Home / COMUNI / BELVEDERE / Belvedere, depuratore: 2 iscritti nel registro degli indagati

Belvedere, depuratore: 2 iscritti nel registro degli indagati


La procura chiude le indagini sul caso delle 750 tonnellate di fanghi spariti nel nulla dal depuratore di Belvedere Marittimo. Indagati ex gestori.

green multiservice disinfezione

BELVEDERE MARITTIMO – Un altro mistero di fanghi provenienti da impianti di depurazione svaniti nel nulla. E un’altra indagine, l’ennesima, a cui ci ha abituati la Procura della Repubblica di Paola che sul fronte inquinamento marino non concede e non ha tregua.

Il decreto di chiusura indagine porta all’iscrizione nell’apposito registro dei gestori dell’impianto di depurazione di Belvedere Marittimo succedutisi nei due anni all’attenzione degli inquirenti ed è firmato dal procuratore capo, Bruno Giordano.

Si tratta di Vincenzo Malomo e di Carmelo Malomo in qualità di amministratori unici della società Emid Srl. Il primo responsabile nel periodo che va da giugno a dicembre 2013, il secondo invece nel periodo compreso tra dicembre 2013 e giugno 2015.

In particolare a Belvedere è stato effettuato uno studio tecnico per i calcoli sulla quantità dei fanghi smaltiti e da smaltire. Studio che prima è stato effettuato dai tecnici della Provincia di Cosenza e poi è stato avallato da un docente universitario.

Le accuse ai Malomo sono quelle della frode nell’esecuzione della gestione dell’impianto di depurazione comunale in quanto: “Omettevano la gestione ordinaria sindacale n. 72/13 non provvedendo allo smaltimento dei fanghi derivanti dal ciclo operativo ed in particolare smaltivano soltanto 71,92 tonnellate a fronte della 745 – 780 tonnellate (stima tecnica prudenziale calcolati in base agli abitanti equivalenti, ndr).

Inoltre omettevano di smaltire i fanghi derivanti dal ciclo di depurazione in determinati periodi. In tal modo e per effetto dell’inadempimento venivano a mancare le opere necessarie alla depurazione e il servizio risultava del tutto inidoneo rispetto alla sua funzione con impatti negativi sotto il profilo igienico sanitario e ambientale”.

Inoltre Vincenzo e Carmelo Malomo smaltivano in assenza della prescritta autorizzazione in due anni i due terzi dei fanghi derivanti dal ciclo di depurazione dell’impianto di trattamento sito in località Praie di Belvedere.

I due sono difesi dall’avvocato Vito Caldiero del foro di Paola e Luigi Malomo del foro di Castrovillari.


About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

Coronavirus Calabria, 28 nuovi positivi nelle ultime 24 ore

Quindici nella sola provincia di Cosenza che continua a essere quella maggiormente colpita. Totale contagiati …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright