Home / IN PRIMO PIANO / Isola ecologica, guerra aperta tra Comune e Lv

Isola ecologica, guerra aperta tra Comune e Lv


Duro attacco di Laccata vivibile alla Giunta Lamboglia
La replica dell’assessore Ambiente Franco Chiappetta

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

DI ANDREA POLIZZO

TORTORA – “Se da parte nostra è stata ravvisata chiusura, dalla loro non mi pare che ci sia un atteggiamento diverso”.

Franco Chiappetta, assessore all’Ambiente del Comune di Tortora, ha replicato così alle accuse mosse all’ente da parte del comitato cittadino Laccata vivibile attraverso una nota stampa sulla vicenda dell’isola ecologica in progetto in località Falconara.

Nel comunicato, Laccata vivibile  si è dettao “amareggiato” nel constatare “ancora una volta l’aspetto campanilistico e una politica sociale inqualificabile. Purtroppo – hanno proseguito i componenti del comitato – si è recepito il grande disinteresse verso il territorio da parte di questa nuova amministrazione che non mantiene fede ai programmi politico-amministrativi presentati ai propri concittadini e che ha chiuso la riunione del 5 ottobre scorso in sala consiliare con sistemi arroganti e fare antidemocratico”.

Mentre il comitato ha dichiarato di voler proseguire con le proteste, Chiappetta ha replicato anche alle critiche sui comportamenti.

“Ad un incontro convocato in forma privata – ha detto l’assessore – il comitato si è premurato di convocare la popolazione attraverso un invito diffuso da un auto pubblicitaria. Nonostante questo comportamento scorretto – ha anche aggiunto Chiappetta – hanno comunque ottenuto ascolto da parte nostra”.

Sull’isola ecologica, l’assessore tortorese ha dichiarato che la volontà dell’amministrazione comunale non è cambiata e che, anzi, la pratica è già stata avviata e si è nella fase di attesa del rilascio dei pareri ambientali da parte della Provincia di Cosenza.

Infine, in replica alle lagnanze di Laccata vivibile sui continui maleodori provenienti dal depuratore di Falconara, l’assessore Chiappetta ha ribadito quanto già anticipato di recente dal sindaco Pasquale Lamboglia.

“Abbiamo dato mandato ai tecnici comunali – ha detto l’assessore all’Ambiente – per predisporre un nuovo bando di assegnazione perché non siamo affatto soddisfatti della gestione della Smeco”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Scalea, nessuna rapina armata con la scusa delle mascherine

L’avviso del commissario Guetta è un avvertimento dopo quanto avvenuto in altre parti d’Italia. L’Arma: …

19 comments

  1. grande fratello

    che delusione……..ma la democrazia ancora esiste?
    ………….oramai la politica fà da padrona………..

  2. Bravo Franco e tutta Amministrazione, diteglielo…a questi lamentosi, me compreso….. qui comandiamo NOI e facciamo come Noi vogliamo… Bravi.. Bravi..!!!!!, (forse meglio spiegare l’inizio del post è in senso ironico…..!!!)chissa mai qualcuno la prende per buona) Se non la vogliamo questa Porcheria è mai possibile che bisogna farla a tutti i costi solo per …. dimostrare che si è più forti???? ” QUI comandiamo NOI, Noi siamo l’Amministrazione, con i nostri soldi….SIAMO IN MANICOMIO??? con tanto territorio che abbiamo a Tortora, che bello… ci facciamo una discarica in Centro…..EVVIVAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
    Propongo una Consultazione Cittadina.
    (non contestate l’anonimato in rete, la rete è nata per esprimere opinioni valide, se questa opinione non è valida contestatela pure, per il resto l’anonimato è per far rosicare)
    Nua dice Buona Tortora a tutti io dico Buona Discarica e Prepotenza A Tutti

  3. il comitato LV fa bene a manifestare contro la costruzione in località Falconara dell’isola ecologica,per un unico motivo,perchè una volta costruita verrà quasi sicuramente gestita male,con la conseguente fuoriuscita di odori nauseabondi,sporcizia ecc..però in un paese civile che DEVE per forza di cose progredire un punto di raccolta per lo stoccaggio dell’immondizia va costruito,va potenziata la raccolta porta a porta,va scelto un sito che non urti la suscettibilità di nessuno,va scelta una società seria,vanno fatte tante cose,in primis bisogna educare i bambini fin da piccoli (dalle scuole materne) a fare la differenziata,a punire severamente chi getta rifiuti ingombrandi lungo gli argini del fiume e a mare o in qualsiasi posto,va regolato il funzionamento(?) del depuratore perchè quest’anno la “macchia” in mare l’abbiamo capito tutti che erano liquami di fogna,stiamo distruggendo il nostro stesso ambiente,la gente muore di tumore sempre di più,mi chiedo dove arriveremo di questo passo..

  4. Se avete allocazioni alternative seganalatele. Credo sia il momento di lanciare un sondaggio, ma mi sembra limitativo porre la contrapposizione tra chi la vuole e chi invece no. Forse è il caso di porlo tra chi la vuole a Falconara e chi la vuole nei posti che potrete segnalare nelle prossime ore commentando qui. il Gestore, Andrea Polizzo

  5. Non posso che essere d’accordo con te Speranza, la dovete finire con questa storia. E’ proprio fastidioso il vostro modo di fare, contro questa fantastica isola ecologica, tutti nella vita sognano di vivere in un’isola, a voi ve la portano fin sotto casa…..
    Voglio esprimere la mia solidarietà verso tutte le persone che sono costrette a sorbirsi l’ hou de toilette dei depuratori, costrette a barricarsi in casa in piena estate, vedendo in questo modo negati i propri diritti alla libertà e di vivere dignitosamente.
    Il comune cosa sta facendo? Quali sono i suoi progetti ?….credo nessuno visto che vogliono fare anche l’isola ecologica.
    Io ritengo che nella zona lungo il fiume sia ottima per un impianto del genere.

  6. la discarica o isola ecologica che dir si voglia si potrebbe fare all’interno del deposito che il comune tiene prima dello stadio U.Nappi,ribadisco all’interno,e non all’aperto,così da limitare la puzza,poi io non sono un tecnico,ci sono persone che vengono pagate per prendere decisioni,ma a quanto pare non fanno bene il loro lavoro,la mia è solo una proposta di semplice cittadino,tenendo lì l’immondizia ben sigillata in attesa di essere smaltita altrove potrebbe essere una soluzione,perchè la zona non è densamente abitata,e perchè il capannone c’è già,e perchè ripeto all’interno si potrebbe diminuire il maleodore.

  7. concordo per il sito dell’ isola ecologica con quanto detto da ciccio, se vogliamo dirla tutta, ad oggi già quel sito viene utlizzato, infatti si possono vedere cassonetti(conteiner) rifuti da taglio alberi ed erba ecc…ma l’amministrazione a già deciso quindi non possiamo farci nulla….

  8. Franco Guerrera

    Urge un incontro tra l’Amministrazione Comunale ed il Comitato prajese Laccata vivibile che metta d’accordo le parti.
    Intanto l’Amministrazione Comunale deve non solo garantire ma soprattutto tranquillizzare la cittadinanza che l’isola ecologica è “realizzata a tutela della salute pubblica” e nel pieno rispetto delle norme e soprattutto i lavori dovranno essere eseguiti nel rispetto dei principi architettonici di sostenibilità ambientale”.
    L’isola ecologica dovrà essere obbligatoriamente dotata di un impianto di depurazione delle acque bianche per scongiurare eventuali fuoriuscite di percolato.
    E’ necessario, ovviamente osservare il massimo rispetto per l’impianto dell’agrumeto e non dev’esserci alcun impatto per la salubrità dell’aria.
    Tutti questi accorgimenti dovranno essere imposti alla ditta realizzatrice, sotto la stretta sorveglianza dell’Amministrazione Comule e degli Uffici preposti, evidenziando che è vero che il progetto presentato ed approvato mira si a razionalizzare la raccolta dei rifiuti anche con benefici dal punto di vista economico e ambientale, ma che garantista, ripeto, per prima cosa: la salute pubblica.
    Franco Guerrera da Tortora.

  9. caro franco ma quale regole io sono d’accordo con il comitato laccata faremo di tutto e tutte le proteste possibile affinchè non venga fatta l’isola ecologica nella zona falconara……….. Vorrei ricordare che anche quando e stato fatto il depuratore, i nostri bravi amministratore decisero di farlo li e dicevano che sarebbe stato fatto a norma e con tutte le precauzioni beee sfido chiunque sono anni che la puzza arriva fino al distributore Tamoil sulla nazionale o meglio sul Corso Aldo Moro che dovrebbe essere la zona principale del paese be in estate la puzza la fa da padrone persino all’interno dei locali bar 3001 per intenderci non si puo stare arriva anche li per cui se la fanno con i criteri con cui hanno fatto il depuratore dobbiamo essere preoccupatiiiiii Fatela in zone non abitate che a Tortora ce ne sono se no fatevela vicino le vostre abitazioni cari amministartoriiiiiii

  10. Gia precedentemente avevamo contestato la scelta della cosidetta ISOLA ECOLOGICA, non opportuna per una zona gia circondata di:
    1-Depuratore Praia a Mare, 2- Area Marlane con annesso Capannone e non sappiamo cosa nasconde. 3- Area di raccolta Rifiuti di Praia a Mare, 4- Il depuratore di Tortora e per finire il Grande Fiume che chiude in mare tutto un paese che è diventato una GRANDE DISCARICA, siamo in Trappola!!? Come ne usciamo se si continua a perseverare su scelte non condivise dal Vero Amministratore del territorio, IL CITTADINO. Sapete cosa vi dico ora chiudo ne sono nauseata di tutta questa Merda!!!!

  11. Cittadino deluso

    Penso che il problema si potrebbe risolvere realizzando un’isola ecologica interrata o in alternativa, nei vari rioni, tante isole ecologiche sotto il piano stradale. Basterebbe realizzare nel sottosuolo, per ogni isola, un contenitore in cemento impermeabilizzato o in metallo, all’interno del quale inserire affiancati cassonetti di grande volume destinati alla raccolta differenziata. All’esterno, la risorsa paesaggistica e il decoro urbano ne trarrebbero vantaggio, poiché, risulterebbero visibili solo piccole colonnine automatizzate per il conferimento dei rifiuti e risulterebbero nulle le emissioni di cattivo odore. Per lo svuotamento si potrebbe prevedere su ogni colonnina un sistema automatico di blocco del conferimento e la contemporanea chiamata dei mezzi di raccolta che interverrebbero solo all’occorrenza limitando il loro transito per le strade del paese. Un altro vantaggio non trascurabile potrebbe derivare dalla consegna ad ogni utente di una scheda magnetica con la quale attivare le colonnine di conferimento che registrerebbero in tempo reale, il tipo di rifiuto, il peso e conseguentemente il costo del servizio. Solo in una fase successiva, agli utenti più virtuosi e in grado di differenziare correttamente i rifiuti si potrebbe pensare di attivare un sistema premiale consistente nella riduzione della tarsu. La mia non è certo una proposta originale, ma è comunque un’idea, basta cercare nel web per avere una conferma della validità di questo sistema di raccolta differenziata dei rifiuti.

  12. di sicuro troverete noi all’entrata della discarica, non passerete, non è una minaccia, è una constatazione, io ci tengo alla mia famiglia e ai miei sacrifici.
    per quanto mi meraviglio del vicesindaco, va bene che lui vive in collina, vicino al capannone comunale, ma almeno potrebbe pensare a coloro che hanno le attività sul corso a. moro.
    è meno male che questa era la giunta di intellettuali, allora quelli di prima erano tutti archimedi, non avete contatto umano, solo chiacchiere e distintivo.
    il tempo passa e velocemente.

  13. grande fratello

    Comunque peccato rovinare quella zona che poteva essere il simbolo di Tortora con” Torre Nave”, invece cosa si fà, prima un depuratore poi delle costruzioni a 100m, adesso l’isola non ecologica e poi……un bel impianto di compostaggio e poi una bella discarica di inerti e poi……oramai hanno scelto anzi ha scelto dovete solo rassegnarivi(dice lui) finchè siete in tempo vendetevi le case.
    Poi chissa che traffico di camion in quella via Falconara da nord a sud provocherà non pochi problemi con le scuole e con i residenti della via che hanno le case a ridosso della strada.
    Per questi motivi bisogna cercare di non farla fare lì io comunque sarò dei vostri se farete manifestazioni ecc.

  14. si che passa passa altri tre anni e vanno via io sono con te paolo mi aggiungo a tutti coloro che nn vogliono l’isola ecologica nella zona falconara … faremo tutte le dimostranze possibili per non farla realizzare li ………. e giuisto farla ma devono trovare un altra area

  15. e si che il tempo passa per fortuna passa altri due eanni e mezzo e vanno a casa io sono con te paolo e penso che molti ttra praia e tortora siano con noi e contro la realizzazione dell’isola ecologica nellla zona falconara…….. e giusto che sia fatta ma non li ……. questi dicono che non dia problemi lo dissero pure quando fu fatto il depuratore, be come tu sai la puzza di merda che si sente arriva persino nella zona piazza stella mares pensa che scenziati che abbiamo nel nostro paese percio occhi aperti stavolta non ci fregheranno

  16. io proporrei s.sago.

  17. grande fratello

    io via pucci o sirimarco

  18. facciamo na cosa cosi ci togliamo il pensiero facciomola sul corso aldo moro altezza bar 3001 al centro hahahaha

  19. Gli Amministratori Passano e i DANNI restano!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright