Home / CRONACA / Santa Domenica Talao, impianto Mia: per Arpacal tutto in ordine

Santa Domenica Talao, impianto Mia: per Arpacal tutto in ordine


promo_insideSANTA DOMENICA TALAO – Secondo la relazione dell’Arpacal non ci sono irregolarità nel funzionamento dell’impianto di recupero di rifiuti speciali non pericolosi di Santa Domenica Talao gestito dalla Multiservizi igiene ambientale Srl.

Per i funzionari del dipartimento provinciale Arpacal di Cosenza “l’impianto ha ricevuto e stoccato solo le tipologie di rifiuti previsti in autorizzazione e non vi è presenza di cattivi odori come invece denunciato dai lavoratori”.

È in sintesi quanto riportato sul verbale redatto dall’agenzia a seguito dell’ispezione effettuata lo scorso 8 aprile, richiesta dal corpo di polizia intercomunale dell’ufficio di Praia a Mare, dopo le segnalazioni ricevute su presunte irregolarità nel funzionamento dell’impianto.

Dal controllo dell’Agenzia regionale per l’ambiente della Calabria sono emerse poche criticità “dovute – si legge nel verbale – al fermo delle lavorazioni dal 27 marzo (come dichiarato dall’amministratore unico della Mia srl Massimo Rovito, ndr) per lo stato di agitazione dei dipendenti”.

Gli ispettori dell’Arpacal hanno comunque evidenziato la presenza di rifiuti in attesa di trattamento depositati in aree esterne ed interne non previste dall’autorizzazione rilasciata in fase di approvazione del progetto dalla Provincia di Cosenza.

All’interno del capannone i rifiuti sono stati depositati su aree adibite esclusivamente alla movimentazione dei mezzi, contrariamente a quanto previsto dal progetto.

Ma tutto questo – e lo si legge più volte nel verbale – è da attribuire allo stato d’agitazione dei dipendenti che non avendo lavorato per molti giorni avrebbero causato l’accumulo di tonnellate di rifiuti differenziati in attesa di essere trattati.

“È stata poi accertata – si legge ancora nel verbale – la presenza di 4 cassoni scarrabili adibiti al trasporto dei rifiuti e depositati su un’area esterna all’impianto, adiacente il cancello di accesso secondario. Dei 4 cassoni 3 risultano vuoti. Il quarto contiene rifiuti ingombranti oltre ad alcuni pneumatici fuori uso da destinarsi – come dichiarato da Rovito – all’impianto di recupero della ditta Calabra maceri di Rende”.

I cassoni in questione sono quelli che “temporaneamente” erano stati depositati su un’area di un privato dove ad oggi risultano posteggiati altri mezzi della Mia Srl.

I funzionari dell’Arpacal di Cosenza concludono scrivendo che “è stata accertata l’assenza di cattivi odori che non possono essere generati da tale tipologia di rifiuti”.

Non è ancora pronto invece il verbale della polizia intercomunale che insieme all’Arpacal ha effettuato l’ispezione. Gli agenti dell’ufficio di Praia a Mare stanno valutando attentamente ogni singolo aspetto sulla base delle prescrizioni che erano state dettate dagli uffici della Provincia di Cosenza al momento del rilascio delle autorizzazioni.

Per quanto riguarda il mancato pagamento degli stipendi è trapelato che la Mia ha comunicato alla Fiom – Cgil la volontà di autorizzare il Comune di San Nicola Arcella al pagamento di una mensilità diretta a vantaggio dei lavoratori dello stabilimento di Santa Domenica Talao, tenuto conto dei crediti vantati.

L’azienda ha inoltre espresso la volontà di redigere entro il 30 aprile un piano per la corresponsione delle altre mensilità arretrate impegnandosi a pagarne un’altra proprio entro questo termine in ragione della riscossione di spettanze dal Conai.

E sempre per il 30 aprile alle 17 è stato già fissato un incontro tra la ditta e il sindacato per trovare piena soluzione al problema.


About Pierina Ferraguto

Giornalista pubblicista dal 2013. Laureata in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza all'Università della Calabria. Dal 2006 al 2008 lavora come stagista nella redazione di Legnano de Il Giorno. In Calabria lavora con testate regionali di carta stampata e televisive.

Check Also

Belvedere Marittimo, droga e armi: 2 arrestati

In un casolare di Sant’Andrea cocaina, marijuana, un fucile e munizioni. In manette un pregiudicato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright