Home / IN PRIMO PIANO / Paola, politica: Pizzini sta con Graziano

Paola, politica: Pizzini sta con Graziano


PAOLA – A volte ritornano. C’è buona parte della destra cittadina nel nascente movimento che si rifà alle posizioni di Giuseppe Graziano. Il neo coordinatore provinciale di Forza Italia che nei giorni scorsi ha nominato quale referente di Paola, Emilio Mantuano, può contare anche sull’appoggio dell’ex sindaco Antonio Pizzini.


Accanto a Pizzini già presidente dell’Arssa, c’è una grossa fetta del gruppo storico dei tempi della Dc e di Forza Italia. Ma anche professionisti di varia estrazione. Sono i “delusi” del centrodestra. Vale a dire coloro i quali hanno preso le distanze, da tempo, dall’attuale maggioranza. Sarà quindi un movimento a sé che nulla avrebbe ad oggi a che spartire con la compagine amministrativa. E non è escluso che potrebbe rifare capolino pure il già primo cittadino Giovanni Gravina.

“La nostra volontà – ha spiegato ieri Giuseppe Graziano – è quella di interloquire con i cittadini e di stilare un piano di risanamento vero e proprio. Una crescita che parta dal basso. Politica al servizio del cittadino. È necessario che Paola abbia un buon governo e noi siamo aperti al dialogo con chi abbia intenti”.

Su Pizzini: “È una figura storica di Paola. Un personaggio che ha ben amministrato. Ed è stato tra i fondatori del movimento”

Un movimento di centro che si rifarà molto probabilmente a liste civiche in vista del prossimo appuntamento elettorale. Gli ex esponenti del centrodestra disillusi dall’esperienza amministrativa a guida del sindaco Basilio Ferrari cercheranno quindi di costruire un’alternativa per il futuro assieme ad altri o in solitaria.

Vicino alle posizioni del consigliere regionale Giuseppe Graziano c’è anche il movimento Paola che Vorrei che proprio alla sua presenza ha ufficializzato la nascita del raggruppamento. I primi passi sono già in atto. A Cassano ad esempio Graziano sosterrà il “buon governo” del sindaco uscente, il socialista Gianni Papasso.

E a Paola? È forse presto per dirlo ma si tracciano linee ben precise che potrebbero scompaginare i piani e i sogni di gloria di aspiranti candidati a sindaco. Giuseppe Graziano sta costruendo con “Il coraggio di cambiare l’Italia” anche in città uno spartiacque tra destra e sinistra. Un movimento ramificato e disomogeneo per molti versi slegato dagli schieramenti tradizionali che guarda al bene comune. Anche se rimane pur sempre legato a doppio filo a Forza Italia.

Difficile da spiegare agli elettori? Forse no. Se sono queste le premesse in città ne vedremo di belle. Anche perché alla presentazione del movimento, nei giorni scorsi a Lamezia, non c’era solo la destra e il centro ma erano presenti pezzi da novanta della sinistra cittadina. La campagna elettorale a meno di un anno e mezzo di distanza è già iniziata. E guai a chi rimane dietro.


About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

Polizze online: ecco le migliori assicurazioni sulla casa del momento

Garantire la salvaguardia dell’ambiente domestico è fondamentale per beneficiare della massima sicurezza e assicurare il …