Home / COMUNI / TORTORA / Tortora, l'isola ecologica sarà presto realtà

Tortora, l'isola ecologica sarà presto realtà


Prima e fondamentale tappa della nuova gestione dei rifiuti
Ma il comitato Laccata vivibile chiede delle rassicurazioni

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

DI MARTINO CIANO

TORTORA – Si attendono solo i pareri del caso e poi anche Tortora avrà la sua isola ecologica. L’area nascerà in località Falconara, nei pressi del depuratore.

La zona di conferimento prevede container a tenuta stagna dove gli stessi cittadini potranno depositare, plastica, umido, vetro, medicinali, ingombranti e batterie d’auto.

“Il cittadino si fa controllore – ha spiegato l’assessore all’Ambiente di Tortora Franco Chiappetta – visto che quotidianamente avrà accesso, logicamente controllato, all’area e conferirà personalmente i rifiuti”.

E già questa è una delle garanzie che viene data dall’amministratore della Giunta Lamboglia, ai residenti delle zone vicine la futura isola ecologica, in particolar modo a quelli della Laccata.

Nel luglio scorso infatti il presidente del Comitato Laccata vivibile, Raffaele Cardillo, faceva pervenire all’amministrazione tortorese una lettera in cui veniva richiesto un incontro urgente, visto il clamore che la notizia aveva creato tra i residenti, che già convivono da anni con gli odori emessi dal depuratore sito in località Falconara.

“Non vorremmo – lamentavano i cittadini – una seconda San Sago vicino casa nostra”.

Paragone che non è piaciuto all’assessore Chiappetta.

“Lo trovo forviante – ha risposto l’amministratore – non solo i cittadini che vi si recheranno tutti i giorni, ma anche noi come amministrazione saremo i primi controllori del corretto funzionamento di quell’area.

Non permetteremo a nessuno – ha continuato – che ci sia un uso improprio di quella zona. Il ruolo dell’isola ecologica – ha detto – è quello di ricevere rifiuti che poi andranno riciclati”.

Ancora da definire quindi l’incontro tra amministrazione, comitato e la ditta che gestisce il servizio dei rifiuti. Dopo il silenzio di luglio, il comitato ha richiesto lo stesso incontro con una seconda missiva.

“A giorni potremo definire una data – ha detto l’assessore al Bilancio nonché delegato a seguire la questione Filippo Matellicani – ma fin da ora vogliamo rassicurare i residenti della Laccata e i componenti del Comitato che non è nostra intenzione rendere invivibile la vita dei cittadini”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

tortora acqua

Tortora, le minoranze: “Anche l’acqua del rubinetto sarà più salata per i cittadini”

“Tortora, anche l’acqua potabile costerà di più”: tuonano i consiglieri comunali Anna Fondacaro, Pasquale Lamboglia, …

33 comments

  1. mi associ annche io per manifestare piu’ raccolta firme attendo notizie tramite blog

  2. @ prendo al balzo la frase di Paolo Morrone: Cari amministratori, ma non pensate ai vs figli?? Allora, secondo me la domanda è giusta, perché anche certi amministratori si riproducono…. Provate a chiedergli che futuro si aspettano per i propri figli, alcuni per lo più ormai grandi e già sistemati rigorosamente al di fuori di questa triste realtà tortorese, giusta solo per contenere le proprie frustrazioni senili e meno. Io, Paolo, non credo ci pensino, andranno via anche i loro figli e lo decideranno dopo aver visto lo sfacelo combinato dai padri.

  3. mi associo ad ele per manifestare contro l’ubicazione dell’isola ecologica fateci sapere quando?

  4. inutele che giriamo intorno se la spiaggia libera era sporca la colpa e dell’amministrazione che doveva vigilare sulla coperativa incaricata che gestiva tale servizio…

  5. per Luca nomino l’assessore Chiappetta per la scelta sconsiderata dell’ubicazione dell’isola ecologica dove saranno conferiti ingombranti, batterie, rifiuti da giardino,ed in ultimo l’umido provate a tenerlo per un giorno in casa otterrete lo stesso odore che sentite verso san sago.

  6. signor rocco solo questa volta le devo dare ragione su quanto ultimamente stà accadendo a tortora ,sul comportameto dei nostri amministratori che non vogliono che si parli pubblicamente sulle cose che non vanno, questo mi dà veramente fastidio sembra di essere non piu’ in un paese democratico.
    Sulla questione isola ecologica e pacifico che molti non la vogliono nel centro del paese ,allora perchè non trovare altro sito, oppure siete coì testrdi da non voler capire che provocherete seri danni agli abitanti di quelle zone eppure il territorio di tortora è vastissimo….il signor chiappetta non puo’ essere il padrone in assoluto del nostro paese arrivato a questo punto bisogna fare una manifestazione anche se non abito da quelle parti saro’ solidale con gli abitanti di quelle zone non mi sembra corretto che con sacrifici si sono fatti una casa in quella zona che poteva essere veramente sviluppata in altro modo non con depuratore ed adesso isola ecologica ( sempre di rifiuti comunque parliamo l’umido puo’ stare per 72 ore fate voi) attendo notizie su questo blog (vero motore di tortora) per le iniziative da intraprendere ..

  7. confermo…sgamato non sò a cosa e riferito il tuo commento.

  8. grande fratè te fatto sgamà…

  9. ringrazio il signor Franco x le notizie.
    Per il signor Rocco lo sfogo e prima o dopo i risultati degli ammessi al censimento……

  10. caro rocco condivido in pieno il tuo bellissimo discorso hai ragione chi si mette in gioco e chi fa politica non deve incazzarsi se un amico fa delle critiche perchè le critiche possono essere costruttive daltronte tu sei stato in passato assessore be ricordo che ti confrontavi sempre con la gente e accettavi le critiche cosi si faa politica qui da noi purtroppo alcune persone se fai critiche non ti salutano piuuuuu non accettano critiche e per la politica rompono le amicizie be caro rocco per me questa non e politica

  11. caro amico rocco ci pensare piu il danno ormai e stato fatto

  12. contro la realtà….impossibile tirarsi indietro o far credere il contrario…
    qualcuno avrà capito male è spero che non porti rancore a nessuno…sono cose che capitano….esporsi all’opinione pubblica….porta tanti vantaggi.ma anche tanti svantaggi..più delle volte la critica diventa costruttiva se viene accettata è capita….ma senza rancori e violenza..e senza ripercursioni su persone o cose che non hanno nulla a che vedere su chi denuncia il malfatto..fa parte del mio carattere….non accettare alcune situazioni..soprattutto sull’ambiente..so anche che il mio commento è stato capito male…ma sono cose che non mi sono inventato non lo farei mai denunciare il falso non fà parte del mio forse pessimo carattere..spero solo che quelle zone denunciate vengano bonificate.. forse…perchè a stò cavolo di paese ci tengo troppo..ed anche perchè frequento posti che tanti non conoscono…una bellezza naturale come il lungo fiume..non può essere oggetto di discarica pubblica…..troppo bella per infangarla di rifiuti…allora prima dei rancori.. andateci..e rendetevi conto se ho ragione o forse avrò avuto delle allucinazioni…così come l’impianto sportivo..invidiato da tutti..per posizione e comodità per lo sport…oggi rifarlo sarebbe impossibile..allora curatelo a dovere..tanti comuni pagherebbero per averlo..perchè l’ampio parcheggio deve essere una discarica..?.ci vuole poco basta sapersi coordinare o fare dei veri servizi di sorveglianza affinchè non venga beccato qualche stronzo…i tanti copertoni..abbandonati..sono frutto di qualche gommista..è materiale da smaltimento..che costa x farlo..cosa più facile scaricarlo..e disfarsene a costo zero..vi sembra normale…non penso..allora cari amministratori che io ho votato perchè ho creduto nelle qualità di chi già conoscevo..come politico ma soprattutto come amico oggisenza saperne il motivo da circa un anno ex saluto forzato o altro.io so diverso…..la cosa che più mi ha fatto male è che oltre togliere il saluto a me.. e non venire più in cornetteria come si era sempre fatto.sono state coinvolte anche mio figlio e mia moglie..spero solo che venga rispiarmata mia madre..chi vuol capire sà cosa pensa di lui..ma loro che centrano..solo perchè io ho un carattere esplosivo..non posso farci niente..è una mia difesa contro la morte non mi vuole nemmeno il pateterno…andrei a rompergli le scatole anche a lui…ho letto un commento di un assessore che l’amico ha le p… ed affronta le situazioni prima di pugnalare io lo subito fà davvero tanto male..vedere la persona che ritenevi un amico a pochi metri di distanza..da te e nemmeno girarsi quando in passato io ho fatto davvero tanto..ma sono cose private..lasciamo perdere che meglio..la politica non centra con l’amicizia..se poi viene capito il contrario..bè allora da questo momento non dirò più nulla e non scriverò più..scusatemi dello sfogo personale ma prima o poi dovevo farlo…buona domenica Rocco MARTINO…

  13. Signora Emi, e signori utenti/visitatori, ad onore della verità, posso solo aggiungere che l’uso razionale dell’isola ecologica da parte dei Comuni di Aieta, capofila e dell’associazione dei comuni di Tortora, Verbicaro ed Orsomarso consentirà di aumentare il recupero ed il riciclaggio dei materiali riutilizzabili, contribuendo così a preservare le preziose risorse naturali.
    Con l’ammissione e la sottolineatura che ciò è gratificante riconoscimento ed è il frutto del costante impegno profuso dall’Amministrazione comunale ajetana diretta ad incrementare la raccolta differenziata.
    Franco Guerrera da Tortora.

  14. Signora Emi, devo dirLe che io non lavoro al Comune di Tortora, per motivi di salute, da metà marzo 2011 ma devo ammettere, per sincerità, che prima di questa data non ho mai saputo di questo finanziamento e della realizzazione dei lavori dell’ isola ecologica da utilizzare dai Comuni di: Aieta, capofila, Orsomarso, Tortora e
    Verbicaro in località Sellata del comune in Aieta.
    Cosa dire, è bene che la domanda la dovrà fare al Sindaco o all’Assessore all’Ambiente e penso che Le daranno le risposte in merito.
    Un’ora fa mi sono documentato e Le dò ragione riguardo il finanziamento precisando che l’opera, effettivamente, è finanziata dalla Regione Calabria – Dipartimento Politiche dell’Ambiente ai sensi del POR
    Calabria FERS 2007-2013 – Linea Intervento 3.3.2.1 “Azioni per l’adeguamento del sistema impiantistico regionale dei rifiuti” per €. 89.000,00 e per €. 11.000,00 con fondi propri di bilancio dei Comuni utilizzatori: Aieta, capofila, Orsomarso, Tortora e
    Verbicaro.
    E’ ovvio che il Comune di Aieta, in questo caso Ente appaltante, ha già avviato le procedure di gara e di aggiudicazione dei lavori anche perché è il primo comune fruitore.

    Franco Guerrera da Tortora.

  15. in alcuni paesi della basilicata,si fa la differenziata porta a porta,e si paga la spazzatura in base a quanta se ne produce ed in base alla tipologia,carta,plastica vetro ecc..a tortora faranno l’isola ecologica,e speriamo non diventi un “miscambroglia” perchè se sarà così,poveri gli abitanti delle zone limitrofe..siamo abituati a produrre troppa spazzatura,non la differenziamo,al tempo dei nostri nonni,le derrate alimentari si vendevano sfuse,ed ognuno andava col suo recipiente,e si serviva,e poi per la mancanza di materie prime si reciclava ciò che poteva servire non si buttava nulla,con gli scarti del maiale si faceva addirittura il sapone,purtoppo nell’era del consumismo non si può fare più il risparmio che si faceva una volta..

  16. ricordo al signor franco guerrera in quanto utente e dipendente comunale che tortora insieme ad aieta hanno presentato un progetto finanziato dalla regione calabria per la realizzazione dell’isola ecologica nel comune di aieta quindi noi abbiamo già un isola ecologica.Posso solo esprimere un mio giudizio ma allora questi soldi della regione che ha finanziato l’isola ecologica sono soldi buttati allora perchè il comune di tortora non ha rinunciato visto che lei è dipendete potrebbe dare una spiegazione visto che ci lamentiamo dello spreco del denaro pubblico.

  17. Realizzare un’ “isola ecologica a”regola d’arte” è la condizione e pregiudizievole di tutto.
    Io credo che il progetto presentato dalla ditta affidataria del servizio rsu è ottimo e sarà rispettato, lo affermo anche per averlo valutato in Commissione di cui facevo parte.
    Dove ubicare l’ “isola ecologica”? Ebbene se ne può ancora discutere, certo che il progetto medesimo non specificava il “sito di ubicazione” per il fatto che non era stato né indicato dall’ Ente Appaltante (Comune di Tortora) e né era obbligatorio l’individuazione da parte delle ditte partecipanti.
    Penso che a volte riciclare correttamente i rifiuti non è semplice ma diventa più facile se si vuole proprio fare una raccolta differenziata a regola d’arte e bisogna adoperare alcuni accorgimenti che devono essere messi in atto.
    Un’attenzione che bisogna però avere è quella di andare alle isole ecologiche, ripeto, con una raccolta differenziata a regola d’arte e noi cittadini/utenti dobbiamo collaborare in questo con la ditta affidataria del servizio, con l’Amministrazione Comunale e con gli Uffici preposti.
    Franco Guerrera da Tortora.

  18. ottima,doverosa e fondamentale l’iniziativa del nuovo corso della gestione dei rifiuti era ora, sono perplesso sull’ubicaione definitiva dell’Isola…e’ vero che deve essere situata vicino al centro abitato,e’ vero anche che il corretto funzionamento della stessa non provochera’ nessun genere di disagio,ma noi Tortoresi saremo solo all’inizio di questo processo DIFFERENZIATO..abbiamo bisogno di tempo ma soprattutto dovremo capirlo e cambiare mentalita’ per il futuro benessere dei nostri figli.quindi se esiste un’altro sito anche temporaneo(pare che ci sia) sarebbe bene prenderlo in considerazione,solo quando saremo veramente preparati e partecipi attivamente alla vera raccolta differenziata,be si potra’ individuare la destinazione definitiva di questa benedetta ISOLA che non scontenti nessuno…cmq buon lavoro..Luca Dulcetti

  19. Mi meraviglio delle associazioni presenti sul territorio Wwf Protezione Civile che cosa fanno in merito non sono quelle preposte al controllo e segnalazione ma mi sa che sono solo personaggi che vogliono apparire solo per aver un titolo e basta.

  20. vabè oramai si è capito che tortora è una discarica a cielo aperto quindi non meravigliamoci se faranno l’isola ecologica a ridosso delle abitazioni tanto i nostri amministratori si possono giustificare dicendo che tortora e i tortoresi sono abituati a tale situazione;riallacciandomi al discorso del signor Martino vi invito a vedere la presenza di discariche di calcinacci Zona Mausoleo zona salita per case popolari mentre per gli alberi vi invito a vedere quelle in piazza stella maris tutti secchi insieme alle zolle di prato orami secche da mesi.
    Quetsa sarebbe l’ottima amministrazione mi meraviglio dell’assessore preposto.

  21. Io proporrei all’amministrazione di fare l’isola ecologica sul Palecastro,sui resti del foro romano di Blanda,tanto sono anni ormai che versa in condizioni pietose,tanto da non riconoscersi più,dovevano farci il parco archeologico,così come la chiesa Paleocristiana a San Brancato,di cui molti concittadini non ne conoscono nemmeno l’esistenza,ormai è inghiottita dalla “macchia mediterranea” e nessuno se ne frega,come diceva l’amico Rocco martino,al campo sportivo c’è il degrado più totale,lungo il corso del fiume ci sono resti di spazzatura di ogni tipo,ma non è solo una questione di spazzatura è una questione di mentalità,certa gente la “lurdìa” la tiene nel DNA,offusca la mente e fa prendere decisioni aberranti,tipo fare la discarica a ridosso delle abitazioni,bisogna educare i bambini già dalle scuole materne a fare la differenziata,non buttare carte a terra e quant’altro,il mito della Svizzera è vero,se buttate qualsiasi cosa a terra,arriva il gendarme e vi fa la multa anche salata,ma noi ormai ci stiamo abituando a troppe cose storte..

  22. finalmente qualcuno che ha le palle ….

  23. Tortora è cosi estesa che sarebbe persino facile perdersi, ma noi, siamo cosi stupidi da mettere un’isola ecologica a ridosso delle abitazioni, nonchè in prossimità delle attività commerciali tra l’altro visibile e in nelle immediate vicinance del mare.
    SONO COMPLETAMENTE OSCURATO
    Cari amministratori tortoresi(?), mi chiedo ma amate un pò il posto dove siete nati, dove vivete e vivranno i vs figli????
    Quasi ci stiamo abituando agli odori continui del depuratore di Falconara, ai depuratori di S Sago che inq…..ano il fiume, adesso a completamento ci vuole una discarica a cielo aperto.
    Io credo che non passerete …. passerete sulla ns pelle…. se volete la ns pellaccia meglio subito che sofferenze lunghe.

  24. le scelte negative dei politici non toccheranno mai i propi interessi…allora smettetela di dire che se la facessero sotto casa loro…..non lo farannno mai…ma cè chi stà pagando pegno per tutti…..ricordate quando giocavamo a nascondino…liberi tutti.il condannato..cè .colgo l’occasione per esprimergli la mia personale soliderietà a lui ed ai suoi familiari..per cosa subbiscono.tra non molto qualcuno avrà bisogno di un fegato nuovo.–.anche ieri sera uno schifo di puzza su c.aldo moro
    paga pegno uno per tutti….ma lasciamo perde che meglio…..vi ricordate qualche anno fà il depuratore di tortora?lo avevate mai visto percorrendo la strada della falconara…no..non si vedeva…e sapete perchè era corcondato dai pini e da calipso…qualche anno fà furono fatti tagliare e bruciati…in vari caminetti..sicuramente anche in qualche camino politico…perchè sono stati tolti l’ossiggeno prodotto dalle piante è abbattimento naturale…la puzza è aumentata anche per la strage di quelle povere piante secolari…ma come sempre accade a tortora nessuno vede e nessuno sente…
    .paese culturalmente…omertoso…rimpiazzatele con piante di alto fusto sempre verdi…..che cosa ci vuole le piante L’AFOR LE REGALA..ma attenzione però..le ultime arrivate sono stecchite di caldo allo stadio umberto nappi.mah..senza parole..una bellissima natura morta nemmeno il grande picasso l’avrebbe disegnata—
    spostiamoci in collina
    vi invito a farvi un giro nel parcheggio del campo sportivo altro che san sago…una vera discarica a costo zero a cielo aperto..di tutto di più…se servono a qualcuno ho delle belle foto… VERGOGNA VERGOGNA..il sindaco non è la stessa persona..che conoscevo io… che bell’esempio.che si fà con i ragazzi invece di educarli all’ambiente le proponiamo il contrario…bell’esempio con i genitori con le squadre ospitate..per noi tutti spero che sia bonificata al più presto…
    lungo fiume.
    ponte ferrovia foce.fiume noce…da far venire i brividi..consigliabile solo ad un pubblico adulto…
    hanno il coraggio di fargli anche la festa al fiume…si la festa del degrado…un imbecille che si è inventato il parco fluviale..imbecille..2 volte..ma fatemi il piacere…andatevene a casa…per una cena gratis si ci rimette la faccia…dio a che livello….
    se servono foto ho una bella raccolta…un vero bazar del rifiuto..a breve segiurà asta mobiliare–
    vedete quella sbarra.i massi di ristringgimento della carreggiata…..è un mio ricordo fui a farli mettere per evitare scarichi abusivi..
    oggi aperti..
    sanà cuvirnà i GADDINI..ed i PUORCI..di qualcuno che conta…scusate il dialeto ma ci stà a pennello–
    io sono visto male perchè dico la verità….IO NON SONO CIECO.SONO UNA PERSONA CHE VEDE E COMMENTA IL MARCIO….
    . chi deve controllare non fà perchè?…
    e basta co ste multe mandateli un pò in giro…che ce ne tanto bisogno.. dignità se ce nè—l’ambiente è una cosa seria..
    saluti Rocco MARTINO..

  25. con l’inclusione di altre zone tipo vicino campo sportivo vera zona centrale tra marina tortora paese e frazioni montane come si puo’ vedere il capannone comunale già utilizza quell’aria x deposito di fogliame calcinacci ed altro

  26. x il gestore lancerei un sondaggio se va bene li o meno l’isola ecologica

  27. l’ isola ecologica è un ottima cosa da farsi peccato solo per quelle persone che abitano in quella zona penso che tortora con la grande estensione di terreno che tiene l’amministrazione potrebbe trovare altra zona magari dove non ci sono abitazioni;
    WWWW Ulderico Pesce l’unico che sta mettendo in risalto il vero problema altro che il nostro sindaco…..ed i nostri amministratori…..

  28. (non)cultura tortorese

    🙂 sottile la satira di Wolverine. Comunque, a leggere i commenti sul tama isola ecologica se ne dovrebbe dedurre che i miei compaesani sono tutti ecologisti incalliti ed indomiti. La verità è che progetti come raccolta differenziata, riuso e riciclo, isola ecologica sono impensabili in un comune come Tortora. non tanto per l’arraffazzonata classe dirigente degli ultimi trenta anni quanto per la quasi totale mancanza di civiltà da parte degli abitanti e, soprattutto, per il mancato amor proprio dell’ambiente tortorese. Andiamo, non mentite a voi stessi. Quanti di voi non hanno mai omaggiato la sponda del fiume di qualche elettrodomesitco? O quanti di fronte all’evenienza di smaltire qualche metro quadro di amianto hanno penasato bene di rispramiare un migliaio di euro facendo pagare decine di migliaia a tutta la collettività? E i materassi abbandonati per la stradas? Non siete mica voi, proprietari di casa tortoresi? Naturlamente da questo ritratto si sentano esclusi coloro (pochi) che rispettano davvero il luogo in cui viono e in cui crescono i loro figli.

  29. Proposta di siti alternativi: località rosaneto verso la fine della via omonima. altra proposta: via panoramica al porto, parte finale a ridosso dei lidi.
    oppure: al di sotto del bivio poiarelli. peccato che in via impresa e in via sirimarco non ci sono terreni adatti.

  30. si proponiamo di farla sotto casa di qulche nostro assessore o del sindaco…..comunque viva Ulderico Pesce l’unico a fare veramente qualcosa di importante x san sago mentre i nostri amministratori si sono limitati a fare solo il compitino ricorso al tar costituzione di parte civile semplicementebadempimenti dovuti solo per salvarsi la faccia. I tempi sono cambiati non pensiate che tutti so fessi

  31. se l’isola ecologica viene fatta con i giusti criteri non creerà nessun problema, l’importante che ci siano i dovuti controlli inanzitutto un cosiglio l’area preposta dovrebbe essere controllata con un sistema di video sorveglianza in modo tale da evitare che vengono depositati rifiuti non riciclabili e sansionare chi non rispetta le regoleeee.

  32. uno di la muntagna.....

    chiedete alle persone che vivono nelle zone di san sago petraro e pizinno i cittadini della laccata nn vogliono una seconda san sago ma chiedete a quelli ” della montagna” come sono definiti dai cittadini della marina se vivono bene con il depuratore sotto il naso…. dopo 20 anni solo ora tutti si sono accorti dell inquinamento del noce uuuuuummmmm che bella scoperta ci voleva un certo pesce a far clamore e a toccare le coscienze degli abitanti della “marina” le acque del noce sfociano a mare ragion per cui se nel noce c e la merda loro si fanno il bagno nella merda…… fate passare l assessore un 15 di giorni a san sago poi potra parlare di paragoni…………………!!

  33. vorrei chiedere ai nostri amministratori ma se l’isola ecologica la facessero sotto casa vostra vorrei vedere cosa direste vi ricordo che sono sempre rifiuti ,scarti, inoltre la puzza del depuratore che voi avete fatto che ci distrugge l’esistenza….le nostre case domani varranno zero dopo tanti sacrifici grazie assessore tanto lei non tiene sto problema che se ne frega grazie grazie