Home / COMUNI / GRISOLIA / Grisolia, senza lavoro: dateci la terra

Grisolia, senza lavoro: dateci la terra


agritek_indie_arGRISOLIA – Incrementare l’occupazione e migliorare le condizioni del territorio. A Grisolia i disoccupati chiedono terre da coltivare al Comune che si dice pronto a intercettare loro istanze.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

In un periodo di forte crisi economica ed occupazionale la vicenda suona come fantasiosa e al tempo stesso dannatamente concreta. In giorni in cui un lavoro è spesso una pura chimera, figuriamoci il “posto fisso”, ecco un idea dai molteplici risvolti postivi.

Alcuni cittadini di Grisolia, per lo più disoccupati, hanno chiesto al Comune di mettere a loro disposizione alcuni fondi demaniali incolti allo scopo di creare aziende agricole. Le loro istanze sbarcheranno in Consiglio comunale mercoledì 29 ottobre.

“Ci è sembrata una buona proposta – ha detto il consigliere di maggioranza Francesco Papa – anche se va regolata in maniera opportuna. Tra i richiedenti – ha poi precisato – ci sono anche coltivatori che hanno intenzione di accrescere la loro azienda agricola”.

La questione è dunque in una fase preliminare. Nel corso del consiglio sarà richiesta una semplice assunzione d’impegno da parte dell’amministrazione comunale. Poi partiranno una serie di rilievi per “mappare” il territorio grisolioto ed individuare i fondi che potrebbero essere concessi.

Anche se, come ha spiegato ancora Papa, non di semplice cessione si tratterà.

“La nostra intenzione – ha detto – è di cedere le superfici in fitto, magari con formule convenienti e soprattutto dovremo trovare il sistema adatto a evitare malintenzionati. Le cronache calabresi sono dense delle cosiddette truffe dei falsi braccianti agricoli”.

Il consigliere comunale ha inoltre anticipato che l’ente sarà al fianco dei richiedenti per l’istruzione delle pratiche e l’ufficio tecnico li seguirà anche nella trafila burocratica necessaria nei rapporti con altri enti, come ad esempio per l’iscrizione alla Camera di commercio.

Insomma, posta così, ci guadagnano tutti. Comune compreso.

“In questo modo – ha concluso Papa – si crea lavoro e al contempo si ripopola la campagna. La presenza di coltivatori su terreni abbandonati porta notevoli vantaggi al territorio. La regimentazione delle acque che ne conseguirebbe, solo per fare un esempio, inciderebbe positivamente sul rischio di dissesto idrogeologico”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Opinioni: La sanità calabrese soffre di schizofrenia

LOSCRIVITU’ ||| Bene riapertura chirurgia negli ospedali di Cetraro e Corigliano, ma o si è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright