Home / CRONACA / Praia a Mare, furto con ipnosi

Praia a Mare, furto con ipnosi


PRAIA A MARE – Ipnotizza la cassiera e le sottrae 900 euro dell’incasso di giornata.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

È avvenuto ieri, giovedì 22 novembre, al Conad di via San Paolo a Praia a Mare.

È quasi ora di chiusura quando ad una delle casse del supermercato si avvicina una famiglia che ha appena concluso la sua spesa. L’uomo, presumibilmente di origine indiana, paga per i prodotti acquistati, mentre la donna con in braccio una bambina si avvia a riempire i sacchetti.

Nel corso delle operazioni di incasso, l’indiano – questo il racconto della cassiera – mette in atto il suo stratagemma. Chiede alla ragazza di cambiare due banconote da 20 euro e una da 10 con un pezzo da 50. Dopo averlo ricevuto chiede alla dipendente di averne un’altro in cambio. La motivazione fornita è che, in quanto collezionista di banconote, ne cerca un esemplare la cui matrice riporti la lettera “I” come Italia. Da questo momento, i ricordi della ragazza diventano confusi, salvo poi rendersi conto di un ammanco di circa 900 euro al momento della chiusura di cassa.

A chiarire quanto avvenuto, ci pensano le immagini del circuito interno di sicurezza del supermercato praiese.

Nelle immagini si nota l’uomo, nel momento immediatamente successivo alla particolare richiesta di un esemplare di 50euro con la lettera I, maneggiare un fascio di banconote passategli dalla cassiera stessa. L’uomo le sfoglia apparentemente alla ricerca della banconota giusta. Immediatamente dopo, i monitor mostrano l’indiano che con un movimento fulmineo infila la propria mano nello sportello della cassa, afferra un mazzetto di banconote e le infila in tasca.

Contemporaneamente, le immagini mostrano la complice con il bambino in braccio dirigersi verso un cliente in coda alla cassa e distrarlo in modo da agevolare il compito dell’uomo.

Infine, sempre dalla visione dei filmati di sicurezza, si nota la cassiera con atteggiamento confuso chiedere aiuto a una collega. Ma, avvicinatasi alla cassa quest’ultima appare mentre discute con l’indiano che poi si allontana con tutta la famiglia. Secondo il racconto dell’altra dipendente, l’uomo le avrebbe spiegato che aveva semplicemente chiesto alla sua collega di mostrarle “Come sono fatte alcune banconote italiane”.

“Non ci era mai successo nulla del genere – spiegano gli amministratori del supermercato – ma da una ricerca in internet abbiamo scoperto essere un metodo piuttosto diffuso. Avvertiamo anche gli altri esercenti del territorio di prestare attenzione a questo pericolo in modo da non vivere la nostra stessa esperienza”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Santa Maria del Cedro, si ferisce con un flex ma manca l’ambulanza: la polizia municipale lo scorta in Pronto soccorso

Brutta dIsavventura per un 39enne. I vigili hanno interagito con la sala operativa del 118. …

2 comments

  1. Ho visto il video e questi due indiani o pakistani li ho incontrati anche io, è successo lo stesso giorno verso le sette di sera.. Sono entrata con il mio ragazzo in un negozio cinese a Praia e vicino il cinese c’erano quest’uomo vestito elegante come nel video la moglie con la bambina, riconoscibile dallo stesso cappottino ..l’uomo parlava al cinese e teneva dei soldi in mano dicendo di fargli vedere i soldi ..all’inizio io e il mio ragazzo ci siamo incuriositi e l’indiano ci disse se avevamo una baconota con la I ..intanto il mio ragazzo gli ha mostrato i soldi ma l’indiano li ha visti senza prenderseli..intanto la moglie mi ha iniziato a chiedere dove poteva trovare una pizzeria e io per gentilezza l’ho fatta uscire dal negozio mostrandogli una pizzeria..mentre il mio ragazzo è rimasto dentro.. quando siamo rientrati il signore ha salutato e se nè andato ..non so se ha preso soldi al cinese putroppo erano dentro soli da prima che entravamo noi.. ma quando siamo entrati già l’indiano teneva in mano soldi e il cinese gli mostrava soldi vicino la cassa.. in più ricordo che l’uomo aveva degli occhiali da vista e la donna sulla faccia delle decorazioni di colore giallo come quelle che mettono le indiane sulla fronte.. spero che li trovino..

  2. BIAGIO MOLITERNI

    Sembra il film di Woody Allen ” La maledizione dello scorpione di giada” del 2001.