Home / COMUNICATI STAMPA / Diamante, rivalutare murale “Sposito” e fontana Cammarotea

Diamante, rivalutare murale “Sposito” e fontana Cammarotea


Le proposte di Per una Diamante migliore nell’ambito dell’operazione bellezza del governo: il murale dei coniugi Sposito e la fontana di Cammarotea.

DIAMANTE – Il murale dei coniugi Sposito e la fontana di Cammarotea.

Il consigliere comunale di Diamante Antonio Cauteruccio ha indicato i due beni nell’ambito dell’iniziativa del Governo italiano per segnalare luoghi di interesse storico e culturale da recuperare.

Il mosaico murale realizzato nell’ambito dell’operazione murales del 1981 dai coniugi Sposito si trova in via Alfieri, nel centro storico di Diamante. Secondo il portavoce di Per una Diamante migliore necessita urgentemente di un restauro

Il murale realizzato dai coniugi Sposito
Il murale realizzato dai coniugi Sposito

“L’opera – sostiene Cauteruccio –, vero e proprio virtuosismo di grande pregio artistico, ha un grande significato per la storia della nostra città ed è collocata sulla parete esterna della cosiddetta Chiesa Madre, sulla sommità del centro storico. Racconta la genesi di Diamante ed è una delle perle del muralismo diamantese. La sua realizzazione divenne un cantiere – scuola attorno al quale vennero coinvolti tanti giovani del luogo desiderosi di apprendere i primi rudimenti dell’arte musiva. Nell’ottobre del 1999 gli artisti hanno realizzato un successivo pezzo da aggiungere al mosaico originario, raffigurante l’immagine dell’Immacolata. Doveva essere il murale più grande dell’Italia Meridionale ma purtroppo, per la scomparsa dell’autore, non è mai stato completato. Oggi grazie a questa opportunità il sottoscritto segnala la necessità di recuperare, restaurare, magari completare e valorizzare un’opera unica e spesso dimenticata che porta i segni del tempo e dell’abbandono. L’ho segnalato al governo perché si potrebbe ripetere l’esperienza del cantiere – scuola rendendolo permanente, creando occupazione e sviluppando il segmento importante del turismo scolastico attorno ad un’opera che probabilmente non ha eguali in tutto il Meridione. Inoltre si restituirebbe alla storia e all’opinione pubblica nazionale ed internazionale l’immagine di Diamante meravigliosa città dei murales e far luce finalmente sull’esperienza unica e irripetibile del muralismo diamantese di quegli anni”.

Un particolare del Mosaico Sposito
Un particolare del Mosaico Sposito

Il secondo luogo pubblico da recuperare segnalato da Cauteruccio è la fontana di contrada Cammarotea.

“Storico punto di riferimento per tutta la contrada – spiega il consigliere comunale – potrebbe oggi tornare ad essere un punto di ritrovo e di socializzazione recuperando lo spazio antistante la fontana nonché diventare il mezzo attraverso cui valorizzare le bellezze della rurale contrada Cammarotea”.

Infine, all’amministrazione comunale di Diamante: “Dal momento che al Governo lo aveva già segnalato l’assessore Maiolino, segnalerò la necessità di non perdere tempo con il Mausoleo di Cirella. Un tronco d’ulivo ne minaccia la tenuta strutturale e, aldilà del bando e della pertinente segnalazione di Maiolino, esiste già da tempo un progetto depositato al comune per risolvere il problema con somme accessibilissime che non superano i 10mila euro”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Maratea, pescatori e ristoratori al lavoro sul Garum

Assopescatori, Wwf e Laboratorio gastronomico di Maratea lanciano l’idea progettuale: riscoprire e produrre la salsa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright