Home / IN PRIMO PIANO / Tortora, ‘caro’ amministratore quanto mi costi?

Tortora, ‘caro’ amministratore quanto mi costi?


Interrogazione del gruppo Tortora nel cuore sulle indennità
Ecco quanto percepiscono Lamboglia e la squadra di governo

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

TORTORA – ‘Caro’ amministratore, quanto mi costi? Quanto costa ai cittadini l’attuale compagine amministrativa guidata dal sindaco Pasquale Lamboglia?

Se lo è chiesto Tortora nel cuore, gruppo di minoranza in Consiglio comunale costituito dal capogruppo Raffaele Papa e dal primo eletto Emilio De Filippo che, in merito, pretende risposte precise su aspetti squisitamente economici dell’ente.

Conti in tasca, ecco allora quanto costa mensilmente l’attuale squadra di governo tortorese. Secondo la delibera di Giunta 65 dell’aprile 2011, il sindaco Pasquale Lamboglia (foto) percepisce poco più di 3mila euro al mese. Mille500 euro, invece, li incassa il vicesindaco Generoso Dulcetti. Poco meno, mille400 euro circa, spettano invece ai 4 assessori Biagio Praino, Maria Lamboglia, Filippo Matellicani e Franco Chiappetta.

Calcolatrice alla mano, e arrotondando: circa 10mila euro al mese. 120mila euro l’anno. Una cifra della quale, però, beneficiano anche i restanti consiglieri con delega. Il documento dell’aprile 2011 stabilisce infatti che parte dei compensi venga ad essi devoluta per un totale di circa 2mila 800 euro.

Non è la prima volta che Tnc interroga sull’argomento. Un simile quesito al sindaco, infatti, risale ad ottobre 2011. A generare la riproposizione della domanda, la risposta fornmita dal primo cittadino nel corso del Consiglio comunale di novembre, giudicata insoddisfacente da Tnc.

In quella occasione, secondo Papa e De Filippo, il sindaco ha semplicemente rimandato all’atto della Giunta dell’aprile 2011 sulla determinazione delle indennità di funzione per gli amministratori comunali.

Questa volta, dunque, Tnc ha deciso di rigirare i quesiti al segretario comunale, Silvio Bastardi, e al revisore dei conti Sergio De Lorenzo”A tutela – è scritto nell’interrogazione – dell’ente e del pubblico interesse”.



About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Diamante, solidarietà dell’amministrazione al vicesindaco Pascale

Dopo le minacce con pistola, nota di vicinanza da parte della maggioranza che parla di …

17 comments

  1. francoguerrera

    Scusate perchè sono solo chiacchiere. Il Comune di Praia a Mare nel giugno 2008 ha istituito la Consulta Giovanile ed ha funzionato. Vi invito a collegarvi sul sito del Comune medesimo e trovate “regolamenti” – Consulta Giovaniile.
    Non penso che Praia si trova su Marte, anzi è il nostro più stretto comune confinante. E’ vero: lezione di democrazia. Ma anche a Praia a Mare l’iniziativa è venuta dai privati cittadini. A tortora non è possibile? Forza Giovani Tortoresi fate tante iniziative belle ed interessanti, siate “TALENTI” anche per quersta cosa. Lo stesso invito e stimolo l’ho fattpo per prima alle mie figlie, credetemi!!!
    Giuseppe, innanzitutto: auguri, se sei “giovane (da 16 anni – fino a 40 anni) prendi Tu l’iniziativa e vedrai che non saranno chiacchiere.
    Franco Guerrera da Tortora.

  2. leggo solo chiacchiere……saluti

  3. ma se nella maggior parte dei piccoli comuni il sindaco è un vero “dittatore” (nn voglio dire che il ns sia cosi!!!!) e il consiglio comunale viene scavalcato puntualmente, ma a che servirebbe la consulta!?!?

  4. Franco Guerrera

    Attenzione, la Consulta non è una giunta giovanile ma solo una CONSULTA che può esprimere parei, proposte ed altro e che partecipa alla vita amministrativa dell’Ente Comune attivamente e fortemente rappresentativa ma non sostituisce affatto nè l’Organo Esecutivo e nè il Civico Consesso.
    Va anche detto che la formazione della Consulta, qualora non venisse istituzionalmente stimolata direttamente dall’Amminsitazione Comunale, potrà essere richiesta la sua “formazione” nel rispetto della Legge 267/2000 e ss.mm.ii. ed in sintonia con lo Statuto Comunale.
    Buona Domenica.
    Franco Guerrera da Tortora.

  5. Il problema non sta nello stipendio (anche se 1400 euro per qualcuno dei citati é un vero e proprio sproposito….Adesso capisco perché buona parte “senza arte e ne parte” prova il salto)…il problema sta nelle ore di lavoro….ma almeno 8 ore al giorno al “servizio del cittadino” (perché lo stipendio in quota parte te lo pago anche io con l’addizionale che mensilmente verso) le fanno?????

  6. Franco magari fosse introdotta la giunta giovanile…

  7. Circoli, “circoletti” e mini e baby partiti, dato che in Italia sono pochi è giusto crearne altri. Anche un ulteriore giunta giovanile tanto per aiutare la ferruginosa macchina politica che continua a fare la sua porca figura. Come se ci sia bisogno di qualcun altro a ricordare i problemi del paese, dato che come ben evidenziato si paga profumatamente chi DOVREBBE già lavorare in modo eccellente vista l’esperienza fatta in passato. Mi chiedo a questo punto a cosa può servire un ulteriore gruppo? A dare consigli? La vita politica dei giovani, non attivi, è stata svegliata dalle scorse elezioni e si è dimostrata deludente (in parte non facciamo di tutta un erba un fascio). Giovani nell’anima nell’aspetto ma di testa ragionano come i nostri avi. E dir si voglia almeno una volta c’e’ stata la possibilità di una svolta e lo spiraglio anzi un barlume di speranza per questa terra. Se tanto si è legati al passato tanto meglio che viviate in bianco e nero. Se i giovani si vogliono avvicinare alla politica lo possono e lo hanno potuto fare ma forse l’influenza della famiglia non permette una apertura per il loro futuro. Buon Lavoro

  8. Franco Guerrera

    Benisssimo Alberto, buono per Te, per tutti i giovani di destra e di sinistra o anche moderati, l’importante è che ci siano, ben vengano e mi fa piacere di essermi sbagliato, ma all’ “ombra delle querce” (mi riferisco per davvero alla pianta e non a simboli di partito) o si fa la siesta o gatta ci cova. E’ meglio la trasparenza assoluta e massima libertà. Se vuoi cita pure Giulio Cesare Evola (alias Julio Evola) se vuoi precisare che “ognuno ha la libertà che gli spetta, misurata dalla statura e dalla dignità della sua persona (cit. Glli uomini e le rovine), l’importante è uscire fuori dalle rovine non solo quelle attuali ma soprattutto quelle storiche. Io cito, invece, il grande Sandro Pertini che soleva ripetere: “i giovani non hanno bisogno di sermoni, i giovani hanno bisogno di esempi di onestà e coerenza….etc” ed Egli è stato davvero esempio di coerenza e dignità e non solo, da giovane e fino alla sua morte.
    Franco Guerrera da Tortora.

  9. Caro Franco tu dici che c’è assenza di circoli, sezioni nella nostra zona, io ti posso assicurare che “nell’ombra”, senza alzare polveroni stanno nascendo varie comunità giovanili Nazional-popolari che, pur appartenendo a sigle politiche diverse sono strettamente collegate tra loro. Qualcosa di bello ancora c’è “sopra le rovine” di questa società, citando Evola. Un abbraccio.

  10. francoguerrera

    I Giovani e la Politica o se volete la Politica e i Giovani.
    Se è vero che a Tortora, ma non diversamente nei comuni viviniori, c’è assenza di circoli, sezioni e/o cellule di partiti o movimenti e, quindi, i giovani non hanno e non svolgono attività politica e/ partitica i motivi sono tantissimi senza accennarli perchè tutti sappiamo le motivazioni.
    Allora uno stimolo a partecipare alla vita politica locale e comprensoriale, alla gestione diretta o indiretta della “cosa pubblica” , uno stimolo dicevo può venire direttamente dal Consiglio Comunale istituendo la “Consulta Giovanile Comunale” dotandosi di necessario ed obbligatorio Regolamento che contempli le norme istitutive e di funzionamento.
    Altre Amministrazioni Comunali del comprensorio hanno istituito detta “Consulta”, proviamo anche a Tortora, ovviamente tutto gratuito, senza compensi e senza indennità ma solo essere in sinergia tra tutte le associazioni esistenti, al precipuo fine di contribuire al miglioramento della vita locale, ovvero migliorare: TORTORA!!!!!!!!!
    Franco Guerrera da Tortora.

  11. per un paese di 5000 abitanti sono un po troppe …. queste sono indennità che percepiscono in paesi di 30000 abitanti e che funzionano anche!!!

  12. Caro Guerrera, le menti sono diaboliche e Tortora non è nel cuore di nessuno se non per arrivare al potere ed agli stipendi.

  13. Franco Guerrera

    Sono d’accordo con Biagio Laprovitera che saluto.
    Aristotele ci ha lasciato la sua idea di politica che io condivido: “Politica (P) è l’amministrazione della comunità (polis) per il bene di tutti, la determinazione di uno spazio pubblico al quale tutti i cittadini partecipano”.
    Allora è giusto che amministrare, gestire la cosa pubblica (res pubblica) debba avere un comprenso, un’indennità di carica e, non voglio azzardare, perepire la “giusta mercede”.
    Poi devolvere o no è un fatto di coscienza e credo che in molti Comuni del Sud (virtuosi) e non solo a San Martino Saccomario (Pavia) che conosco perchè dista 20 chilometri dal paese dove abita mia sorella, la devoluzione delle indennità sono oramai realtà, nonostante non siano amministrati dalla Lega-Nord.
    Insomma la congruità è davvero misurata dal metro si “sapere e fare bene” con un “Imegno Comune” di tutti: Sindaco, consglieri comunali di maggioranza e minoranza, per una reale “Città Democratica” e con tante “NuoveMenti” e l’0biettivo di tenere “Tortora nel Cuore”.
    Franco Guerrera da Tortora.

  14. Giuste parole quelle di Stella. E’ strano, come il capo di tortora nel cuore…….., ricorda solo adesso gli stipendi degli amministratori del comune di tortora e di tante altre cose ……..
    dell’amministrazione tortorese, forse tanti non sanno che in tempi non sospetti, “amministrava con lamboglia” è stato revisore dei conti del comune di tortora nominato dal Sindaco lamboglia. Come si dice si sputa sempre nel piatto dove si mangia? Ba. Non prendete per il cu.. la gente.

  15. La scelta di incassare o meno i compensi da parte degli amministratori a mio avviso è una pura scelta libera ed indipendente. Pochi anzi pochissimi politici non incassano lo stipendio in quanto hanno altre entrate e per coscienza decidono di lasciarlo a fondi per il sociale e la comunità. Visti i tempi che corrono e visto che tutti sappiamo che gli amministratori hanno altre entrate potrebbero donare in parte i compensi per una giusta causa. Pagarsi le spese è pure giusto e non è discutibile ma la restante parte potrebbero investirla per L’INTERESSE COMUNE. Aspetto il pensiero del nostro amico che posta sempre encomiabili complimenti, e narra splendide gesta del passato! Buon lavoro e occhio allo spreco, visti i tempi occhio allo spread. Leggete questo articolo http://laprovinciapavese.gelocal.it/cronaca/2012/03/12/news/san-martino-sindaco-e-assessori-rinunciano-a-cinquantamila-euro-1.3284046

  16. però se ci andava tortora nel cuore……i soldi non se li pigliavano no??? ma per favore!!!!!

  17. Biagio Laprovitera

    Non mi sembrano compensi straordinari.Il punto è se si “lavora” abbastanza per amministrare,è questo l’unico metro per capire se sono congrui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright