Home / CRONACA / Maratea, bambino grave dopo una caduta

Maratea, bambino grave dopo una caduta


8 anni: è ricoverato in ospedale in coma un bambino di Maratea a seguito di un trauma cranico causato da una caduta accidentale.

MARATEA – È in condizioni gravi un bambino di Maratea di 8 anni che ha riportato un trauma cranico in seguito ad una caduta accidentale avvenuta ieri sera all’esterno di un locale di Acquafredda di Maratea.

Non è noto cosa abbia provocato la caduta poiché il piccolo era da solo nel momento dell’incidente. Dopo la scoperta dell’accaduto è partita la corsa dei soccorritori verso l’ospedale di Sapri, il più vicino alla frazione marateota.

Qui, dopo un primo esame con tac, i medici si sono resi conto delle condizioni gravi del giovane paziente e ne hanno disposto il trasferimento in una struttura ospedaliera di Napoli dove ora è ricoverato in coma.

Da quanto si è appreso, si trovava nel locale di Acquafredda insieme ai genitori per partecipare ad una festa privata.

La notizia si è sparsa tra i cittadini di Maratea già dalla notte scorsa e le voci sono andate avanti anche oggi. Il fatto ha scosso profondamente la comunità della città del Cristo, oggi stretta attorno ai familiari nella speranza di avere presto notizie confortanti.

Acquafredda di Maratea: il luogo dove è avvenuta la caduta (foto: Google Earth)
Acquafredda di Maratea: il luogo dell’incidente (foto: Google Earth)

About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Fico: “Giovani credano nella politica, lavoreremo per questo” [VIDEO]

Il presidente della Camera dei Deputati a Santa Maria del Cedro per ricevere la cittadinanza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright