Home / IN PRIMO PIANO / Caos boa, trasloco in stand-by

Caos boa, trasloco in stand-by


inside_pino_eco_PICCOLAPRAIA A MARE – Tutto rinviato. Forse ancora un giorno di attesa. Poi si saprà cosa ne sarà degli otto rimessaggi barche del comune di Praia a Mare intimati a traslocare in altra sede del litorale da un’ordinanza del sindaco.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

Questa mattina era previsto l’inizio delle operazioni di sgombero sotto l’occhio vigile della capitaneria di porto. Ma – come mostrano le immagini realizzate questa mattina – nell’area dei rimessaggi di località Fiuzzi, di fronte l’Isola di Dino, l’attività diportistica è proseguita normalmente. Come sempre.

Questo perché proprio nelle stesse ore, nel Comune di Praia a Mare, si discuteva della vicenda nel corso di un tavolo istituzionale.

L’incontro si è concluso intorno a mezzogiorno, ma dalle mura del municipio non è trapelato molto.
Secondo quanto riferito dal sindaco Antonio Praticò e dal capogruppo di maggioranza, Antonio Giannotti, si è discusso dei margini di azione possibili che, soltanto nelle prossime ore, probabilmente nella giornata di domani, dovrebbero condurre all’adozione di una decisione.

Null’altro è trapelato al momento ma – come vi abbiamo già riferito – si vaglia l’ipotesi di una proroga del termine stabilito dall’ordinanza sindacale che scadeva proprio in queste ore.

Prima della riunione di oggi, Giannotti aveva parlato di due proposte sul tavolo e che “L’obbiettivo primario – aveva detto l’amministratore praiese – era e resterà la tutela delle imprese e dei posti di lavoro”.

Se ne saprà di più a breve. Intanto l’umore degli operatori del settore rimane teso. Nessuno vuole parlare. Almeno non direttamente attraverso i nostri microfoni. “Siamo pronti a traslocare – dice qualcuno – ma che senso ha questa decisione in estate”? E ancora: “Nell’area sotto Marlane non c’è posto per tutti”. C’è anche chi afferma senza paura: “Ma a chi danno fastidio le barche? Non solo sono lavoro per tutti noi. I motori ossigenano l’acqua e fanno sparire le alghe”.

Sarà. Peccato però che nulla sembrano potere contro questa patina oleosa che galleggia in mare vicino la riva.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Reddito di cittadinanza: cerco lavoro da due anni, ma sono troppo qualificato

Una storia reale dal Tirreno cosentino. Una come tante, infarcita di delusione e rabbia. “Mi …