Home / CRONACA / Processo Marlane, conferme dalle perizie

Processo Marlane, conferme dalle perizie


paludi_giuseppe-ARPRAIA A MARE – La superperizia ambientale Marlane conferma il nesso causale tra le sostanze utilizzate in fabbrica, la morte degli operai e l’inquinamento dell’ex area industriale di Praia a Mare.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

Queste in sintesi le conclusioni a cui è giunto il pool di esperti incaricato dal tribunale di Paola nell’ambito del processo Marlane. Ai periti era stato chiesto un nuovo studio ambientale per gettare luce sulle morti bianche tra i lavoratori e sull’inquinamento dei terreni che circondano la fabbrica dismessa del gruppo Marzotto.

Questa mattina, nel corso del processo penale per omicidio colposo e disastro ambientale ai dirigenti della fabbrica tessile di Praia a Mare, nell’aula Beccaria, si sono finalmente presentati tre dei quattro esperti in tribunale: il coordinatore del team, Giuseppe Paludi, con Pietro Comba e Piergiacomo Betta. Assente il quarto componente: Maria Triassi.

In maniera irrituale, il presidente della corte, Domenico Introcaso, ha acconsentito che venissero ugualmente esposte in forma sintetica le conclusioni del loro lavoro. Non è stato possibile, ovviamente, passare all’esame della perizia in quanto l’incartamento non era stato distribuito alle parti.

Secondo il pool sono almeno tre i casi di tumore riconducibili con certezza all’esposizione prolungata al Cromo dei lavoratori. E questo sulla base di valutazioni epidemiologiche sottostimate, ovvero basate su risultati ottenuti utilizzando solo dati certi e certificati.

L’indicazione, dunque, è da considerarsi come limite minimo. Senza scendere nei dettagli, i periti hanno riscontrato dati in eccesso circa i tumori al polmone e alla vescica. Lo studio non ha riscontrato eccesso statistico sulle patologie al cuore o al polmone in correlazione all’abitudine al fumo.

Confermata, inoltre, la “tesi dell’ambiente unico” come causa dell’esposizione alle sostanze cancerogene per tutti i lavoratori e non solo per gli addetti alla tintoria e alla preparazione del colore. Il tutto aggravato dal sistema di areazione a parziale ricambio dell’aria, dalla carenza nelle dotazioni dei dispositivi di protezione individuale e dal sollevamento di polveri nocive nelle operazioni di pulizia dei macchinari con aria compressa.

Il pool ha dichiarato di aver rinunciato ad effettuare nuovi campionamenti sul luogo a causa dei troppi anni intercorsi dall’epoca dei fatti. Per questo motivo, la perizia ha poggiato sulle risultanze di quelle precedenti: la Magnanimi e la De Rosa.

E sulla base di quei dati, i periti del tribunale hanno concluso che le concentrazioni di sostanze cancerogene nei terreni Marlane sono basse. Tuttavia, il danno ambientale sarebbe molto probabile a causa della presenza di grandi quantitativi di trimetilduebenzilammina, una sostanza non cancerogena, ma pur sempre tossica e oltretutto non solubile. Se a contatto con fonti di calore – hanno spiegato i periti – diventa pericolosa per la salute dell’uomo.

Con la consegna della perizia agli avvocati si aprirà una nuova fase dibattimentale calda. A partire dalle udienze in calendario per venerdì 6 giugno e sabato 7. il legali della difesa hanno già preannunciato una imponente offensiva sulla superperizia.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

barbecue

Scalea, barbecue sul marciapiede in via Lauro

Grigliata in strada in pieno centro città. La foto del barbecue è diventata virale sui …