Home / CRONACA / Praia a Mare, la Procura apre un fascicolo sulla ex discarica

Praia a Mare, la Procura apre un fascicolo sulla ex discarica


praia-zaparia-percolato-arPRAIA A MARE – La Procura della Repubblica di Paola ha aperto un fascicolo di indagine sulla presenza di presunto percolato in località Zaparia, nel Comune di Praia a Mare, a seguito della segnalazione effettuata dal Comitato per le bonifiche dei terreni, mari e fiumi della Calabria.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

Lo scorso 31 dicembre, gli ambientalisti hanno video documentato la presenza di un liquido nerastro in alcuni terreni della località praiese un tempo sede della discarica comunale, oggi chiusa. Il sospetto è che si possa trattare di percolato e della circostanza è stato avvertito il comando della polizia municipale in data 14 gennaio.

La procura paolana è al lavoro da qualche giorno in una serie di accertamenti che coinvolgono anche l’Agenzia regionale per l’ambiente della Calabria.

Intanto il comitato per le bonifiche si scaglia contro il sindaco di Praia a Mare, Antonio Praticò, alla vigilia della conferenza stampa sulla Marlane.

Agli ambientalisti non va giù l’iniziativa per inserire Praia a Mare nel progetto Miapi del Ministero dell’Ambiente e hanno intenzione di boicottare l’incontro previsto domani nel palazzo della Provincia di Cosenza alla presenza di alcuni vertici del Pd calabrese.

Abbiamo chiesto al consigliere regionale Carlo Guccione di sospendere la conferenza stampa e di confrontarsi con noi” informano dal comitato che precisa “Il Miapi riguarda l’individuazione di siti potenzialmente inquinati non conosciuti, mentre il sito Marlane è un sito inquinato riconosciuto. È una macchinazione – accusa per ritardare ulteriormente le bonifiche”.

Il riferimento degli ambientalisti è alle indagini ambientali svolte negli anni passati nei terreni che circondano l’ex fabbrica tessile e che hanno rilevato la presenza di sostanze inquinanti.

Ma l’attacco a Praticò è portato anche nella sua veste di ex sindacalista Marlane e testimone al processo penale sulle morti degli operai e sul presunto disastro ambientale.

In aula – ricordano dal comitato per le bonifiche – ha negato di sapere dei sotterramenti e delle pessime condizioni di lavoro nelle quali lavoravano gli operai. Insomma – concludono – per Praticò alla Marlane era tutto tranquillo”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Coronavirus: ci mancavano gli idioti dell’orrore

EDITORIALE ||| Una citazione d’autore per riflettere su quel che succede nella rete. L’allarmismo sul …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright