Home / CRONACA / Praia a Mare, operaio folgorato all'Acquafans

Praia a Mare, operaio folgorato all'Acquafans


pignataro_impianti_inside_promoPRAIA A MARE – Un uomo di 48 anni è rimasto vittima di un incidente sul lavoro questo pomeriggio a Praia a Mare ed è stato trasferito d’urgenza all’ospedale di Cosenza in condizioni preoccupanti.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

Il malcapitato – secondo informazioni raccolte direttamente sul posto – originario della Svizzera, ma residente da tempo a Praia a Mare, sarebbe il capo elettricista di una ditta del Mantovano sub appaltatrice della manutenzione agli impianti elettrici della struttura turistica praiese.

L’elettricista era a lavoro su un quadro elettrico quando, intorno alle 12 e 30, è stato colpito da una scossa di 400 Volt riportando numerose ustioni su tutto il corpo.

Alcune persone presenti nella struttura hanno allertato i soccorsi. Sul posto è dunque intervenuto un elicottero del 118 che ha prelevato l’uomo per trasportarlo all’ospedale dell’Annunziata di Cosenza. La prognosi è riservata. I medici temono per gli effetti che l’elettricità può avere sul ritmo cardiaco e sul sistema nervoso.

All’Acquafans, poco dopo l’accaduto, sono inoltre intervenuti gli ispettori del dipartimento di Igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro dell’Asp di Cosenza, Salvatore Esposito e Giuseppe Greco, che hanno svolto gli accertamenti del caso e posto sotto sequestro l’impianto elettrico al fine di consentire ulteriori indagini.

Sono inoltre intervenuti i carabinieri della locale stazione guidati dal maresciallo Maniaci e alcuni responsabili e tecnici dell’Enel.

Sempre secondo quanto appresto sul posto, l’operaio sarebbe rimasto vittima di questo grave incidente perché sicuro che all’interno del quadro elettrico non circolasse corrente. Nei giorni scorsi, infatti, la direzione dell’Acquafans aveva inoltrato una richiesta di fornitura elettrica per alimentare l’impianto regolato dal pannello da cui è partita la scossa.

Secondo indiscrezioni trapelate sul posto, però, ai tecnici Enel risulterebbe che tale fornitura elettrica sarebbe stata attivata solo alle 14 e 10. Dunque, più di un’ora dopo l’incidente. Probabilmente – è stato ipotizzato – l’impianto elettrico era ancora alimentato in qualche modo.

Questo e altri aspetti della vicenda saranno chiariti dalle indagini della Procura della Repubblica di Paola. Il PM Lidia Gambassi ha aperto un fascicolo dopo essere stata informata dell’accaduto dai rappresentanti delle forze dell’ordine e dagli ispettori dell’Asp intervenuti all’Acquafans.



About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Mucca cade in un burrone: salvata dai vigili del fuoco [VIDEO]

I caschi rossi di Lauria hanno richiesto l’intervento di un elicottero per soccorrere l’animale in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright