Home / COMUNICATI STAMPA / Tortora, riprendono gli scavi archeologici sul Palécastro

Tortora, riprendono gli scavi archeologici sul Palécastro

L’ultima campagna di scavi risale al 2006. Comune di Tortora, soprintendenza calabrese e università di Messina di nuovo all’opera sul colle Palécastro.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

TORTORA – Riprendono a giugno 2016 gli scavi archeologici sul colle Palécastro di Tortora.

Lo rende noto l’amministrazione comunale di Tortora in una nota per la stampa. L’ultima campagna di scavi sul sito che ospita l’antica Blanda risale al 2006.

La ricerca pronta a partire dopo dieci anni – si legge nella nota – è in assoluta continuità con gli interventi effettuati in passato, sempre sostenuti dal Comune di Tortora in collaborazione con la Soprintendenza archeologia della Calabria e con l’Università degli studi di Messina, dipartimento di Civiltà antiche e moderne, che è il richiedente la concessione di scavo, guidati da Francesco La Torre e Fabrizio Mollo.

Gli interventi in programma saranno effettuati secondo le più moderne tecnologie di scavo, con la collaborazione qualificata di studenti, laureati, laureandi, dottorandi dell’Università di Messina: in tutto un’équipe di 25 archeologi, cui si affiancano una decina di studenti provenienti dall’Unical, e alcuni giovani archeologi originari dell’Alto Tirreno cosentino, che hanno chiesto di partecipare.

Si tratta di una quarantina di giovani e futuri archeologi, provenienti da tutte le aree della Calabria e della Sicilia, che lavoreranno in sinergia per la promozione e lo sviluppo della ricerca e la valorizzazione del sito del Parco archeologico del Palécastro di Tortora, l’antica Blanda.

Il progetto di scavo nasce dal desiderio di contribuire a dare continuità e concretezza alle attività di ricerca archeologica svolte nell’ultimo trentennio a Tortora, al fine di arricchire e meglio analizzare il quadro delle vicende storiche e insediative che in passato caratterizzarono tale area geografica.

Partendo dai risultati degli scavi già effettuati e pubblicati nel volume di La Torre e Mollo, “Blanda Julia sul Palécastro di Tortora. Scavi e ricerche (1990-2005)”, Pelorias 13, Messina 2006, ci si propone di proseguire le ricerche con i seguenti obiettivi.

Ripresa delle indagini nell’area del foro, con l’indagine e la verifica planimetrica del settore nord-orientale della piazza. Inizio delle indagini nel settore bonificato dallo spianamento 2015 tra il Foro e il settore D/E, al fine di verificare il tracciato e la stratigrafia della plateia A, la presenza dell’isolato più orientale di questo settore di abitato. Accertamento dell’organizzazione urbanistica e della regolarità dell’impianto dell’area di abitato, con la verifica della densità insediativa e degli aspetti tipologici dell’architettura domestica. Eventuali indagini stratigrafiche in profondità, nel settore a ovest del foro, per meglio definire le fasi di più antica occupazione dell’abitato: enotria, lucana e romano-repubblicana. Migliore definizione del tracciato delle fortificazioni e della cronologia delle fasi costruttive.

palecastro-alto-ge-in
Il colle Palécastro e i resti dell’antica Blanda visti dall’alto. (foto: Google Earth)

About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

cedro di santa maria del cedro museo rotary scalea

Rotary Scalea, premio a Renato Aronne e Tullio di Lorenzo

Iniziativa Rotary Riviera dei Cedri club di Scalea: un premio ai due professionisti distintisi nel …