Home / CRONACA / Sentenza Marlane, depositate le motivazioni

Sentenza Marlane, depositate le motivazioni


GS_inside_arPRAIA A MARE – Sono state depositate le motivazioni della sentenza di primo grado del processo Marlane con la quale il 19 dicembre 2014 il tribunale di Paola ha assolto con formula piena da tutti i capi d’accusa i 12 imputati per le morti bianche degli operai e sull’inquinamento dell’area industriale della Marlane di Praia a Mare, fabbrica tessile del Gruppo Marzotto.

green multiservice disinfezione

In 256 pagine il collegio giudicante ha dunque spiegato le sue ragioni. In via del tutto sintetica, i giudici non hanno ritenuto che sia stato sufficientemente provato il quadro accusatorio sostenuto dalla Procura della Repubblica di Paola e dalle parti civili.

Ciò, in maniera particolare, in riferimento all’impatto sanitario sulla popolazione delle attività dello stabilimento tessile dismesso nel 2004. Secondo i consulenti del tribunale il tasso di mortalità e ricoveri tra gli operai e i cittadini dei due comuni maggiormente interessati dalla fabbrica, Praia a Mare e Tortora, non si discosta molto dal dato regionale e non hanno individuato correlazioni certe tra le malattie contratte e le sostanze rinvenute nell’ambiente circostante.

Quanto al dato ambientale, le motivazioni ricordano che i risultati delle indagini effettuate su mandato della Procura nel 2006 e nel 2007 nei terreni Marlane e nella falda acquifera sottostante non riferiscono di superamenti delle Concentrazioni soglia di contaminazione (Csc).

Ora, non resta che l’appello al quale faranno ricorso i PM e le parti civili.



About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Covid-19, Divieto di ingresso per chi arriva da Paesi a rischio

Ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza. “Linea della prudenza assoluta per non vanificare sforzi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright