Home / IN PRIMO PIANO / Santa Domenica Talao, Impianto Mia: operai senza soldi

Santa Domenica Talao, Impianto Mia: operai senza soldi


promo_insideSANTA DOMENICA TALAO – Sono ancora in attesa degli stipendi arretrati i quindici dipendenti della Mia Srl, ditta che gestisce l’impianto di selezione rifiuti di Santa Domenica Talao.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

L’azienda ha però garantito che entro venerdì prossimo, 15 maggio, i lavoratori riceveranno il saldo della mensilità di gennaio e il pagamento dello stipendio di febbraio.

Impegno messo nero su bianco durante l’incontro tra la società e i rappresentanti sindacali della Fiom – Cgil che si è svolto lo scorso 30 aprile. L’accordo prevede altre scadenze. Entro fine maggio i lavoratori dovranno ricevere lo stipendio di marzo, “se non fosse possibile – confermano dal sindacato – verrà erogato un acconto dell’80 percento del salario” che sarà poi saldato entro il 30 giugno insieme alla paga di aprile.

Le altre due mensilità, maggio e giugno, saranno pagate entro la fine di luglio.

È in sintesi quanto riportato sul verbale sindacale che – per come trapelato – non è stato ancora firmato dal responsabile della Mia Srl.

La società si è impegnata inoltre a mantenere in carico tutti gli operatori attualmente assunti con contratto a tempo determinato trasformandolo in contratto a tempo pieno. La Mia ha anche manifestato la volontà di avviare tutte le procedure necessarie per migliorare la qualità lavorativa nel pieno rispetto delle norme in materia di sicurezza sul lavoro.

“È un buon risultato – hanno commentato i rappresentanti della Fiom Cgil – considerato soprattutto che la società sta vivendo un periodo di forte crisi economica. Nonostante tutto, l’azienda ha inteso attivare e dare valore ad una coerente azione di relazioni industriali e sindacali. Ci fa piacere che la ditta abbia ancora intenzione di radicare la propria attività sul nostro territorio”.

Resta però ancora un po’ di preoccupazione per il futuro dell’azienda finita sotto la lente di ingrandimento della Procura di Paola dopo i controlli effettuati nelle scorse settimane dalle autorità giudiziarie competenti.

Attività che hanno portato, lo ricordiamo, ad una denuncia per Massimo Rovito, amministratore unico della Mia, per violazioni delle norme di tutela e sicurezza sul lavoro e lavoro nero.


About Pierina Ferraguto

Giornalista pubblicista dal 2013. Laureata in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza all'Università della Calabria. Dal 2006 al 2008 lavora come stagista nella redazione di Legnano de Il Giorno. In Calabria lavora con testate regionali di carta stampata e televisive.

Check Also

Personale positivo ma in servizio? Sindaco sporge querela

Il particolare nello sfogo del dipendente di una Rsa in quarantena obbligatoria dopo il primo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright