Home / CRONACA / Paola, all'ospedale fuori servizio l'unico ascensore

Paola, all'ospedale fuori servizio l'unico ascensore


GS_inside_arPAOLA – “Fuori servizio”.

green multiservice disinfezione

Sono quasi dieci giorni che non è funzionante l’unico ascensore disponibile per gli utenti dell’Ospedale civile San Francesco di Paola.

Un problema non di poco conto. Perché l’altro ascensore è utilizzato, anzi, dovrebbe essere utilizzato, soltanto per il trasporto dei pazienti e per consentire a infermieri, medici e personale di trasportare macchinari o quant’altro necessita al nosocomio.

E invece il “montacarichi” è divenuto adesso l’unico mezzo per raggiungere i piani superiori, ben cinque, presenti nel nosocomio. Il sovraffollamento giunge ai limiti della sopportabilità soprattutto la mattina e non consente un tempestivo utilizzo a coloro i quali (i dipendenti) ne avrebbero urgenza e priorità.

Grosse sono le difficoltà per chi con problemi di deambulazione non trovando nessuno dotato di chiavetta (necessaria per l’utilizzo dell’ascensore di servizio) è costretto a salire a piedi. Impresa pressoché impossibile da realizzare per chi si trova su una sedia a rotelle. Diverse le proteste che si stanno registrando in questi ultimi giorni. Utenti e dipendenti nonostante abbiano fatto presente il disservizio non hanno avuto ancora risposte certe sul suo ripristino.

Di certo la scelta di destinare i servizi ambulatoriali (ex Saub) al terzo piano del San Francesco non si è rivelata felice. Ma nonostante le proteste (del comitato “Bonavita” in particolar modo) non si è riusciti a trovare ad essi altra destinazione. Si era parlato in precedenza di utilizzare i locali dell’ex professionale delle Colonne ma gli intenti iniziali sono stati poi disattesi completamente. Il potenziamento del nosocomio e in particolare l’aumento dei posti letto di cui si è tanto parlato in effetti non si è mai realizzato proprio per questo: l’ambulatorio che doveva essere trasferito altrove è rimasto al terzo piano occupandolo quasi per intero.

Passerà a quanto pare altro tempo prima che l’unico ascensore a disposizione di utenti e pazienti che si recano per visite specialistiche sarà rimesso in funzione. La spesa questa volta a quanto pare non è di poco conto e sarebbe necessario effettuare una apposita gara per l’affidamento.



About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

Taurianova, 7000 piante di marijuana in un vecchio frantoio

Nel capannone dismesso la criminalità locale aveva realizzato un gigantesco essiccatoio. Sequestro da 3 milioni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright