Home / IN PRIMO PIANO / Tortora, 800mila euro per piazza Stella Maris

Tortora, 800mila euro per piazza Stella Maris



stella_maris_progetto_2_arTORTORA – La Giunta del Comune di Tortora, lo scorso 2 agosto, su proposta del sindaco Pasquale Lamboglia, ha approvato un progetto preliminare per circa 800mila euro per la realizzazione di strutture fieristico commerciali in piazza Stella Maris per migliorare i servizi agli utenti.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

La recente deliberazione fa seguito a una determina del servizio Lavori pubblici del 2012 con la quale era stato affidata la progettazione preliminare alla Art.E.Va Srl di Milano.

L’opera, nelle intenzioni fatte proprie dal progettista, sorgerà sul lato della piazza prossimo al lungomare Colonnello Francesco Sirimarco, occupando in parte una porzione di superficie sterrata e priva di destinazione e per il resto dell’estensione il terreno attualmente interessato per metà dal mercatino ortofrutticolo e per metà da un parcheggio per automobili e che un tempo era occupato da un parco giochi.

Al terzo punto del deliberato, l’amministrazione comunale rende noto che “Alla relativa spesa complessiva di 791mila e 352 euro si farà fronte mediante concessione di costruzione e gestione”.

Dell’opera si è occupato il collega di Rete 3 News, Giuseppe Miraglia, di cui vi riportiamo il servizio televisivo con intervista al sindaco del Comune di Tortora, Pasquale Lamboglia, che scendendo nel dettaglio ha chiarito alcuni aspetti della progettazione.

 


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

barbecue

Scalea, barbecue sul marciapiede in via Lauro

Grigliata in strada in pieno centro città. La foto del barbecue è diventata virale sui …

2 comments

  1. Per me e’ inutile soldi buttati, come in parte sono stati sprecati i soldi per la piazza , secondo me troppo cemento, a parte l’area per i bambini , non pensate sia meglio avere uno spazio aperto dove genitori e figli possono correre tranquilli ,senza preoccuparsi che se cadono si rompono la testa??? perme con la meta’ dei soldi si poteva fare una piazza o giardino che sarebbe stato utilizzato molto di piu dalla gente ,invece di quelle strutture strane con colonne che quando fa caldo di giorno non servono a niente mentre un ‘albero ti da quella frescura di cui hai bisogno in una giornata di calore. Quando dalle parti nostre si fara qualcosa pensando realmente a la sua utilita?? preferiamo costruire ste cattedrali nel deserto perche non sappiamo fare niente senza cemento e strutture inutili.

  2. Sindaco, ho ascoltato con molto interesse l’intervista che ha rilasciato sul blog, perché ritengo che l’informazione, attraverso qualsiasi mezzo di comunicazione, sia importante per i Cittadini, e poi è giusto che Lei incominci anche a relazionarsi un po’ di più con i propri cittadini non fosse altro per il ruolo che ricopre. Le confesso, però, che non mi ha lasciato del tutto soddisfatto o meglio avrei preteso una spiegazione più esaudiente da parte sua che illustrasse ai Cittadini in quale strategia di sviluppo questa struttura viene a collocarsi, dopo tre anni del suo mandato, ed in linea temporale fa seguito a cosa e precederà senz’altro qualcos’altro; ce lo vuole anticipare cortesemente; qual è in sostanza il programma di sviluppo che ha studiato e preparato per il nostro territorio e gli scenari e le strategie per realizzarli e i successivi interventi che devono essere perseguiti, e all’uopo, qual è l’apporto in termini di benefici per la Collettività di questo intervento; Quale sarà il successivo passo che possa farci comprendere l’importanza strategica di questa opera, considerato che andrà a collocarsi in uno spazio già attrezzato.
    Io sono molto curioso, Sindaco, sarà per forma mentis, considerato la professione che svolgiamo, e Lei lo sa, dobbiamo motivare e cercare di far comprendere ad altri la bontà e la validità delle nostre proposte perché secondo le nostre convinzioni non c’è ne sono altre migliori; sarà, perché no! che invecchiando sto diventando anche insolente, ma una spiegazione deve sentire il dovere di darcela, perché: dall’intervista pur riascoltandola più volte, mi creda, non sono riuscito a capire di cosa si tratta e di che tipo di struttura si tratta, voglio riassumerla: si dice di struttura polivalente, quindi immagino una struttura multifunzionale, il che presuppone almeno più di due funzioni, poi si dice bivalente, quindi immagino due funzioni, poi ristorazione al 100% d’estate, quindi monovalente, poi si dice se ne utilizzerà una parte in ristorazione l’inverno, quindi il 50% e l’altro 50% in che cosa? Quindi dall’ultima dichiarazione torniamo sul bivalente, quindi su due funzioni; Infine, si dice dalla relazione illustrativa del tecnico progettista: un elemento di servizio e animazione della piazza, e quindi una struttura che possa attrarre più di quanto attrae la Piazza; Chiosa il Sindaco; quindi una struttura ornamentale, di attrazione. Sindaco, Lei sa la stima che le porto come persona e professionista, ma per favore abbi come Sindaco la pazienza di spiegarmelo e di spiegarlo alla Cittadinanza, soprattutto, di che cosa si tratta effettivamente, per non scomodarla lo avrei chiesto all’Assessore di riferimento quello ai LL.PP., ma la carica è ricoperta ad interim da Lei, quindi non si può e secondo me non si deve sottrarre ad supplemento di comunicazione e di informazione.
    Penso di essere abbastanza obbiettivo nell’analizzare circostanze e convenienze, secondo la mia opinione, realizzare una struttura per darla in gestione a privati per la ristorazione, almeno da quello che ho capito, a me sembra veramente una cosa poco utile per la collettività. Sindaco, le ricordo che Lei deve realizzare infrastrutture e non ristoranti, quelli toccano ai privati imprenditori perché sono a scopo di lucro. Il suo compito è quello di attrarre capitali privati realizzando infrastrutture e non quello di sostituirsi ai privati, magari sperando che i privati realizzino le infrastrutture. Se non ce lo spiega arriverò alla conclusione ch’è la solita struttura buttata li, consumando suolo comunale a macchia di leopardo come si usa dire, perché è difficile leggere un disegno organico sulla pelle di un leopardo.
    Caro Sindaco, come amministratori, dovete modificare il Vostro modus operandi, Voi tentate di amministrare un Territorio ed una Comunità e dovete sentire il dovere, perché i Cittadini ne hanno il diritto, di spiegare con sufficiente chiarezza il Vostro agire e quello che intendete fare, non fosse altro perché utilizzate i soldi dei Cittadini. Le cose stanno cambiando e dovete rendervene conto, Noi Cittadini non vogliamo più subire le Vostre decisioni in modo passivo, ma vogliamo essere edotti e convinti della validità delle Vostre scelte perché si rifletteranno sul nostro benessere, a voler essere ottimisti.
    Spero se ne comprenda il senso della mia, è solo bisogno di informazione e di conoscenza.
    Porto a Sua conoscenza che i Cittadini stanno diventando consumatori d’informazione quella vera però, specialmente quando riguarda il proprio Territorio, e sono in grado anche di capire quando questa è di circostanza.
    Sulla struttura, da quanto è stato possibile vedere, posso dire ch’è completamente estranea al contesto in cui si va ad inserire, fa corpo a se e mal si configura con lo spazio costruito dell’intorno e presenta un notevole impatto ambientale che difficilmente passerà inosservato all’Ente di competenza.
    Un ultima cosa, se ho capito male mi corregga, e ne sarò ben lieto, si tratta di affidamento di incarico diretto alla Art. E. Va Srl di Milano, anche se di preliminare si tratta, ci può chiarire Sindaco, sempre facente funzione LL.PP., il perché e se ritiene che nel nostro comprensorio fra: Maratea, Tortora, Praia a Mare, Scalea, San Nicola, Lauria e ecc, non esistono professionalità in grado di progettare questo tipo di struttura o forse meglio. Solo per ricordarLe che sono soldi della collettività Tortorese, e in sfregio alle professionalità esistenti del posto e in periodi come questi, sono risorse che vanno via dal nostro Territorio e dal comprensorio.

    In attesa, cordialmente La saluto. Enzo