Home / COMUNI / SCALEA / Rifiuti, Scalea è in piena emergenza

Rifiuti, Scalea è in piena emergenza


Emergenza estate: il Comune altotirrenico invaso dai rifiuti
Pochi mezzi, servizio non affidato e macabre intimidazioni

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

DI ANDREA POLIZZO

SCALEA – Carenza di automezzi, servizio in regime d’emergenza, questione arretrati e macabre intimidazioni.

Sono i temi caldi dell’emergenza rifiuti nel Comune di Scalea. Tradotto: strade invase dai rifiuti in piena estate, con i cumuli spesso oggetto di incendi.

Alla base, il regime di urgenza in cui opera la Geoambiente, chiamata sin da gennaio, con ordinanza, ad operare nel comune tirrenico a seguito del disimpegno dell’Alto Tirreno cosentino Spa.

“In mancanza di un aggiudicazione definitiva – commenta Francesco Acquaviva, delegato all’Ambiente – si opera con termini economici ristretti. A settembre espleteremo il bando di gara, ma fino a quel giorno è chiaro che dovremo fare qualcosa di più. Intanto – prosegue il consigliere di maggioranza – facciamo anche appello ad una maggiore civiltà da parte di residenti e turisti”.

Circa 800 quintali di rifiuti al giorno per le strade di Scalea a fronte di soli due autocompattatori con una capienza di 140 quintali. Dati forniti dalle sigle sindacali del settore e confermati anche dal responsabile dei servizi esterni della Geoambiente Srl, Romano Lombardo.

“Ad agosto – ha commentato – arriveremo anche a mille200 quintali giornalieri. Serve un doppio turno con 5 mezzi, altrimenti l’emergenza resterà tale: un cane che si morde la coda – ha aggiunto Lombardo – con i due mezzi che, al ritorno dalla discarica, trovano le stesse aree sgombrate di nuovo invase dai rifiuti”.

Dal fronte sindacale Dario Pappaterra, della Cgil funzione pubblica, smentisce agitazioni del personale, ma ricorda che è ancora aperta la vertenza sugli arretrati dovuti dall’Atc tra mensilità e Tfr. Venerdì, dall’incontro dei sindacati con i legali di Francesco Rovito e con Acquaviva è emersa una bozza di strategia, con il Comune pronto a corrispondere parte delle somme mediante la cessione di credito “Ma fino a una certa somma – ha dichiarato Acquaviva – per non esporre troppo l’ente”.

Cifra che si dovrebbe chiarire in un nuovo ed imminente incontro tra le parti, ma che sarebbe nell’orbita delle centinaia di migliaia di euro. Per il sindacato, come ha confermato Pappaterra, sarebbe l’unico modo per scongiurare i decreti ingiuntivi che metterebbero a serio rischio la sopravvivenza stessa dell’Atc.

Ad ombreggiare ulteriormente questo quadro, un grave atto intimidatorio avvenuto nella sera di domenica 10 luglio rivolto ad un impiegato della Geoambiente Srl.

“C’era un secchiello di plastica appeso alla maniglia della porta del mio ufficio. Dentro frattaglie e sangue di animali. A terra una busta con dentro due bossoli e una scritta: “Con affetto per Romano””.

Romano Lombardo, responsabile per i servizi esterni ella Geoambiente Srl, ditta che gestisce i rifiuti a Scalea, ha descritto così lo scenario intimidatorio allestito per lui da ignoti ieri sera.

“È solo l’ultima di un serie di intimidazioni – ha commentato Lombardo – che, tra pistole di plastica, danni alla mia automobile, taniche di benzina e altro, va avanti da un anno e mezzo”.

“Preferisco tacere” ha poi risposto il dipendente alla domanda su possibili ipotesi sul perché di quanto accaduto “Ma posso solo dire – ha aggiunto Lombardo – di non avere nemici e di non vivere nel timore. Semmai – ha concluso – mi dispiace per la mia famiglia”.

A Lombardo è giunta la manifestazione di solidarietà del consigliere con delega all’Ambiente del Comune di Scalea, Francesco Acquaviva.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Scalea, si è spento l’ex sindaco Franco Zito

Orefice molto noto nel territorio si è spento all’età di 79 anni. Domani la Santa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright