Home / IN PRIMO PIANO / San Sago, un Consiglio straordinario

San Sago, un Consiglio straordinario


Convocato domenica 20 marzo il Consiglio comunale su San Sago
Prosegue l’opposizione al progetto di copertura de La recuperi Srl

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

DI ANDREA POLIZZO

TORTORA – È stato convocato per domenica 20 marzo il Consiglio comunale straordinario  sulle vicende di San Sago.

L’area, da alcuni mesi, è sotto i riflettori dell’opinione pubblica a causa dell’opposizione trasversale che il Consiglio comunale di Tortora sta dedicando a La recuperi Srl. La ditta, che nell’area gestisce due impianti, uno di depurazione di rifiuti speciali, l’altro di compostaggio, ha avanzato richiesta di realizzare sul secondo una copertura di circa 8mila metri quadrati.

Scopo dell’opera è quello, nelle intenzioni del privato, di mitigare le esalazioni ed il cattivo odore che dal sito di compostaggio provengono. Motivi urbanistici misti al timore di danni ambientali oltre che di immagine del centro turistico altotirrenico, sono invece alla base della contrarietà della Giunta Lamboglia spalleggiata anche dalle minoranze presenti in Consiglio.

Recentemente, la querelle burocratica tra le parti, portata avanti a colpi di dinieghi e di ricorsi alle autorità giudiziarie, si è conclusa con il parere positivo della Conferenza dei servizi convocata presso la Provincia di Cosenza a favore de La recuperi Srl.

All’indomani di questo atto istituzionale, com’era prevedibile, si sono registrate reazioni diametralmente opposte tra l’amministrazione comunale e la società.

Quest’ultima ha espresso soddisfazione per l’esito del tavolo tecnico provinciale e ribadito l’invito a cittadini ed amministratori a visitare in qualsiasi momento gli impianti di San Sago.

Studio delle possibili alternative giudiziarie, invece, per la rappresentanza politica dei cittadini che, attraverso le parole di Pasquale Lamboglia, ha anche espresso rammarico per l’inversione di tendenza su questa vicenda fatto registrare dal settore Urbanistica provinciale.

“A nostro avviso – ha commentato a tal proposito il primo cittadino tortorese – ci sono margini nelle pieghe della motivazione dell’ufficio Urbanistica della Provincia di Cosenza per presentare ricorso al Tar. Siamo sorpresi – ha proseguito – perché oggi, quando nulla su quell’area è cambiato, dà il suo avallo alla variante nella destinazione d’uso e, dunque, all’opera”. 

“La conclusione positiva della conferenza dei servizi – ha invece riferito Debora Plastina amministratore unico de La recuperi Srl – è giunta in osservanza della legge in materia come del resto quello dell’assessorato all’Urbanistica della Regione Calabria, parimenti ispirato – ha aggiunto – al dettato normativo”.

Intanto, in rete, cresce il dibattito sul progetto. Tra coloro che trovano rappresentanza e condivisione dei propri timori nell’azione degli amministratori tortoresi e coloro che sposano l’opportunità occupazionale offerta dal privato sembra, per il momento, che siano i primi a prevalere.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Ospedale Praia a Mare, Tac fuori uso: sindaci protestano

Praticò e Lamboglia si scagliano contro la direzione sanitaria: “Irresponsabili! Impensabile che non si programmi …

One comment

  1. francoguerrera

    Il consiglio comunale straordinario si è tenuto e si è concluso così: “uno per tutti, tutti per uno” (per la verità meno un consigliere), risultato scontato perché preannunciato!!!

    Penserete che mi sono dato ai proverbi……per sintetizzare la libera e democratica discussione, svoltasi nel più ampio rispetto delle opinioni degli intervenuti, oltre ovviamente all’intero Civico Consesso (comprese le minoranze, per la verità meno di un consigliere).
    Ebbene, non è così. Non mi sono dato al cennato proverbio, non sono uno che riesce a sfoderare il più appropriato in ogni occasione, anche perchè spesso i proverbi possono risultare abbastanza scontati, per quanto nascondano profonde verità!!!
    Tralasciando però gli aspetti quasi filosofici dell’utilizzo di un proverbio, in realtà trovo che l’espressione del titolo assunto si addica benissimo alla “ricetta” che voglio lasciarvi: “……….siamo tutti contro gli impianti di compostaggio, specie quando ricadono nel proprio territorio”.
    Al di là dei pareri e/o autorizzazioni positivi assunti e rilasciati dai competenti uffici (organi burocratici) gli Enti Sovracomunali Regione Calabria e Provincia di Cosenza devono interessarsi dei territori (Comune di Tortora) di cui ne fa parte.
    In tal caso, On.le Oliverio (Presidente della Giunta Provinciale di Cosenza): come potremmo bere le acque del mar Tirreno?!? – (ricorda la Sua frase: “un mare da bere”. E a Lei, On.le Pugliano (Assessore all’Ambiente della Regione Calabria) diciamo: “……..l’ impianto di compostaggio va fatto, ma in un luogo adeguato, non così vicino ai fiumi, alle case e non nella zona verde-agricola”!!! E Tortora, i tortoresi e i paesi vicinori: “NON CI STANNO”!!!!!!!!! Noi siamo per l’ambiente sano, voi invece siete contro”…..
    Noi diciamo: “Uomo sano in ambiente sano” e questo non un proverbio ma una cautela per la salute.
    Uno per tutti, tutti per uno (meno un consigliere).
    Franco Guerrera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright