Home / IN PRIMO PIANO / Rifiuti a Tortora, mezzi Atc davanti al Comune

Rifiuti a Tortora, mezzi Atc davanti al Comune


Da tempo i mezzi Atc parcheggiano davanti al Comune
Sdegno dell’assessore Chiappetta il silenzio di Rovito

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

DI ANDREA POLIZZO

TORTORA – “Da troppo tempo i camion dei rifiuti parcheggiano di fronte al Comune”. Una nuova segnalazione dai cittadini su una potenziale emergenza sanitaria a Tortora.

Da diverso tempo, infatti, i mezzi di raccolta dell’Alto Tirreno cosentino Spa, stazionano in via Panoramica al Porto, spesso anche carichi di rifiuti, in attesa di effettuare il servizio o di dirigersi verso i punti di trasferenza.

Nel pomeriggio di lunedì 21 marzo, intorno all’ora di pranzo, su via Panoramica al porto era presente un automezzo carico di sacchetti dell’immondizia. Solo a pochi metri di distanza i pullmini utilizzati per il trasporto degli scolari. Più indietro, invece, due auto compattatori di dimensioni maggiori.

“Una situazione inaccettabile – ha commentato l’assessore all’Ambiente del Comune di Tortora, Franco Chiappetta – che, iniziata come temporanea e d’urgenza, l’Atc sta invece facendo durare più del dovuto. Non possiamo più tollerare oltre – ha aggiunto Chiappetta – e le difficoltà operative del privato non devono ricadere sul Comune a cui non spetta il compito di trovare una soluzione. Proprio oggi – conclude l’amministratore tortorese – ho dato istruzioni alla Polizia municipale per effettuare verifiche su questa situazione e prendere i provvedimenti eventualmente necessari”.

Il disagio per la presenza di questi mezzi di raccolta è acuito non solo dalla presenza della casa municipale, di una scuola materna, ma anche dalla vicinanza al punto di parcheggio degli scuolabus che effettuano il servizio di trasporto degli alunni, oltre che dalla presenza di diverse civili abitazioni.

La dirigenza dell’Alto Tirreno cosentino, chiamata in causa su questa vicenda, ha preferito non rilasciare alcuna dichiarazione.

Intanto il comando di polizia municipale del Comune di Tortora informa che, in seguito a sollecitazioni dei vigili, sin dalla giornata di ieri i mezzi Atc non stazionano più in via Panoramica al porto.



About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Mucca cade in un burrone: salvata dai vigili del fuoco [VIDEO]

I caschi rossi di Lauria hanno richiesto l’intervento di un elicottero per soccorrere l’animale in …

One comment

  1. francoguerrera

    Io penso che chi fa politica deve credere fermamente nei suoi ideali, ideologie e idee.
    Qualche anno fa l’Amministratore dell’A.T.C. SpA era conisgliere comunale (verde) al Comune di Cosenza, poi fu surrogato da Fabio Falcone (Federazione dei Verdi)per dimissioni in quanto assunse responsabilità incompatibili tra i rapporti del Comune di Cosenza e la Società che rappresentava: “Amministratore Delegato della Società Multiservizi” di Cosenza.
    Credere e rivedersi oggi, come allora, e come sempre, “ambientalista”, “verde” e comunque stimatore della natura, del creato del Buon Dio, è cosa lodevole ma quando però si fa e si agisce al contrario, tutto è falso.
    Tutti ci scopriamo essere ambientalisti, naturalisti e amanti della natura e del creato del Buon Dio, poi però “si predica bene ma si razzola male o no”? Ovvero: che e’ incontrasto con le sue parole e i suoi fatti !!!!!!!!! Ma anche che a parole dice una cosa e a fatti ne fa un’altra… o comunque non mette in pratica ciò che dice.
    Ebbene in più occasioni la Federazione dei Verdi di Cosenza ma anche le singole cellule “Verdi” periferiche dell’Alto Tirreno cosentino, in questo caso di Scalea, basta leggere opinioni e precisazioni di Palmiro Manco, hanno smentito che l’Amministratore dell’A.T.C. S.p.A. si comporti da vero “verde”.
    Come dire: sono comunista ma sono capitalista, sono democratico cristiano ma sono per la pena di morte e anche mi sento impegnato per i “diritti civili” ma faccio il radicalscic!!
    Si predica bene ma si razzola male, l’importante è: “il business” identificato nell’ attività economica svolta e non sociale.
    Franco Guerrera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright