusa, si libera del percolato accumulato nei mesi attraverso impianti sul territorio: buccino contursi. nel sannino l’altra discarica chiusa di Piano Borea deve spedire tutto fuori regione. Destinatario: Vasto, in abruzzo.” “Tortora” in calabria e camporeale in sicilia. Stessa storia per l’altra discarica sannita, quella di sant’angelo trimonte. Deve smaltire molto percolato e ha bisognodi di piu’ impianti: in camapania e fuori (Melfi e Tortora).
    Giovannino Pagano nmt

  17. Ma ad un anno di amminitrazione ancora trovano scuse,se non sbaglio a giugno 2010 verso il fiume dove c’è solo un’attività vi siete ammazzati affinche i lavori finivano subito x dare la possibilità a qualcuno di lavorare meglio, mentre in via Giovanni xxIII via Leonardo da Vinci via J kennedy centro commrciale dove le attività sono piu’ numerose ancora ad oggi aspettate cosa? penso che dopo un anno di nulla l’unica cosa che vi possiamo consigliare e quello di “dimettervi”.
    Per non parlare delle grandi figuraccie che ci fa fare l’assessore al turismo per non parlare dell’asssore all’ambiente che non risce a risolvere i problmi del randagismo figuratevi cosa vuol capire di Raccolta rifiuti…..ora basta forse e meglio che vi ritirate dalla vita politica lo ripeto è passato un anno niente à stato fatto Dimettetevi…per il ben di Tortora;
    Michycs