Home / CALCIO / Nuovo Cat, Matellicani e Lapetina ci riprovano

Nuovo Cat, Matellicani e Lapetina ci riprovano


Ancora faccia a faccia Matellicani-Lapetina-giocatori per nuovo Cat
Per entrare in società i due chiedono di rivedere rimborsi giocatori

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

TORTORA – È previsto per domani alle 17, all’impianto sportivo comunale Umberto Nappi, un nuovo faccia a faccia tra dirigenti entranti e giocatori per risolvere gli ultimi dettagli che ancora frenano il nuovo corso societario del Comprensorio Alto Tirreno di Tortora.

In questi giorni, infatti, una cordata guidata dagli imprenditori tortoresi Franco Matellicani e Leonardo Lapetina (foto) sta provando a rilevare la società calcistica che milita nel campionato di Promozione calabrese, girone A.

A quanto si apprende, nell’incontro di domani saranno riproposte nuove condizioni di trattamento per i calciatori dell’attuale rosa.

“Non esistono i presupposti – hanno fatto sapere Matellicani e Lapetina – per onorare promesse fatte in passato. Se tutti accettano rimborsi commisurati a quelle che sono le attuali condizioni economiche e, soprattutto, alle nostre reali disponibilità, non ci saranno altri impedimenti all’ingresso in società”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

arresto praticò campi da tennis bar ristorante

Tortora, sabato 4 giugno una giornata dedicata al Tennis

Allo stadio comunale Umberto Nappi un evento sportivo che coinvolge grandi e piccoli a partire …

2 comments

  1. Lo sport nei piccoli Paesi, e questo anche Tortora, è nato per favorire la stessa Comunità, per creare socialità e antagonismo fra i
    giovani locali, dove le Amministrazioni sostengono con i soldi pubblici tale attività.
    Da molti anni in tutto il Territorio dell’Alto Tirreno, come in tutta la Provincia e la stessa Regione, ma forse in tutta Italia, questo Isituto dello Sport locale è stato molto depredato e cannibbalizzato per altri scopi, tanto che le squadre locali non rappresentano più lo spirito Sportivo del Paese. Vedi campi sortivi vuoti, privi di interesse e passione per i colori della squadra di calcio.
    Fermo restando che chi si impegna fisicamente ed economicamente per questo scopo ha sempre buoni propositi e per questo mi aggiungo al coro degli Auguri e della Buona Fortuna a qualsiasi dirigenza ma cambiando Progetto, o meglio ritorniamo in paese, per il Paese a fare sport.
    Una Società Sportiva che si impegna a favorire uno sport locale, con i giovani di qualsiasi età, sostenendoli nella crescita, nell’educazione sportiva e non, con strutture e attrezzature innovative a disposizione, investendo in formazione sportiiva, per non sperperare denaro o facendolo emigrare fuori zona, lasciando a chi se lo può permettere il sogno di raggiungere categorie sempre più costose, sempre più spersonalizzate nel territorio, è finita l’epoca di organizzare grandi squadre di calcio locali.Forza Tortora.

  2. praticamente chi ha avuto ha avuto ,chi ha dato ha dato, scordiamoci del passato e “vinciamo” il campionato.
    comunque (scherzavo) i miei migliori auguri e forza TORTORA!!