Home / IN PRIMO PIANO / Tortora, orecchie spalancate per l’ “Urlo”

Tortora, orecchie spalancate per l’ “Urlo”


TORTORA – Da qualche giorno in rete non si parla d’altro.


Le orecchie del popolo giovanile, e non solo, del territorio sono già spalancate per udire l’urlo degli Enotri.

Si tratta del “Peggior festival del Sud” come recita ironicamente il claim dell’evento culturale organizzato dall’omonima associazione con la direzione artistica di Roy Paci e in programma a piazza Stella maris di Tortora dal 26 al 28 luglio.

Manca ancora un mese, dunque, ma il tam-tam mediatico ha già preso il via. Grazie soprattutto ai social network attraverso cui vengono rilanciati i contenuti del sito ufficiale, all’indirizzo www.urlodeglienotri.it.

Il maggior apprezzamento, com’era ovvio aspettarsi, lo sta riscuotendo il programma musicale grazie all’inserimento di alcuni dei protagonisti indiscussi della nuova scena musicale italiana.

Brunori Sas, Samuel & Boosta dei Subsonica e Teatro degli orrori solo per citare in ordine i concerti principali dei tre giorni del festival. Non vanno trascurati però alcuni nomi inseriti come ‘spalla’ a quelli precedentemente citati. I nostrani Kalamu, gli Zen Circus, Clementino & Tyone e Colapesce e altri consultabili sul sito. Ogni concerto sarà poi chiuso da un dj set fino a tarda notte.

Interessante anche l’offerta culturale del festival con dibattiti e gastronomia in piazza prima dei concerti.

Nella stesura del programma, in particolare di quello concertistico, è evidente la zampa di Roy Paci, l’istrionico cantante e musicista siciliano protagonista, proprio l’estate scorsa, di un apprezzatissimo live show a Tortora.

In quella occasione deve essersi cementificato il rapporto con il territorio e con Urlo degli Enotri, associazione partorita sotto la guida del consigliere Sergio Tranchino per coniugare musica e tradizioni.

Un progetto che ha anche incontrato il favore ed è stato supportato dall’amministrazione comunale di Tortora che di recente ha per esso deliberato un contributo di 30mila euro.

Ma il festival vanta anche altri illustri patrocinatori come l’assessorato al Turismo della Provincia di Cosenza, il Parco nazionale del Pollino e il vicino Comune di Praia a Mare. Nell’organizzazione, infine, anche Etnagigante,

l’etichetta discografica indipendente di Roy Paci e The cage, associazione culturale di Livorno.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

barbecue

Scalea, barbecue sul marciapiede in via Lauro

Grigliata in strada in pieno centro città. La foto del barbecue è diventata virale sui …