Home / IN PRIMO PIANO / San Sago, Chiappetta: “La politica è a zero”

San Sago, Chiappetta: “La politica è a zero”


Il rammarico dell’assessore all’Ambiente Franco Chiappetta
Su vicenda San Sago ennesimo inutile confronto in Regione

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

DI ANDREA POLIZZO

TORTORA – “La politica si è fatta da parte, prevale solo il parere tecnico”.

Franco Chiappetta, assessore all’Ambiente del Comune di Tortora, è amareggiato a seguito dell’incontro avuto questa mattina a Catanzaro con il responsabile ambientale della Regione Calabria, Francesco Pugliano. Il colloquio è stato occasione per un confronto sulle recenti vicende che ruotano attorno alla località San Sago.

Come è noto, l’area è oggetto da tempo di una disputa tra la società La recuperi Srl, intenzionata a realizzare una copertura per circa 8mila metri quadrati sull’impianto di compostaggio che gestisce, e l’amministrazione comunale decisa, di contro, a valorizzarla, dato il suo alto pregio naturalistico, liberandola da attività potenzialmente pericolose.

“Dall’incontro di oggi – commenta Chiappetta – ho tratto una sensazione molto negativa: la decisione sul progetto è presa e resterà quella della Conferenza dei servizi che ha dato il via libera al privato. Come amministrazione – prosegue Chiappetta – non resta altro da fare se non proseguire sulla strada già intrapresa dell’opposizione attraverso il tribunale amministrativo regionale della Calabria”.

Lo scorso 23 marzo, infatti, nel corso di un Consiglio straordinario dedicato al tema, è stata presa all’unanimità la decisione di ricorrere al Tar per ribaltare la decisione della conferenza dei servizi alla Provincia di Cosenza del 7 marzo scorso.

“Siamo contro l’ampliamento – ha detto in quella occasione l’assessore tortorese – e nessuno di noi baratterà con promesse di posti di lavoro, la salute dei cittadini”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Reddito di cittadinanza: cerco lavoro da due anni, ma sono troppo qualificato

Una storia reale dal Tirreno cosentino. Una come tante, infarcita di delusione e rabbia. “Mi …

6 comments

  1. neanche a dirlo …. siamo mediocri viviamo da mediocri e finiremo se tutto va per il meglio mediocramente!!!

  2. il signor risorto è un pochino aggressivo ma cmq tra le righe dice molte verità. per primo, durante le elezioni decine e decine di post per decantare questo o quel cadidato o per criticare una virgola sbagliata e tante altre cose collegate al seguito ….
    anche la morte di 7 poveri cani (la cui unica colpa è stata quella di essere stati abbandonati da delle bestie, più bestie dei loro assassini)ha avuto più commenti, ma possibile che le istituzioni, il popolo e le varie autorità sanitarie nn si rendano conto della ns centrale “nucleare” lungo il greto del fiume noce????
    ma possibile che nn ci rendiamo conto della gravita del danno sanitario-economico (ma chi va in vacanza alla foce del sarno??? il sarno è sporco ma nn ha un impianto di compostaggio sulle rive….) svegliamoci tortoresi. L’ospedale chiuso ti fa fare 35 km in più san sago tene fa fare 1000 per un ospedale specializzato

  3. la povertà dei componenti della maggioranza consiliare abita la loro paura.. paura che si fa schiavitù del potere… schiavitù che richiama obbedienza alla miseria intellettuale e irresponsabile del modesto Sindaco che il modesto popolo tortorese ha riscelto dopo lo sfacelo amministrativo scorso… ciò racchiude il dominio del sentimento opportunistico che avvolge i comportamenti dei politici locali e non solo, quello di fare sistema di appartenere ad un sistema retrogrado, illibertario, astigmatico, corrotto dalla paura di ritorsione sulla propria persona…paura di perdere l’illusoria elite sociale con il voto comprato e barattato… solo dignità vi farà le dimissioni non ingannatevi e non ingannate il destino florido del golfo di policastro, in cui entra far parte il comune dell’uccello, ma soprattutto dimettettevi per il bene delle nuove generazioni… affrancatevi da colpe che la storia vi sta già attribuendo per il vs assordante silenzio che suona come connivenza delle malafatte altrui… Sindaco lei è indegno di coprire questa carica… vada a curare gli interessi di casa sua perchè non è capace di coraggio e di un atto di amore verso il proprio paese… la sua povertà politica è depapauperamento della comunità tortorese che peraltro resta in silenzio sulla delicata questione dell’impianto di San Sago che genera e genererà sempre più morti latu sensu… il sonno genera mostri… appunto ql’impianto di San Sago lo è e la colpa è di tutti gli amministratori del passato e di quelli odierni che hanno consentito di installare e mantenere nel corso degli anni questa struttura della Morte. Abbiate dignità popolo tortorese ribellatevi, mandate a casa queste maggioranza ed occupate l’impianto perchè il destino vs passa dalla consapevolezza di assumere comportamenti dignitosi a salvaguardia anzitutto dell’ambiente e della salute pubblica.Altrimenti il vs destino è segnato in negativo.
    P.s. perchè pochi commenti ed interventi sulla questione…Forza chi gli attributi esca fuori dalla sua paura non fate i conigli è primavera…

  4. Antonio Maiolino

    La cosa che mi rammarica, è che molti post presenti in questo meraviglioso blog, luogo dove si può esprimere liberamente la propria opinione, riguardanti iniziative lodevoli che l’amministrazione comunale stà mettendo in pratica (vedasi tabelloni pubblicitari), vengono commentati in maniera orgogliosa anche dagli amministratori di maggioranza (segno che vengono letti), mentre quando si tratta di argomenti delicati dove la posizione di ognuno è fondamentale per capire la propria posizione vengono ignorati…..A me farebbe molto piacere leggere commenti da parte dei componenti della maggioranza per capire cosa ne pensano, le proprie osservazioni ed eventuali provvedimenti che gli stessi propongono alla giunta comunale…..ma il discorso secondo me è sempre lo stesso:”BASTA CA’ GAZANO LA MANO IN CONSIGLIO COMUNALE”….spero mi perdoniate la licenza letteraria in dialetto….FATEVI SENTIRE, DITE LA VOSTRA, perchè chi manifesta le proprie opinioni è un cittadino libero!!!!! Concludo affermando che Tortora è e rimane un angolo di Paradiso, ma tengo anche a dire che nessuno si può permettere di dimenticarsene e farla regredire con il silenzio…..

  5. Maceri Michele

    Concordo con te Antonio, l’amministrazione nonostante l’impegno profuso sulla questione, evita puntualmente di fare chiarezza sulla questione, spostando troppo l’attenzione sulla realizzazione del capannone e poco sulla gestione dell’impianto.

  6. Antonio Maiolino

    Se il titolo dell’articolo è un riassunto delle parole dell’Assessore all’ambiente, come non dargli ragione….la cosa che più mi rammarica è che l’amministrazione comunale ricorre al Tar (i ricorsi costano), commenta negativamente un incontro avvenuto alla Regione quando le soluzioni per ovviare il problema in questione sono in casa, intesa come casa comunale…..Il gruppo NMT ha dato in sede di consiglio comunale delle soluzioni da applicare nell’immediato, si tratta solo di vestirsi di autorità e metterle in pratica…..Allora caro Assessore e caro sig. Sindaco, se tenete alla rivaltazione della zona del fiume Noce e alla salute dei cittadini, non chiedete ausilio a chi “qui” non ci viene neanche a trascorrere un week end, ma vestitevi di autorità e applicate la legge, così come previsto dalle vostre competenze e tutelateci tutti perchè noi abbiamo paura, per la nostra salute e non del capannone di 8000 mq…..