Home / COMUNI / TORTORA / San Sago, Agonia di un fiume in piazza Stella Maris

San Sago, Agonia di un fiume in piazza Stella Maris


Proiezione del documentario di Pesce sull’inquinamento del Noce
Sabato sera (h. 20) piazza Stella Maris incontro voluto dal Comune

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

DI ANDREA POLIZZO

TORTORA – Discutere sulle cause dell’inquinamento del fiume Noce, delle sue ripercussioni sullo stato di salute del mare e sulle soluzioni avviate e da mettere in campo per debellare questa piaga.

Con questi obbiettivi l’amministrazione comunale di Tortora chiama a raccolta la cittadinanza sabato sera, alle 20, in piazza Stella Maris per partecipare all’incontro-dibattito “San Sago e dintorni, l’ecosistema fiume Noce.

Nel corso dell’evento è prevista la proiezione di Agonia di un fiume, video documentario realizzato dal regista ed attore teatrale lucano, nonché animatore di Vallenoce.it, Ulderico Pesce.

Le immagini raccolte dagli attivisti lucani testimoniano una condizione allarmante dello stato di salute delle acque del fiume Noce e rende conto del costante traffico di autocisterne, definite ‘bisonti luccicanti’, trasportanti percolato da discarica in direzione San Sago, frazione del Comune di Tortora.

Qui, come è noto, sono ubicati gli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti liquidi speciali e di compostaggio gestiti dalle ditte Ecologica 2008 e La recuperi Srl. Sulle attività presumibilmente inquinanti dei due siti la Procura di Paola, in periodi diversi, ha aperto due procedimenti. Il primo ha già espresso una condanna in primo grado per le persone coinvolte per reati ambientali. Per il secondo, si attende a breve l’udienza per il rinvio a giudizio.

L’incontro tortorese, replica ad un precedente tenutosi a fine estate a Rivello, in provincia di Potenza, paese di origine di Ulderico Pesce e di molti attivisti di Vallenoce.it, molto partecipato dalle popolazioni del lagonegrese.

“L’auspicio – ha detto recentemente Pesce – è che all’appuntamento di Tortora partecipi in massa la popolazione dell’Alto Tirreno cosentino. L’inquinamento del Noce non è un problema solo nostro o loro, ma di una comunità unica ed unita legata al fondo valle del Noce. Quel che succede a monte – ha anche aggiunto – si ripercuote sul mare di Maratea, Tortora, Praia a Mare e così via. E poi – ha concluso – di questo problema noi siamo venuti a conoscenza grazie ai vostri blog. Ora risolviamo insieme”.

Intanto dalla vicina San Nicola Arcella giunge la vicinanza al sindaco Lamboglia da parte dell’associazione amici di San Nicola Arcella onlus, con un comunicato del presidente Salvatore Barretta.

“L’associazione – è scritto nella nota – pur rammaricata di non poter presenziare all’incontro di sabato, conferma il proprio interesse a tutto ciò che riguarda la tutela paesaggistica e ambientale del territorio dell’intero golfo di Policastro ed è vicina all’amministrazione comunale di Tortora per le iniziative che sta promuovendo sui problemi dell’ecosistema del fiume Noce”.



About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Tortora, un progetto per la creazione di Cantieri culturali

Bando Borghi Mibact: Tortora partecipa con un progetto per creare uno spazio a disposizione dei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright