Home / CRONACA / Ospedale Praia, Comitato: “Risultati di un anno di lotta”

Ospedale Praia, Comitato: “Risultati di un anno di lotta”


Venerdì 25 novembre Comitato e politica incontrano Scopelliti
Dalla manifestazione di gennaio ad oggi: un anno di protesta

DI ANDREA POLIZZO

PRAIA A MARE – “Finalmente siamo riusciti a portare la questione ospedale di Praia a Mare all’attenzione del presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, e del consiglio regionale”.

Il Comitato civico in difesa dell’ospedale di Praia a Mare esprime soddisfazione per l’ultimo risultato, in ordine cronologico, conseguito dal movimento di protesta contro gli effetti del Piano di rientro dal deficit sanitario approvato dalla Regione Calabria.

“Venerdì 25 novembre, alle ore 12 – commentano i componenti del comitato – avremo un incontro con Scopelliti, presso la sede dell’assessorato Sanità, a Catanzaro. La nostra insistenza ha pagato – aggiungono – e, ora, le parti istituzionali locali e regionali insieme a quelle tecniche discuteranno della possibilità di rivedere il Piano di rientro e il decreto 106 che hanno azzerato i posti letto dell’ospedale di Praia”.

Il riordino della sanità calabrese, infatti, prevede la riconversione della struttura sanitaria praiese in Centro di accoglienza primaria territoriale.

“Si tratta di una occasione importante – dichiarano dal comitato – per le sorti del presidio ospedaliero di Praia a Mare. Noi – aggiungono – saremo presenti e vigileremo in attesa che le parti politiche e tecniche interagiscono per trovare la soluzione più adatta al nostro territorio garantendo il diritto alla salute  come previsto dall’articolo 32 della Costituzione italiana”.

Nel comunicato stampa del Comitato civico in difesa dell’ospedale di Praia a Mare un riepilogo delle molte attività intraprese in un anno di lotta per scongiurare il declassamento del nosocomio.

“L’incontro di venerdì – scrivono i rappresentanti della cittadinanza – giunge a rendere onore al nostro impegno dopo la manifestazione civica del gennaio 2011, la raccolta di 10mila firme per dire “No alla chiusura del presidio ospedaliero”, poi consegnate a Gianluigi Scaffidi, dirigente responsabile del Piano di rientro calabrese. E poi, ancora – aggiunge il comitato – riunioni con cittadini e sindaci del territorio, con politici regionali e provinciali, oltre ad aver interessato della questione i presidenti della Repubblica, Giorgio Napolitano, e della Camera  dei deputati, Gianfranco Fini”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Paola, tassa sull’acqua: vi spiego i rincari nelle bollette

L’ex sindaco Basilio Ferrari, bollette alla mano: “Penalizzati gli anziani, le fasce deboli, chi risparmia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright