Home / CRONACA / La battaglia di Vincenzo, di nuovo in catene

La battaglia di Vincenzo, di nuovo in catene


GS_inside_arSANTA MARIA DEL CEDRO – “Nessuna risposta dal generale Pezzi e io torno a incatenarmi”.

Vincenzo Capogrosso, il centralinista non vedente di Santa Maria del Cedro, ha aspettato invano di firmare finalmente un contratto di lavoro con l’Azienda ospedaliera di Cosenza. Una firma che sarebbe giunta dopo 15 anni e che dallo scorso ottobre, grazie alle sue proteste, sembrava essere prossima a diventare realtà.

L’azienda ospedaliera cosentina, ente che ha fatto richiesta delle sue prestazioni, si è vista prima bloccare tutto da una disposizione della struttura commissariale della sanità calabrese. Poi, ha atteso che a decidere in merito fosse proprio il commissario ad acta Luciano Pezzi. Ma tutto tace.

“Nonostante le proteste, i tanti incontri e le promesse – spiegano Vincenzo Capogrosso e il suo difensore, l’avvocato Giuseppe Forte – ad oggi la situazione non si è risolta. L’azienda attende un segnale dal commissario ad acta che però non è ancora arrivato”.

Basterebbe dunque il solo via libera di Pezzi – secondo il diretto interessato e secondo anche l’Azienda ospedaliera – per perfezionare la pratica di assunzione che, nonostante i ritardi della burocrazia, era giunta fino all’atto decisivo dell’assunzione.

Vincenzo Capogrosso, lo ricordiamo, è non vedente, invalido al 100 percento così come riconosciuto dagli enti preposti. È stato di recente inserito in una graduatoria predisposta dal servizio disabili del settore lavoro della Provincia di Cosenza per l’avviamento all’impiego come previsto da una legge del 1985 che disciplina specificatamente il collocamento dei centralinisti non vedenti. Dopo aver sostenuto anche le visite mediche che hanno attestato la permanenza della sua invalidità, attendeva solo la firma del contratto, poi bloccata.

Lo scorso 11 dicembre il legale di Vincenzo ha diffidato i diretti interessati per ottenere lo sblocco della pratica.

“Ora – ha fatto sapere Vincenzo – sono disposto a tutto. Anche a incatenarmi, di nuovo, davanti al portone della direzione generale dell’Azienda ospedaliera fino al momento della deliberazione”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Paola, hashish nella cassaforte: arrestato un 32enne

L’uomo già noto alle forze dell’ordine è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright