Home / CRONACA / San Nicola Arcella, Hummer 2: sequestrato villaggio turistico

San Nicola Arcella, Hummer 2: sequestrato villaggio turistico


Il villaggio turistico San Giorgio sequestrato con altri beni per 40 milioni di euro all’imprenditore Pasquale Capano. Vicino al clan Muto, l’uomo è finito nel mirino della guardia di finanza e della Dda di Roma. Nel suo computer una “lezione di diritto ‘ndranghetistico”.


SAN NICOLA ARCELLA – C’è anche un villaggio turistico a San Nicola Arcella tra i beni sequestrati a Pasquale Capano.

L’imprenditore calabrese, da anni residente a Roma, è prossimo al clan Muto, già coinvolto nell’operazione Azimuth.

Si tratta del villaggio turistico San Giorgio, 34 villette e altre strutture in via di realizzazione. Ma anche piscina e spiaggia privata.

L’uomo è stato colpito da un’operazione della guardia di finanza di Roma, denominata Hummer 2. Ha subìto un sequestro che ha portato alla confisca definitiva di beni per circa 40 milioni di euro, ora passati definitivamente allo Stato.

Al termine di indagini del nucleo di polizia tributaria, a dicembre 2013 Capano era stato arrestato con la moglie ed il genero. Il tribunale del riesame di Roma aveva poi accolto l’appello proposto dalla Direzione distrettuale antimafia di Roma. Riconosciuta la sussistenza di gravi indizi nei confronti di Capano e dei suoi familiari e la sussistenza delle ipotizzate esigenze cautelari.

operazione hummer 2 pasquale capano san nicola arcella
Il villaggio turistico San Giorgio a San Nicola Arcella

Il profilo di Pasquale Capano

Gli investigatori avevano da tempo in mano un profilo di Pasquale Capano disegnato attraverso dichiarazioni di collaboratori di giustizia e acquisizioni investigative. Le fiamme gialle procedono per punti.

  • “Vicino” all’organizzazione ‘ndranghetista investigata, operativa nella zona di Roma, e capace di muoversi addirittura con un passaporto diplomatico.
  • In contatto con personaggi di spicco della criminalità romana. Tra questi il noto Enrico Terribile, conosciuto alle cronache giudiziarie della capitale per i suoi trascorsi di usuraio e vicino al più noto Enrico Nicoletti. Entrambi sono sta coinvolti in diverse indagini per i delitti di usura ed estorsione. Nel 2007 sono stati poi condannati per associazione a delinquere finalizzata all’usura, estorsione, truffe, reati societari ed altro.
  • In affari e responsabile di specifiche condotte usuraie insieme al noto Luciano Casamonica, parimenti personaggio di spicco della malavita capitolina.
operazione hummer 2 pasquale capano san nicola arcella
Un dettaglio del Villaggio San Giorgio a San Nicola Arcella sequestrato a Pasquale Capano

Confiscato il patrimonio di Capano

Il tribunale ordinario di Roma ha quindi disposto la confisca definitiva del patrimonio societario, mobiliare ed immobiliare di Pasquale Capano.

I sequestri hanno interessato il Lazio, la Calabria, la Campania, la Sardegna e la Lombardia.

Passano definitivamente al patrimonio dello Stato:

  • 62 unità immobiliari tra abitazioni e terreni. Tra esse una lussuosa villa con piscina e diversi immobili destinati ad attività sportiva e ricreativa a Roma e un villaggio turistico a San Nicola Arcella.
  • 6 autovetture, anche di lusso, tra cui due Ferrari e due Hummer.
  • 1 natante del tipo aliscafo.
  • 4 società commerciali.
  • 4 rapporti finanziari.

Il tutto per un valore complessivo di stima pari a 39milioni 580mila 488 euro e 87 centesimi.

operazione hummer 2 pasquale capano san nicola arcella
Uno dei 2 Hummer sequestrati a Pasquale Capano

Hummer 2: in una lettera ti spiego la ‘ndrangheta

I giudici avevano posto l’accento su una prova: una lettera inviata ad un altro pregiudicato e trovata nel computer dell’imprenditore.

Nel testo un messaggio chiaro: l’affiliazione alla ‘ndrangheta è una scelta di vita, prima che un’opportunità affaristica. Segue – secondo gli investigatori – “una vera e propria lezione di diritto mafioso”.

Soprattutto sull’irrevocabilità della scelta, sul vincolo di sangue e sul mutuo soccorso tra affiliati. In particolar modo in occasione di “infortuni giudiziari”.

Emblematica l’affermazione “…la prima cosa che mi è stata spiegata nelle prime frequentazioni di alcuni ambienti è stata la differenza fra concetto di amicizia e fratellanza. L’amicizia è espressione di una frequentazione abituale, la fratellanza rappresenta un legame”.

E ancora “…è proprio su questo principio (fondamento della filosofia massonica) che è stato concepito il rituale iniziatico di accettazione ed ingresso nella sacra famiglia e onorata società”.

Un principio “radicato nella storia antica” della Calabria. “Si entrava a far parte dell’onorata società attraverso un atto definitivo (patto di sangue)”.

È con esso che “si stabiliva il legame di fratellanza. Tutto questo perché era stato considerato unico vero meccanismo nel comportamento umano che evitava atti di tradimento. Il tempo infatti ha dato ragione agli uomini d’onore di una volta, che consideravano l’onorata società pari alla sacra famiglia. Di conseguenza, non come opportunità affaristica ma come scelta di vita che imponeva regole basate sul principio dell’onorabilità e della fratellanza”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

incidente stradale cedro bmw fiat

Santa Maria del Cedro, incidente stradale su via Degli Ulivi

Scontro tra due automobili nei pressi dello svincolo di Grisolia. Non ci sarebbero conseguenze per …