Home / IN PRIMO PIANO / Regione Basilicata: fiume Noce poco inquinato

Regione Basilicata: fiume Noce poco inquinato


Relazione dell’assessore Ambiente al Consiglio regionale
Mancusi: “Utile allarme ambientalisti. Presto ‘nuova’ Arpab”


DI ANDREA POLIZZO

POTENZA – “I dati Arpab sul fiume Noce evidenziano un basso livello di inquinamento”.

È questa la situazione del corso d’acqua descritta davanti al Consiglio regionale della Basilicata dall’assessore all’Ambiente Agatino Mancusi.

“Il giudizio dell’agenzia per l’ambiente lucano – ha precisato – dal 2006 al 2010 si è mantenuto costantemente sul valore buono”.

Mancusi ha relazionato all’assemblea sulla base di dati Arpab relativi ai cosidddetti macrodescrittori: ovvero presenza di nutrienti, sostanze organiche biodegradabili, ossigeno disciolto e inquinamento microbiologico.

L’assessore regionale ha teso a rassicurare sulle condizioni del Noce pur considerando utili gli allarmi lanciati recentemente dagli ambientalisti della Valle del Noce.

“Il livello di attenzione – ha detto Mancusi in Consiglio – si è ulteriormente elevato. I dati relativi al  2011 per il fiume Noce vengono trasmessi mensilmente al dipartimento Ambiente nell’ambito del progetto Sina (Sistema informativo nazionale ambientale). I parametri investigati – ha concluso Mancusi – consistenti in analisi inorganiche, chimico-fisiche e microbiologiche secondo il parere di Arpab non presentano situazioni di particolare criticità”.

L’assessore ha inoltre illustrato tutte le misure adottate sulle mergenze ambientali dell’intera Regione come il Centro oli Val d’Agri di Cova, la diga del Pertusillo e il termovalorizzatore Fenice di Melfi oltre ad illustrare le linee di politica ambientale.

Quieste ultime si concentrano soprattutto sul potenziamento dell’Arpab.

“Sarà un’avanzata agenzia per l’ambiente e lo sviluppo sostenibile – ha detto Mancusi – secondo i modelli in essere in Europa”.

La nuova Arpab potrà contare sull’attivazione di sistemi innovativi di controllo ambientale, management gestionale, e su maggiori strumenti per la comunicazione e l’informazione.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

incidente stradale cedro bmw fiat

Santa Maria del Cedro, incidente stradale su via Degli Ulivi

Scontro tra due automobili nei pressi dello svincolo di Grisolia. Non ci sarebbero conseguenze per …

9 comments

  1. vi rido il sito:
    scrivetelo per intero

    http://it.wikipedia.org/wiki/Storia_della_'Ndrangheta

    leggete nel rigo
    L’affare dello smaltimento dei rifiuti tossici

  2. IL fiume deve essere continuamente controllato …. prima e dopo la discarica, ma soprattutto quando scaricano i TirCisterna, se vanno a controllare quando non lavorano le misure le trovano ok perchè il fiume si pulisce continuamente .
    Da dieci giorni i TIR hanno ripreso incessantemente nell’ordine di due ogni 20 minuti ossia circa 50 al giorno … e dove va tutta questa quantita se non nel fiume, e poi, se andate al mare da un po di tempo ci sono chiazze di sporco da pertutto lunghe centinaia di metri, quando andavamo a mare da piccoli e si scendeva sott’acqua si riusciva a vedere il fondo ad occhi aperti ora non si vede nulla.
    Noi vogliamo una sede permanente di controllo con dati pubblici… in questo piccolo sito arrivano quantità esagerate …secondo me i turisti un giorno sparirano …e fanno bene.
    Per me va chiusa!!!…se non riusciamo a chiuderla controlliamo le quantità e appena esagerano chiudiamo.. e speriamo che dietro no v’è qualcosa di più terribile vedi sito:

    Non dimentichiamo che Uderico Pesci subisce attentati per proteggere noi , ma se non vi era nulla a che prò servivano gli atti intimidatori….da questo si deduce che c’è gente senza scrupoli e forti interessi….Altresì la scritta ecologia sui TIR e alla discarica è una beffa …come le bandiere con la croce rossa sulle tre caravelle per conquistare l’America col sangue degli indiani.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Storia_della_'Ndrangheta

    leggete tutto…ciao e OKKIO.

    NOTA DEL GESTORE. Il nickname dell’utente è stato modificato in antonio 2011 in quanto ‘antonio’ è già in uso da altro utente. Grazie.

  3. Giuseppe Chiappetta

    http://www.ilquotidianoweb.it/it/basilicata/potenza_treno_arpab_fenice_assunzioni_soldi_restaino_sigillito_2011.html

    fino a che punto possiamo credere a questi “signori”? L?arpab aveva detto le stesse cose della Fenice a Melfi….e sappiamo tutti come è finita. Mentre l’assessore perdeva tempo a fare dichiarazioni, i suoi esperti venivano arrestati o indagati…….
    a questo punto, manderei questi signori a Fukushima, per tranquillizzare i giapponesi.

  4. (non)cultura tortorese

    Infatti dovrebbero risolverli entrambi i problemi. Se ci si passa l’off-topic. Da Silvestri a Lamboglia quanto a puzza nulla è cambiato. Neanche l’incomprensibile silenzio di chi ha le attività commerciali. Ma di certo le colpe sono della ditta che lo gestisce e del fatto che quel depuratore è sotto-dimensionato. comunque tornando all’argomento del post: se in quattro anni di puzza noi cittadini avessimo protestato costantemente, estate compresa, e mantenuta alta l’attenzione, le contromisure sarebbero state prese più celermente. Ne sono sicuro.

  5. puoi avere le acque più cristalline che ci siano
    ma se io turista mi fermo sul corso a moro il principale
    c/so di tortora x mangiarmi un gelato e sento l’odore
    che si respirava queste estate,stanne certo che la prossima volta il c/so lo faccio con i finestrini
    chiusi e senza sosta…

  6. (non)cultura tortorese

    @picconatore. Risposta: probabilmente nessuno. Domanda: se lo stillicidio è servito ad avere maggiore attenzione e se questa attenzione dovesse portare a un fiume Noce NON inquinato, e di conseguenza un mare migliore, non sarebbe meglio? Ne beneficenerebbero i nostri figli che crescerebbero più al sicuro e anche le attività turistiche che, allora si! avrebbero un ambiente da vendere.

  7. mi sai dire un solo fiume che nn ha nessun tasso di inquinamento? la sorveglianza,il monitoraggio,
    le 8 analisi mensili da parte dell’arpab i controlli da parte di tutte le autorità che ben vengano,ma francamente tutto questo stillicidio si poteva evitare,
    forse si voleva spostare l’attenzione su questo invece che altro…

  8. (non)cultura tortorese

    “Poco” inquinato non siginfica “NON” inquinato. A me, la parte dell’articolo che colpisce è quella in cui l’assessore regionale della Basilicata mette in correlazione l’allarme lanciato dagli ambientalisti con l’elevamento del livello di attenzione e monitoraggio. In particolare, tali allarmi vengono considerati UTILI. A livello culturale continuiamo a ricevere lezioni dalla vicina Basilicata dove il direttore Arpab non nega che si è preoccupati per le condizioni del Noce. Leggete qua: http://www.blogtortora.it/?p=5422. Insomma, almeno in Basilicata chi è preoccupato per l’Ambiente non viene considerato uno che provoca problemi ai suoi concittadini.

  9. Fiume noce poco inquinato????
    ma all’ora che cosa ce dietro a tutta questa farsa
    dell’inquinamento del noce??quali interessi si celano dietro a tutta questa campagna diffamatoria???
    mi domando: xchè prima di spxxxnare (ancora di più d’estate) il ns fiume e il ns
    mare nn si sono fatte tutte le analisi del caso???
    ..che bella publicità che
    abbiamo fatto al ns territorio..
    …qui gatta ci cova