Home / IN PRIMO PIANO / Elezioni a Praia a Mare, i candidati pensino agli ex Marlane

Elezioni a Praia a Mare, i candidati pensino agli ex Marlane


Proposta di Pino Limongi per il reinserimento ex Marlane
Un tavolo di concertazione tra gli aspiranti amministratori

green multiservice disinfezione

PRAIA A MARE – Un tavolo di concertazione per risolvere la disoccupazione dei lavoratori ex Marlane.

A proporla ai protagonisti delle imminenti elezioni amministrative di Praia a Mare è un cittadino praiese, Pino Limongi.

“Una delle possibili soluzioni – suggerisce Limongi – potrebbe essere rappresentata dai piani di mobilità in deroga. Così come è avvenuto in altre province dove si è deciso un reinserimento parziale attraverso un protocollo d’intesa con il Ministero della Giustizia. Servirebbe l’impegno da parte di tutti gli aspiranti candidati alla carica di sindaco e di consigliere comunale”.

Limongi, inoltre, informa di aver reso partecipe la struttura provinciale dell’Udc allo scopo di cercare ogni possibile soluzione.

“Mi sono attivato – scrive in una nota – per avere l’interessamento del segretario provinciale Gino Pagliuso investendolo del problema e quindi, insieme, lavorare per raggiungere l’obiettivo, non attraverso l’impossibile, ma affrontando ed esaminando il concreto in ogni sfaccettatura”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Sangineto, ladri staccano cassaforte dal muro: bottino ingente

Colpo da alcune decine di migliaia di euro. Bersaglio una villetta del centro storico. Indagano …

One comment

  1. Franco Guerrera

    Pino, non solo “MARLANE” ma anche altre realtà aziendali a Praja che riguardano lavoratori in cassa integrazione e in mobilità. SI lavori, per questo, in sinergia con il sindacato-patronato CGIL di Praja che è a conoscenza delle aziende di cui faccio cenno e non non si dirigga la discussione e l’interessamento, spesso, unilaterale in senso da questo partito, o da un altro e/o movimenti politici. Per il bene di Praja sì ma anche per il bene di tutto il comprensorio che vive questo annoso problema da oltre 20 anni.
    Franco Guerrera da Tortora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright