Home / IN PRIMO PIANO / Maratea, musica al Porto: divieti a fasce orarie

Maratea, musica al Porto: divieti a fasce orarie


E nuova regolamentazione in arrivo per tutto il territorio comunale a partire dal 15 giugno. Musica vietata al porto solo in alcune ore ma disco e karaoke sono al bando. (foto: visitmaratea.it)

MARATEA – Porto di Maratea: musica nei locali pubblici sì, ma solo ad orari prestabiliti e il 15 giugno arriva una nuova regolamentazione.

Con propria ordinanza, il sindaco Domenico Cipolla ha modificato la precedente dello scorso 17 maggio con la quale ha vietato le emissioni acustiche sonore ai pubblici esercizi del porto.

Il divieto, a partire da ieri, 6 giugno 2016, vale dalle 14 alle 17, dalle 20 alle 22 e 30, dalle 2 alle 9. Bandita totalmente la musica da discoteca oltre a intrattenimenti come “karaoke e simili”.

Il 15 giugno stop a questa forma “sperimentale” ed entrata in vigore di una nuova regolamentazione, valida però per tutto il territorio comunale e non solo per l’area portuale. Restano in piedi comunque le sanzioni economiche per i trasgressori (da 125 a 500 euro) e la possibilità di sospensione dell’attività (da 3 a 15 giorni) in caso di recidiva. Per l’accertamento di quest’ultima varranno anche contestazioni precedenti.

La questione – lo ricordiamo – è nata a maggio in seguito alle lamentele dei residenti e di alcuni esercenti del porto. 31 i firmatari di un esposto indirizzato al primo cittadino per chiedere interventi e correggere il tiro allo scenario della piazzetta del porto descritta come “invivibile”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Maratea, revocato divieto balneazione Fiumicello

Valori di di escherichia coli ed enterococchi nuovamente nei limiti di legge. Il sindaco Stoppelli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright