Home / COMUNI / GRISOLIA / Incendi estate 2013, ecco i primi roghi

Incendi estate 2013, ecco i primi roghi


canadair-vigili-del-fuoco-incendio-arSANTA MARIA DEL CEDRO – Circa 10 ettari di vegetazione andati in fumo nella giornata di ieri in due incendi vicini l’uno all’altro sull’Alto Tirreno cosentino costituiscono il bilancio dei primi veri e propri roghi dell’estate 2013.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

I due incendi sono esplosi a Santa Maria del Cedro e Grisolia nel pomeriggio di ieri e si sono velocemente propagati grazie al leggero vento che soffiava sulla costa tirrenica.

Pronto l’intervento delle squadre di spegnimento da terra ed aeree dei vigili del fuoco del comando provinciale di Cosenza. Per come sono andate le cose, con le fiamme domate poche ore dopo, c’è tutto sommato da rallegrarsi per ciò che non è andato dsitrutto più che dolersi per la vegetazione carbonizzata.

In entrambi i casi, infatti, il fronte del fuoco ha lambito alcune abitazioni e, in particolare a Grisolia, ha letteralmente sfiorato il confine dell’area protetta del Parco Nazionale del Pollino. Quanto alle cause, l’ipotesi più accreditata è quella dell’incendio doloso.

Dal comando dei caschi rossi di Cosenza informano che l’azione di spegnimento di ieri, descritta come “Estremamente tempestiva”, si è avvalsa di una figura da poco nata e ancora non molto nota. Si tratta del cosiddetto Dos, ovvero Direttore delle operazioni di spegnimento. Operante da terra, a stretto contatto con l’area interessata dalle fiamme, il suo compito di coordinamento è di particolare importanza per guidare i lanci aerei di acqua e, in particolare, in zone antropizzate.

Proprio come nel caso dei roghi di mercoledì 17 luglio, dunque, quando il Dos presente ha coordinato l’intervento di due canadair dei Vigili del Fuoco e di un elicottero antincendio con base a Scalea. I mezzi aerei, grazie alla cooperazione con il Dos, hanno agito in maniera efficace nonostante le difficoltà dettate dalla conformità del territorio che ha richiesto delicati passaggi in un profondo canalone. 


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Coronavirus Buonvicino, deceduto paziente in terapia intensiva

Era stato ricoverato sin dalle prime battute del focolaio. Prima vittima nel territorio dell’Alto Tirreno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright