Home / IN PRIMO PIANO / Praia a Mare, Italia nostra denuncia: “Danni al pioppo di via Turati”

Praia a Mare, Italia nostra denuncia: “Danni al pioppo di via Turati”


inside_pino_eco_PICCOLAPRAIA A MARE – “hanno scavato tre enormi buche attorno al secolare pioppo di via Turati danneggiandone le radici e mettendone a rischio la sopravvivenza”.

green multiservice disinfezione

A denunciare il fatto alcuni cittadini di Praia a Mare iscritti all’associazione Italia nostra. Gli stessi che, nei mesi scorsi, hanno chiesto all’amministrazione comunale politiche di valorizzazione e conservazione sia dell’esemplare di via Turati, che dei platani di viale della Libertà e di piazza dei Caduti.

Secondo gli attivisti, nel corso dei recenti lavori di completamento del viale della Libertà, sono state scavate tre buche nei pressi del pioppo e danneggiate le radici della pianta.

In effetti – come testimoniato anche da alcuni osservatori – sono state recise alcune parti delle grosse radici che alimentano l’albero.

“Avevamo fatto richiesta per una zona di rispetto per la pianta – ricordano i componenti di Italia nostra –. Al comune non sarebbe costato nulla”.

Alla base di tanta attenzione da parte di Italia nostra ci sono motivazioni ambientali e storiche, tanto che per esso e per altri alberi si vorrebbe l’inclusione in un apposito registro delle piante monumentali.

Il pioppo di via Turati, infatti, è stato piantato nel 1850 ed è da molti considerato un elemento stabile del paesaggio praiese. Il suo tronco oggi misura oltre sei metri di circonferenza.



About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Santa Maria del Cedro, a Marcellina la festa per il Sacro Cuore

Il 7 giugno la tradizionale ricorrenza patronale della locale parrocchia. Nel programma, Santa Messa e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright