Home / IN PRIMO PIANO / Tribunale di Scalea, la protesta silenziosa

Tribunale di Scalea, la protesta silenziosa


domenico-introcaso-tribunale-paola-marlane-arSCALEA – Preferiscono non fare rumore gli avvocati dell’Alto Tirreno cosentino impegnati nella battaglia contro la chiusura del tribunale di Scalea, sede distaccata di Paola.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

Una lotta che proseguirà con un ricorso al Tar di Catanzaro, che sarà presentato già domani mattina, e un incontro con il presidente del tribunale di Paola, Domenico Introcaso (foto), programmato invece per il prossimo lunedì.

In questo modo andrà avanti la protesta che, per volere degli avvocati riuniti questa mattina in assemblea nella sala udienze del tribunale di Scalea, prosegue sulla via del dialogo, perfettamente in linea con il lavoro politico affidato al presidente della Provincia di Cosenza Mario Oliverio, al deputato del Pd Ernesto Magorno, al commissario prefettizio del Comune di Scalea Massimo Mariani, e ai sindaci del comprensorio che ieri sera hanno sottoscritto una richiesta di mantenimento della sede indirizzata al presidente Introcaso.

Politici e avvocati sperano di ottenere dal presidente del tribunale di Paola la richiesta al Ministero della Giustizia dell’applicazione dell’articolo 8 della riforma riguardante l’edilizia giudiziaria. Richiesta che finora non è mai stata presa in considerazione da Introcaso.

Se rifiuterà – commentano gli avvocati – passeremo alle maniere forti”.

Tra queste, l’occupazione della Ss18 nel tratto ricadente nel Comune di Scalea. “Bisogna creare disagi – motiva qualche avvocato – altrimenti non ci ascolterà nessuno”.

Ma, a maggioranza, queste proposte sono state momentaneamente sospese, nella convinzione che Introcaso firmi la richiesta e che i politici ottengano il risultato sperato, nel bene di tutti, cittadini e avvocatura compresa.

Qualcosa dunque s’è mosso, anche se in maniera non incisiva come si era pensato e forse un po’ in ritardo. Mancano solo 8 giorni all’entrata in vigore della riforma giudiziaria, che allo stato attuale prevede la soppressione di tutte le sedi distaccate, compresa Scalea.

Ma, come hanno ben sottolineato questa mattina gli avvocati, forse non tutto è perduto. 



About Pierina Ferraguto

Giornalista pubblicista dal 2013. Laureata in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza all'Università della Calabria. Dal 2006 al 2008 lavora come stagista nella redazione di Legnano de Il Giorno. In Calabria lavora con testate regionali di carta stampata e televisive.

Check Also

Ripartizione fondi Mes: I falsi innamorati del Sud

LOSCRIVITÙ ||| Il Nord fa bene a pretendere, mentre il Sud non ha rappresentanti capaci …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright