Home / CRONACA / Marlane, sequestrato lo stabilimento

Marlane, sequestrato lo stabilimento


La Procura di Paola ha messo i sigilli allo stabilimento di Praia
Richiesto dall’avvocato Lucio Conte per consentire le verifiche

green multiservice disinfezione

DI ANDREA POLIZZO

PRAIA A MARE – Sigilli allo stabilimento Marlane di Praia a Mare. La decisione è stata presa oggi dalla Procura della Repubblica di Paola su richiesta di Lucio Conte, avvocato di parte civile nel processo omonimo.

Si tratta di un sequestro probatorio, ovvero una misura decisa dall’autorità giudiziaria per la ricerca di eventuali elementi di prova da utilizzare nel corso del processo per il quale, lo ricordiamo, sono alla sbarra 13 ex responsabili e dirigenti dello stabilimento praiese di proprietà Marzotto accusati di omicidio colposo relativamente alla morte per tumore di una cinquantina di lavoratori. Il procedimento presso il tribunale di Paola, dopo quattro rinvii in otto mesi, dovrebbe iniziare il 30 dicembre prossimo.

La parte civile ha ritenuto di dover chiedere il sequestro complessivo dello stabilimento per consentire che i giudici del tribunale di Paola possano accertare le reali condizioni in cui lavoravano gli operai deceduti.

Precedentemente, nell’ambito dell’inchiesta sulla morte degli operai dello stabilimento erano già state sequestrate l’area esterna ed il reparto di tintoria.

“Abbiamo chiesto il sequestro dello stabilimento – ha detto Lucio Conte – per fare in modo che i giudici possano effettuare tutte le verifiche possibili. Avevamo saputo che esisteva anche la possibilità di una vendita della struttura e quindi siamo intervenuti tempestivamente in modo da conservare i luoghi”.



About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Diamante, solidarietà dell’amministrazione al vicesindaco Pascale

Dopo le minacce con pistola, nota di vicinanza da parte della maggioranza che parla di …

One comment

  1. grande fratello

    certo che tra marlane san sago depuratore comunale fiume noce inquinato isola ecologica adesso ci mancava pure il traliccio di Telefonia Mobile a San Quaranta tanto per andare ad incontaminare ancora una zona vergine be ci stiamo impegnando per autodistruggerci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright