Home / COMUNI / CETRARO / Intimidazioni a don Ennio Stamile, spunta un uomo

Intimidazioni a don Ennio Stamile, spunta un uomo


Un 35enne del posto avrebbe confessato le intimidazioni
Alla base delle minacce il rifiuto a una richiesta di lavoro

green multiservice disinfezione

CETRARO – Sarebbe un uomo di 35 anni di Cetraro, Francesco T., l’autore degli atti intimidatori ai danni di don Ennio Stamile.

L’uomo si sarebbe recato spontaneamente in caserma per costituirsi ai Carabinieri e avrebbe fornito dettagli decisivi su entrambi i gesti, il danneggiamento dell’auto del parroco e, soprattutto, la ‘consegna’ sul pianerottolo della sua abitazione di una testa di maiale mozzata con tanto di bavaglio di stoffa sulla bocca.

Per il momento si resta nell’ambito delle indiscrezioni. Alcune fonti di stampa riferiscono del rifiuto di don Ennio Stamile a una richiesta di lavoro del 35enne come movente per le intimidazioni della settimana scorsa. Al momento le indagini sono tutt’ora in corso.

Se confermata, la pista emersa in queste ore spingerebbe gli investigatori ad abbandonare quella delle minacce mafiose. Una tesi avallata nelle ore immediate ai fatti anche dal procuratore capo di Paola, Giordano Bruno e collegata alle omelie del parroco di Cetraro.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Coronavirus Calabria, 28 nuovi positivi nelle ultime 24 ore

Quindici nella sola provincia di Cosenza che continua a essere quella maggiormente colpita. Totale contagiati …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright