Home / EVENTI / 1° maggio sul Tirreno, la Cgil davanti la Marlane

1° maggio sul Tirreno, la Cgil davanti la Marlane


1° MAGGIO CGIL MARLANEPRAIA A MARE – La Cgil territoriale, in occasione della Festa del lavoro, chiama all’adunata i lavoratori del Tirreno cosentino per il 1° maggio, a partire dalle 9 e 30, di fronte allo stabilimento industriale dismesso Marlane di Praia a Mare.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

Daremo un segnale forte al territorio – informa la Cgil –. Analizzeremo le varie emergenze, in modo particolare la crisi che ha colpito duramente il manufatturiero ed il settore tessile, le problematiche che coinvolgono il Tirreno cosentino e per sostenere la lotta di migliaia di lavoratori in mobilità in deroga”.

Il giorno prima si svolgeranno manifestazioni analoghe di fronte le prefetture di tutta la regione. Lavoro, sicurezza e ambiente sono i temi che saranno messi al centro dei dibattiti.

Ci concentreremo soprattutto sul caso Marlane – prosegue la Cgil – dalle vicende giudiziarie alla necessaria bonifica del sito, alle politiche per il lavoro, alla vicinanza ai tanti disoccupati e percettori di mobilità, sulla quale si registrano ancora elementi di grande confusione e incertezza, e sul decreto lavoro in discussione al Senato. In provincia di Cosenza, come in tutta la regione, la crisi che ha colpito le aziende caratterizza questa lunghissima fase di difficoltà con tanti lavoratori che rischiano di non avere nessuna copertura per i prossimi mesi”.

Secondo il sindacato è necessario uscire dallo schema del rigore e dell’austerità che ha impoverito il Paese, la regione, lavoratori e pensionati in primo luogo, per avviare un percorso di crescita e di rilancio dell’occupazione.

Non a caso – fa sapere la Cgil territoriale – abbiamo scelto Praia a Mare e la Marlane. Testimonieremo la nostra vicinanza a queste persone, per dire loro che dignità e speranza non sono perdute; per ricordare che nonostante la crisi siamo tutti lavoratori e lavoratrici: anche chi ha perso il lavoro, chi ne ha uno precario e sottopagato, chi lo cerca e chi non ha più nulla. Invitiamo tutti a partecipare – concludono dal sindacato – la società civile, le forze politiche, le istituzioni”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Tortora, ecco il nuovo Consiglio comunale

Tutti i nomi e le preferenze di chi siederà sui banchi della maggioranza e della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright