Home / IN PRIMO PIANO / Maratea, carenze 118: l’Asp chiama… la Calabria

Maratea, carenze 118: l’Asp chiama… la Calabria


Rigiriamo all’Asp osservazioni di alcuni cittadini di Maratea sul servizio 118 al pronto soccorso. L’Asp ci risponde e chiede: “Carenza medici qualificati, aiutateci a trovarli in Calabria”.

MARATEA – L’Azienda sanitaria di Potenza non riesce a reperire medici qualificati per potenziare il 118 presso l’ospedale di Maratea e chiede alla nostra redazione di divulgare l’appello in territorio calabrese.

Ci sarebbe la volontà di medicalizzare l’ambulanza presente presso il pronto soccorso del “Giovanni De Lieto” ma, attualmente, non si hanno in organico medici che abbiano svolto 400 ore di medicina d’urgenza. Per questo motivo ci è stato chiesto di farlo sapere in Calabria al fine di colmare questa lacuna.

Può sembrare strano in tempi in cui le due regioni confinanti continuano a segnalarsi per risultati opposti nella sanità. L’una, la Basilicata, pronta a riorganizzare un sistema già ampiamente apprezzato, con poche disfunzioni e attrattore dell’emigrazione sanitaria delle altre regioni. Tra cui proprio l’altra, la Calabria, in cui le aziende sanitarie sono setacciate dagli investigatori, concorsi e assunzioni sono in paralisi, gli ospedali vengono chiusi o cadono a pezzi e in cui si è spesso costretti a curarsi altrove. Ma procediamo con ordine.

Tutto incomincia con un gruppo di cittadini di Maratea che ha deciso di contattarci e chiederci di sollevare un disservizio relativo al 118 dell’ospedale della loro città.

Ecco cosa ci hanno scritto. “Vi scriviamo per mostrare un problema che è stato segnalato più volte a diverse istituzioni, ma mai nessuno ha fatto qualcosa per risolverlo. Da anni abbiamo il servizio 118 non medicalizzato. Ci chiediamo come mai in un paese turistico non si è fatto mai qualcosa per avere un medico a bordo dell’autoambulanza? Purtroppo come ben sapete, a volte la vita di un uomo può essere salvata” da un intervento tempestivo e qualificato “e a maggior ragione in un paese turistico dove nei mesi estivi la popolazione aumenta. Non si può mettere a rischio la vita umana, anche perché abbiamo avuto diverse situazioni in cui è arrivata l’ambulanza ovviamente senza medico e purtroppo non c’è stato nulla da fare. Dalla Regione Basilicata è stato rilasciato un permesso solo di 10 giorni annui, vale a dire dal 10 al 20 agosto. Inoltre voglio aggiungere pure che” essendo stato depotenziato l’ospedale di Maratea “per questioni di politica, l’ospedale più vicino è a 20 chilometri di distanza”.

Ecco, invece, cosa ci ha risposto il direttore generale dell’Asp Giovanni Battista Bochicchio per il tramite dell’ufficio stampa aziendale.

“L’Azienda sanitaria di Potenza da tempo sta cercando di potenziare la postazione del 118 dell’ospedale di Maratea con una autoambulanza medicalizzata, ma non riesce a reperire medici che abbiano l’attestato del corso di 400 ore di medicina d’urgenza. All’ospedale di Maratea è attivo oltre al pronto soccorso anche la guardia medica e si vorrebbe potenziarlo con l’autoambulanza medicalizzata. Si approfitta, perciò, dell’occasione data da questa redazione per divulgare anche nella Regione Calabria l’appello ai medici che hanno il requisito sopra richiesto di mettersi in contatto con l’Azienda sanitaria di Potenza”.

Un altro aspetto che dall’Asp ci tengono a sottolineare è che non è escluso che lo stato delle cose attuale non cambi visto che è la Regione Basilicata è in procinto di procedere a riorganizzazione del sistema sanitario lucano.

L'ospedale "Giovanni De Lieto" di Maratea
L’ospedale “Giovanni De Lieto” di Maratea (foto: Asp Potenza)

About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Maratea, revocato divieto balneazione Fiumicello

Valori di di escherichia coli ed enterococchi nuovamente nei limiti di legge. Il sindaco Stoppelli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright