Home / OPINIONE / EDITORIALI / Elezioni 2013, territorio a vocazione ovina

Elezioni 2013, territorio a vocazione ovina


TORTORA – Che ridere! Ormai le cose migliori in politica le dicono i comici, come ha fatto Claudio Bisio di recente al Festival di Sanremo. Voi (noi) siete i mandanti di questo nuovo (non) Governo. Voi (noi) popolo di pecore scheda-dotati. Che ridere!

Un riso amaro, quello che mi ritrovo stampato in faccia questa mattina. Osservo da non votante i risultati delle elezioni. Ai tg nazionali, sui siti internet delle grandi testate, sulle Ansa calabresi. E, soprattutto, su facebook su cui ieri ho scritto: “Un popolo senza proiezione incollato alle proiezioni”.

Leggo voi altri e siete in molti a notare una cosa su tutte. Nonostante l’ospedale chiuso e tutto il resto, il voto-protesta (leggi Grillo) non è riuscito a battere il voto-pecora. Mi fermo a Praia a Mare (sede dell’ex ospedale) e a Tortora, comuni che ‘dovrebbero’ avercela su con quelli seduti a Catanzaro.

Prendiamo il Senato, il ramo del Parlamento che più ci ha tenuto col fiato sospeso. Circa mille tortoresi (il 40,1 percento di chi ha votato) e più di mille100 praiesi (il 36 percento dei votanti) hanno scelto la colazione di Berlusconi e con esso quel Pdl del Commissario ad acta per il rientro dal deficit sanitario calabrese. Quello che ha detto che il territorio non aveva bisogno di un ‘altro’ ospedale e che era convinto che la provincia di Cosenza terminasse dalle parti di Belvedere. Quello che una pletora (meno uno!) di sindaci del territorio ha riverito a Scalea invece di contestarlo.

Quando osservo le azioni di alcuni primi cittadini, e anche di qualche assessore!, capisco il perché di questi dati per me affatto sorprendenti. Nonostante i ‘maltrattamenti’ subiti dal territorio andate a votare. Ci andate anche se avete fatto finta di consegnare i vostri certificati elettorali. Ci andate nonostante vi siete ipocritamente schierati in una fiaccolata. Ci andate nonostante le vostre sciocche chiacchiere da bar sul futuro.

Il futuro. Quello che, è mia opinione, non c’è. Non c’è soprattutto per i vostri figli, che crescete in questa cultura pecoreccia. “Vota – dite loro – che poi il compariello cosentino ti pensa”. Non è Berlusconi, né Scopelliti. Non sono i Bersani, i Renzi, i Monti e i mari e tutti gli altri. Siete voi, pecore! Siete voi i mandanti dell’omicidio del territorio.

L’ultima risata facciamocela con il dizionario. Se cercate il termine ovino, inteso come aggettivo di pecora leggerete: “Remissivo in maniera sconcertante, totalmente privo di spirito di reazione”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Paola e commercio, Corso Roma: crisi senza fine

I commercianti chiedono una sponda al comune. Manca un ufficio del commercio. Promesse non mantenute. …

20 comments

  1. Mi dispiace ma lo ho sempre saputo che i nostri concittadini credono al ciuccio che vola questa è un’altra occasione persa.
    quello che ci meritiamo lo vedremo nei prossimi mesi,

  2. Giuseppe De Franco

    Hai detto bene Andrea…siamo o meglio sono delle pecore e detto alla paesana maniera sono dei ciuoti cazzoni fottuti!! Dopo tutto quello che è stato fatto al nostro territorio questo prendono voti.. Incredibile!! Io auguro a tutti quelli che hanno votato PDL di dover fare migliaia di km per curarsi anche un banale raffreddore e che muoiano di fame come già sta accadendo dalle nostre parti!! Consiglio a queste persone di leggere e seguire sempre le vicende politiche, anche se so che non servirà, perché chisti fissa su e fissa restano!!

  3. analisi perfetta, purtroppo….. anzi no. Non vedo perchè offendere gli ovini visto che il buon dio non li ha dotati di intelletto e di pollice verso atto a maneggiare una matita in un seggio elettorale. qui si sta parlando di esseri inferiori agli ovini, di gran lunga meno intelligenti. Se le pecore avessero diritto al voto, voterebbero tutte la stessa pecora invece di dividire il consenso, i quanto il loro istinto le farebbe agire come un gregge (di pecore, appunto), invece di disperdere consensi. Invece questi strani esseri alto tirrenici, pur dotati di cervello, non si possono neanche definire ovini perchè non servono neanche per la lana o il latte……. e se qualche matto dovesse ricordargli la loro vera natura di esseri umani pensanti, prima di incominciare a pensare si accertano che il cervello sia spento. Al limite chiedono al capo tribù di pensare per loro……… costa meno e il cervello rimane nuovo.
    l’ospedale è inutile il un territorio abitato da queste creature, serve subito un mattatoio e qualche buon veterinario specializzato in razze rare.
    onore e rispetto agli ovini.

  4. io spero che Napolitano capisca la situazione e sproni i parlamentari appena eletti a cambiare la legge elettorale,fare la legge sul conflitto di interessi e poi ri-votare,sono sicuro che vincerebbe Grillo a mani basse,purtroppo i “politicanti” di mestiere saranno attaccati alla poltrona e faranno un bel inciucio?come quelli che si facevano negli anni 80 dove un gverno era “pentapartito” (repubblicani,comunisti democristiani,socialisti) insomma “nu miscambruogliu”.
    per quanto riguarda gli elettori della nostra zona,o sono miopi o sono masochisti oppure come ha detto un utente credono che gli asini volano.
    che amarezza..

  5. Un applauso a tutto il post, giustamente deluso, giustamente incazzato.
    Coerenza avrebbe voluto che chi ha restituito a suo tempo la scheda elettorale non andasse a farsene una copia per votare.
    Coerenza avrebbe voluto che, dopo tante proteste fiaccolate invettive, il nostro gruppo dirigente regionale, almeno qui, non prendesse neanche un voto: a tutti, perfino a cani e porci visto che di animali qui si parla, ma non a loro.
    Invece…
    Sono con Giuseppe Chiappetta nel non offendere gli ovini con un paragone che li deprezza anziché valorizzarli. Questi sono innocenti, fino al sacrificio finale.
    I nostri “ovini” hanno dimostrato di essere di una razza non censita, alieni che vivono fuori da questo nostro mondo e votano qui, abusivamente.

  6. Andrè, io ho ritirato la scheda elettorale che avevo consegnato personalmente al Sindaco in segno di protesta per l’abbandono del nostro territorio da parte del Governatore “reggitano”.
    Però ho votato e fatto votare M5S. E se il PDL è il primo partito a Tortora e Praia mi fa rivoltare lo stomaco, mi consola e mi rende speranzoso il fatto che noi siamo il secondo partito. Abbiamo perso un’altra occasione…….A quella gente che hanno votato il partito che ha voluto la chiusura dell’ospedale auguro di avere sempre buona salute.

  7. Francesco Martino

    Andre…. chissà quante ne dovrai vedere ancora…..

  8. @Francesco Martino: già… il fatto è che non sono più esattamente un ‘guaglione’… magari non sarà tanto, ma quel poco che ho visto mi è bastato… a molti miei compaesani no.

  9. @ Biagio Iorio. Buon per te. davvero, nel senso che non me la sento di biasimare chi, come presumo abbia fato tu, ha voto con coscienza. E questo vale per qualsiasi forza politica. Ma il discorso è sempre quello: quanti hanno votato con coscienza?

  10. @ tutti. Disclaimer: nella redazione di questo editoriale nessun animale è stato maltrattato. Le immagini evocative di scene con animali sono puramente opera di metafora. 🙂

  11. Però gli auguri “di avere sempre buona salute” agli elettori di centrodestra potreste risparmiarveli eh! Qui si tratta di salute ed è un bene comune… menomale che vi definite democratici!!!!

  12. @Alberto Cunto: non credo che l’augurio di “buona salute” sia antidemocratico; anzi, mi pare un bell’esempio di democrazia augurarla a chi implicitamente ha plaudito a coloro che hanno deciso e messo in atto operazioni che tolgono a tutti i cittadini la speranza di uscire vivi da una situazione di malanno.
    Proprio perché “sarebbe stato” un bene comune, l’augurio a che tutti stiano (stiamo) bene mi pare il minimo da fare tra persone civili.
    L’incrocio delle dita nel porgerli, nel caso specifico, è dovuto ad una incipiente artrosi, certo non a un gesto scaramantico.
    Ovviamente preciserai che tu non rientri in quel novero, avendo sicuramente votato diversamente; e comunque, essendo a un passo dal confine, ti basta poco per andartela a curare altrove.
    Comunque sempre a spese della regione Calabria, cioè di noi tutti.
    Come tutti, in Tortora e Praia, a domanda specifica diretta, risponderebbero, indignati, “assolutamente no, non sarà mai”.
    Vuoi scommettere che “quei” voti sono tutta un’invenzione di quel rivoluzionario di Andrea?

  13. Cazzo, Andrè ti sei risparmiato nà cena.
    Il primo che sento lamentarsi, e so che è del pdl, giuro che lo prendo a calci in culo ( io la scheda non me la sono rifatta ). I nostri avi hanno fatto le giravolte nelle tombe. Non ci sono parole. Pinomaceri.

  14. io ricordo che il centrodestra (Berlusconi) lo specifico perchè “natu poco u fanu santu” al povero Silvio,ha governato per 10anni dico 10,e cosa ha fatto per lo sviluppo dell’Italia? leggetevi i decreti legge le proposte di legge convertiti in legge e vdrete che molte delle norme della manovra Monti erano state proposte dal governo Berlusca,vi siete già dimenticati i tagli di Nanobrunetta e della Maestrina Gelmini,i tagli “ad capocchiam” di Tremonti ecc.
    NON mèmori di tutte queste belle cose cosa facciamo votiamo colui che toglie l’IMU dopo averla messa peraltro,addirittura la rimborsa,scatenando un pandemonio in Svizzera da dove secondo il suo cervello ormai in preda all’Alzheimer dovrebbero arrivare i soldi,compra Balotelli,vince contro il Barcellona(e mi sa che il Milan st’anno ha fatto la preparazione per le elezioni LOL),vabbè votiamo Silvio perchè ha carisma ci affabula è simpatico è vincente,ma come caxxo si fa a votare un partito dove milita un demente che non sa nemmeno i confini della regione che amministra che ha vari problemini giuduziari e che con miopia per non dire completa cecità ci chiude un ospedale importantissimo? come avete potuto dare oltre 1000 voti a stà gente??????

  15. In alcuni casi l’Imu ammonta a poche decine di euro… tanto vale un voto… 🙁

  16. e dai toglie l’imu, ha comprato balotelli, farà tornare ferrara in rai e voi vi lamentate che il suo lacche ci ha chiuso l’ospedale!! ingrati gli avete dato solo il 40% dei voti!!!

  17. Alberto Cunto

    @PIETRO1012 Io lo dico chiaramente ho votato un partito della coalizione di CDX non per il PDL però… Proprio per essere coerente alle mie idee visto che per me certe cose, certi valori vengono prima di ogni cosa e non mi vendo per 30 denari o, per come dice il mio caro amico Andrea Polizzo poche decine di euro… E sai perchè l’ho fatto anche? Perchè si trattava di elezioni Politiche Nazionali! Se erano elezioni locali (provinciali, regionali, ecc…) non ero così fesso! E come me fidati che parecchi la pensano così!!! Ciò che è stato fatto al nostro territorio è stato uno scippo e non sono/siamo così fesso/i da dimenticarci!

  18. Speriamo che tutti questi commenti alle prossime elezioni locali ci aiutano a riflettere e ci fanno diventare leoni….per non sbagliare ancora.

  19. @ALBERTO CUNTO: è una questione di punti di vista, sempre nel rispetto delle idee altrui. E’ mia opinione che quello che è stato fatto a questo territorio non sia un fatto semplicemente locale, con le conseguenze da far pesare soltanto in ambito regionale. Dopo le fiaccolate, cui, vista la tua indignazione nella parte finale del commento, presumo avrai partecipato anche tu; dopo la presa di posizione dei sindaci in merito al disumano tranciamento della nostra sanità; vista la protesta dei cittadini con la restituzione delle tessere elettorali; visti gli insulti e gli “auguri di buona salute” continuamente inviati ai responsabili…
    L’ultimissima spiaggia sarebbe stata che nella zona direttamente interessata alla vicenda, ma a nome di tutto il comprensorio, la diramazione regionale diretta di quel partito o coalizioni ad esso non avesse raccolto neanche un (UNO) voto.
    Qui non è un fatto di certe cose, certi valori, che sarebbero forse venuti meno votando altri gruppi non coerenti con la tua idea, ma semplicemente non votando o votando scheda bianca come plateale protesta, che (ancora forse) sarebbe rimbalzata a livello nazionale.
    E non credo che i duemila e rotti voti mancanti al pdl o ai suoi collegati sarebbero stati un peso tale da condizionare il risultato a livello nazionale.
    Questa è la mia opinione; come è mia opinione che abbiamo buttato a mare l’ultima possibilità di far sentire un dissenso tangibile a chi di dovere al momento opportuno.
    Prima o poi ci saranno le elezioni locali: mi piacerebbe sapere se, in quell’occasione, quelle tue cose, quei tuoi valori saranno rinnegati, messi da parte… ormai per dimostrare cosa?

  20. Biagio Iorio

    Per Alberto C.: Dovevi vedere come gongolava il Governatore per il risultato ottenuto in Calabria! Io ho augurato buona salute a coloro che hanno votato il PDL, e l’augurio lo allargo a me ed a tutti i cittadini del territorio. E’ questo nn mi sembra un reato o un aspetto antidemocratico. Forse tu, assieme agli elettori del centro-destra, una riflessione dovevate farla: nella nostra zona l’infarto è quasi morte certa, le ambulanze hanno una media di arrivo che si aggira attorno all’ora. Alcuni fatti spiacenti dovevano forse farvi mettere in secondo piano la vostra coerenza e i vostri valori. Io non mi fido, vedrai che alle prossime elezioni sarà la stessa solfa, salvo poi il rammarico se capita una situazione spiacente a nostro danno. Ma potrebbe essere troppo tardi…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright