Home / CRONACA / Lagonegro, carabiniere suicida in procura

Lagonegro, carabiniere suicida in procura


lagonegro-tribunale-procura-arLAGONEGRO – Un carabiniere di 45 anni si è tolto la vita questa mattina, intorno alle 12 e 30, a Lagonegro, nella seda della Procura della Repubblica, ma la notizia è trapelata solo nel tardo pomeriggio.


Si tratta del maresciallo D’Alessio, originario di Sala Consilina, in servizio presso la procura lagonegrese.

Intorno alle 13 e 30, l’uomo è stato trovato in un bagno in disuso, riverso a terra in una pozza di sangue, dopo essersi sparato con la sua pistola di ordinanza.

Da indiscrezioni trapela che il maresciallo dei carabinieri stesse vivendo un periodo di forte depressione tale da spingerlo a compiere il gesto estremo.

Secondo la ricostruzione di alcune persone che in quel momento si trovavano all’interno della procura, intorno alle 12 e 30 si è avvertito un rumore che solo dopo è stato riconosciuto come uno sparo.

All’ora di pranzo, intorno alle 13 e 30, qualcuno si è accorto dell’assenza del maresciallo D’Alessio e ha iniziato a cercarlo. Le chiamate a vuoto e il suono incessante del suo telefonino hanno ricondotto chi lo stava cercando, fino al bagno dov’è stato trovato ormai privo di vita.

Il comandante dei carabinieri di Lagonegro, Luigi Salvati Tanagro, non ha voluto rilasciare dichiarazioni sull’accaduto e ha chiesto di rispettare il dolore dei familiari e dei colleghi del comando.

La salma è stata trasportata all’obitorio dell’ospedale di Lagonegro.


About Pierina Ferraguto

Giornalista pubblicista dal 2013. Laureata in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza all'Università della Calabria. Dal 2006 al 2008 lavora come stagista nella redazione di Legnano de Il Giorno. In Calabria lavora con testate regionali di carta stampata e televisive.

Check Also

Comune, assunzionio contestate

Paola, conti del Comune: “Nessun tentennamento”

In una nota l’amministrazione comunale chiarisce la gestione dei soldi pubblici nel post-dissesto e nell’era …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright